Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Sventri la composizione e la diversità nei batteri collegate ai tratti umani di personalità

Il Dott. Katerina Johnson, che ha condotto il suo Ph.D. nel dipartimento dell'università della psicologia sperimentale, stava ricercando la scienza di quella “sensibilità di intestino„ - la relazione fra i batteri che vivono nell'intestino (il microbiome dell'intestino) ed i tratti comportamentistici. In un grande studio umano ha trovato che sia la composizione che la diversità nel microbiome dell'intestino sono state collegate con le differenze nella personalità, compreso socievolezza e la nevroticità.

Ha detto: “Sta coltivando la ricerca che collega il microbiome dell'intestino al cervello ed al comportamento, conosciuti come l'asse del microbiome-intestino-cervello. La maggior parte della ricerca è stata condotta in animali, mentre gli studi in esseri umani hanno messo a fuoco sul ruolo del microbiome dell'intestino nelle circostanze neuropsichiatriche. Al contrario, il mio interesse chiave era di guardare nella popolazione in genere per vedere come la variazione nei tipi di batteri che vivono nell'intestino può essere collegata con personalità.„

Gli studi precedenti hanno collegato il microbiome dell'intestino ad autismo (una circostanza caratterizzata da comportamento sociale alterato). Lo studio del Dott. Johnson ha trovato che i numerosi tipi di batteri che erano stati associati con autismo nella ricerca precedente egualmente sono stati collegati con le differenze nella socievolezza nella popolazione in genere. Katerina ha spiegato: “Questo suggerisce che il microbiome dell'intestino possa contribuire non solo ai tratti comportamentistici estremi veduti nell'autismo ma anche alla variazione nel comportamento sociale nella popolazione in genere. Tuttavia, poiché questo è uno studio rappresentativo, la ricerca futura può trarre giovamento direttamente dallo studio dell'effetto che potenziale questi batteri possono avere su comportamento, che può contribuire per informare lo sviluppo di nuove terapie per autismo e la depressione.„

Un'altra individuazione interessante relativo a comportamento sociale era che la gente con le più grandi reti sociali ha teso ad avere un microbiome più diverso dell'intestino, che è associato spesso con migliore salubrità dell'intestino e salubrità generale.

Katerina ha commentato:

Ciò è il primo studio per trovare un collegamento fra socievolezza e diversità del microbiome in esseri umani e segue sopra dai simili risultati in primati che hanno indicato che le interazioni sociali possono promuovere la diversità del microbiome dell'intestino. Questo risultato indica che gli stessi possono anche essere veri in popolazioni umane.„

Per contro, lo studio ha trovato che la gente con il più alto sforzo o ansia ha avuta una diversità più bassa del microbiome.

I vari risultati chiave e novelli egualmente sono stati riferiti in questo studio. Specialmente, adulti che formula-erano stati alimentati poichè i bambini hanno avuti un microbiome meno diverso nell'età adulta. Katerina ha commentato: “Questo è la prima volta questo è stato studiato in adulti ed i risultati indicano che la nutrizione infantile può avere conseguenze a lungo termine per salubrità dell'intestino.„ La diversità egualmente è stata collegata positivamente con il viaggio internazionale, forse dovuto l'esposizione ai microbi novelli ed alle diete differenti. I mangiatori più avventurosi hanno avuti un microbiome più diverso dell'intestino mentre quelli su una dieta senza latteria hanno avuti diversità più bassa. Ancora, la diversità era maggior nella gente con una dieta alta nelle sorgenti naturali del probiotics (per esempio formaggio, crauti, kimchi fermentati) e del prebiotics (per esempio banana, legumi, interi granuli, asparago, cipolla, porro), ma considerevolmente non quando modulo contenuto di supplemento.

“La nostra attuale vita può fornire una tempesta perfetta per il dysbiosis dell'intestino. Piombo le vite stressanti con meno interazioni sociali e meno tempo spese con la natura, le nostre diete sono in genere carenti in fibra, abitiamo negli ambienti oversanitized e dipendiamo dai trattamenti antibiotici. Tutti questi fattori possono influenzare il microbiome dell'intestino ed in modo da possono pregiudicare il nostri comportamento e benessere psicologico nei modi corrente sconosciuti.„

Source:
Journal reference:

Johnson, K. (2020) Gut microbiome composition and diversity are related to human personality traits. Human Microbiome Journal. doi.org/10.1016/j.humic.2019.100069.