I pasti ad alta percentuale di grassi e ad alta percentuale proteica possono fare appello a ai batteri difficile di Clostridioides

È a dieta come il fuoco del cheto, di Paleo e di Atkins sui pasti ad alta percentuale di grassi e ad alta percentuale proteica che sono spesso bassi in carboidrati. Questa miscela può fare appello a ai batteri difficile di Clostridioides, anche.

In un nuovo studio pubblicato questa settimana nei mSystems, un giornale di aperto Access della società americana per microbiologia, ricercatori riferisce che i mouse hanno alimentato una dieta ad alta percentuale proteica e ad alta percentuale di grassi era più probabile acquistare un'infezione difficile micidiale del C. che i mouse mangianti una dieta standard. I loro risultati egualmente suggeriscono che un livello di dieta in carboidrati protegga dall'infezione.

Ogni anno negli Stati Uniti, le centinaia di migliaia di gente sono diagnosticate con le infezioni difficile del C. e più di 10.000 muoiono, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. La cattura degli antibiotici aumenta il rischio di una persona di infezione.

I ricercatori dietro il lavoro recente avvertono che il loro studio è stato fatto sui mouse e la ricerca supplementare è necessaria stabilire una connessione fra queste diete ed infezioni nella gente. Allo stesso tempo, discutono, è un viale della ricerca che è importante da esplorare.

Dobbiamo esaminare gli esseri umani per vedere se correla. Sappiamo che la gente sta seguendo queste diete estreme differenti e realmente non abbiamo una buona manopola su cui questi cambiamenti stanno facendo ai nostri sistemi.„

Ernesto Abel-Santos, Ph.D., chimico, università di Nevada, Las Vegas (UNLV)

“Conosciamo molto bene che la dieta pregiudica il microbiome dell'intestino,„ il microbiologo aggiunto Brian Hedlund, Ph.D., anche a UNLV. Hedlund e Abel-Santos guidati co il nuovo studio.

Il gruppo ha studiato 4 gruppi di mouse con 5 animali ciascuno. Ogni gruppo ha ricevuto gli antibiotici ed è stato alimentato una dieta differente: uno era ad alta percentuale di grassi, ad alta percentuale proteica; un altro era ad alta percentuale di grassi, povero in proteine; un terzo era alto-carboidrato; ed il quarto era una dieta standard del laboratorio per i mouse sperimentali.

I risultati erano sensazionali. Nel gruppo ad alta percentuale proteica e ad alta percentuale di grassi, tutti gli animali hanno sviluppato le infezioni severe e sono morto nei 4 giorni. Nel gruppo ad alta percentuale di grassi e povero in proteine, soltanto 2 animali sono morto. Nel gruppo del alto-carboidrato, 2 mouse hanno mostrato i sintomi delicati ed hanno recuperato e nel gruppo standard di dieta, tutti animali dati segni dell'infezione ma anche recuperati.

Gli studi recenti suggeriscono che perché gli antibiotici uccidono indiscriminante le specie di batteri, i farmaci decimino le popolazioni degli organismi che competono per gli amminoacidi, lascianti il C. difficile liberamente alla propagazione. Ma Hedlund ha detto che la storia è ancor più complessa. “È chiaro che non è appena un gioco di numeri,„ lui ha detto. Il lavoro recente suggerisce che la dieta possa promuovere i gruppi microbici che possono essere protettivi, anche dopo gli antibiotici. Affinchè un'infezione vi fiorisca, disse, “potrebbe avere bisogno di questa combinazione di eliminazione dei concorrenti difficile del C. con gli antibiotici e poi una dieta che promuove la crescita eccessiva e la malattia.„

Il nuovo studio ha sollevato le questioni che i ricercatori perseguiranno negli studi futuri. Per esempio: La dieta di alto-CARB, che è sembrato protettiva contro l'infezione difficile del C., ha provocato la meno diversa comunità dei microbi. “I lotti dei documenti dicono che una diversità microbica più bassa è sempre una cattiva cosa, ma in questo caso, ha avuta il migliore risultato di malattia,„ ha detto Abel-Santos. Tuttavia, avverte che una dieta di alto-CARB potrebbe piombo animali ai diventanti i portatori asintomatici che possono diffondere l'infezione ai soggetti suscettibili.

Il gruppo egualmente comincerà ad esaminare i modi capire la connessione fra la dieta e l'infezione difficile del C. nella gente. “Se questo tradurrà agli esseri umani o non, non sono completamente sicuro,„ ha detto Abel-Santos. “Ma la prossima volta catturo gli antibiotici, non sto andando mangiare una dieta di Atkins o ad alta percentuale proteica.„