Il nuovo studio mostra come i tumori rendono non valido il sistema immunitario per sopravvivere a e spargersi

Lo scopo della maggior parte dei cancri è di coltivare ed assumere la direzione dell'organismo di ospite. Il sistema immunitario lungamente è stato nei crosshairs dei ricercatori del cancro, come svolge un ruolo centrale nella difesa del corpo umano dall'invasione non Xeros. In un nuovo studio, i ricercatori dall'università di Tsukuba hanno rivelato che i tumori che producono una proteina chiamata CD155 solubile si accumulano nei polmoni dei mouse rendendo non valido il sistema immunitario degli animali.

CD155 solubile è una proteina che è fatta da molte celle differenti nell'organismo e svolge un ruolo importante in come le celle migrano e si sviluppano. Sorprendente, parecchi studi dal gruppo all'università di Tsukuba hanno indicato che i livelli elevati del siero di CD155 solubile possono essere trovati in pazienti con i vari tipi di cancri.

La correlazione non implica la causa. Abbiamo voluto sapere specificamente CD155 solubile è compreso nella crescita di cancro.„

Kazuko Shibuya, autore corrispondente dello studio e professore associato

Per funzionare, le proteine legano ad altre proteine. CD155 è stato indicato a legatura alle proteine DNAM-1, TIGIT e CD96, che sono espressi dai vari tipi di celle immuni. Per raggiungere il loro scopo, i ricercatori hanno cambiato le cellule tumorali, chiamate celle del melanoma B16/BL6, per produrre CD155 solubile. Una volta iniettate nei mouse normali o nei mouse che sono carenti in TIGIT o in CD96, le cellule tumorali solubili di CD155-producing B16/BL6 potevano sistemarsi e svilupparsi in loro polmoni, più in modo da di quanto rispetto alle cellule tumorali B16/BL6 che non erano state cambiate. Abbastanza accaduto opposto, tuttavia, quando lo stesso esperimento è stato eseguito con i mouse carenti in DNAM-1--i ricercatori non potrebbero trovare un più grande tumore nei polmoni degli animali.

“I nostri risultati indicano che DNAM-1 è stato compreso in qualche modo negli atti dipromozione di CD155 solubile,„ dice l'autore principale dello studio Genki Okumura. “Il nostro scopo seguente era di esplorare più ulteriormente come le due proteine interagiscono per permettere alla crescita di cancro„.

I ricercatori poi hanno vuotato certo tipo di celle immuni, hanno chiamato le celle di uccisore (NK) naturali, nei mouse ed hanno trovato che tutta la differenza fra i mouse è scomparso. In ulteriori esperimenti, hanno trovato che CD155 solubile ha impedito alle celle di NK di rilasciare le piccole proteine che sono tossiche alle cellule tumorali legando a DNAM-1.

“Questi sono risultati notevoli che mostrano come una singola proteina può drasticamente cambiare il destino di un tumore. L'ottimizzazione del CD155 solubile potrebbe quindi essere una nuova strategia potente per trattare il cancro,„ dice Shibuya.

Poichè le celle del tumore devono proteggersi dal sistema immunitario per svilupparsi, trovando e rendendo non valide i loro modi sopravvivere a potrebbe significare la sconfitta la crescita e della diffusione di cancro. L'ottimizzazione del CD155 solubile ha potuto significare una terapia migliore per vari tipi di cancri.

Source:
Journal reference:

Okumura, G., et al. (2020) Tumor-derived soluble CD155 inhibits DNAM-1–mediated antitumor activity of natural killer cells. Journal of Experimental Medicine. doi.org/10.1084/jem.20191290.