Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I funzionari della sanità possono sottovalutare la prevalenza di uso teenager della e-sigaretta

Juul, la marca popolare della e-sigaretta che sta citanda per il rifornimento dell'epidemia di combustibile della e-sigaretta della gioventù, può influenzare la percezione degli studenti della High School di vaping tali che alcuni utenti di Juul non si considerano utenti della e-sigaretta, da uno studio guidato Rutgers trova.

L'ubiquità del termine “Juuling„ ha creato le sfide per uso di misurazione della e-sigaretta, in modo da 2018 in un'indagine messa a fuoco tabacco di 4.183 studenti pubblici della High School nel New Jersey, i ricercatori hanno aggiunto le domande specifiche di Juul per valutare l'uso della e-sigaretta e trovare gli studenti della High School ha riferito il più alto uso quando Juul è stato incluso nella misura di uso della e-sigaretta. In alcuni casi, l'aggiunta della domanda specifica di Juul ha provocato gli aumenti drammatici nei preventivi della e-sigaretta della gioventù, specialmente per le studentesse e gli studenti neri. Per esempio, prevalenza della e-sigaretta quasi raddoppiata fra gli studenti neri quando l'uso di Juul era incluso.

Lo studio, pubblicato nella rete di JAMA aperta, suggerisce che i funzionari della sanità potrebbero sottovalutare la prevalenza di uso teenager della e-sigaretta.

“Abbiamo sospettato che la marca Juul ha contribuito all'aumento di uso della e-sigaretta fra gli anni dell'adolescenza, ma penso che siamo stati sorpresi alle dimensioni della popolarità della marca fra i giovani,„ ha detto Maria Hrywna, un assistente universitario al centro per gli studi del tabacco ed al banco di Rutgers della salute pubblica che co-ha creato lo studio con Michelle B. Manderski, anche dal centro e dal banco della salute pubblica e Cristine Delnevo, Direttore del centro di Rutgers per gli studi del tabacco. Hrywna ha aggiunto che “quasi la metà degli utenti correnti della e-sigaretta ha detto che Juul era il primo prodotto della e-sigaretta hanno provato e più della metà di alti studenti ha riferito vedere l'uso Juul della gente per i motivi del banco.„

I ricercatori hanno trovato che corrente ed il frequente uso della e-sigaretta era più alto fra i dodicesimi selezionatori ed in effetti uno che su dieci anziani di High School riferiti facendo uso delle e-sigarette 20 o più giorni nei 30 giorni che precedono l'indagine.

Questo reticolo di uso pesante è coerente con dipendenza di nicotina. È tuttavia non sorprendente dato l'alta consegna del nicotina di Juul„.

Cristine Delnevo, Direttore del centro di Rutgers per tabacco studia

“Dobbiamo pensare più con attenzione a come le domande future sono costruite quando valuta l'uso della e-sigaretta fra gli anni dell'adolescenza,„ Hrywna ha detto. “I responsabili della politica devono capire come determinate marche hanno determinato l'uso della e-sigaretta e ottener con faticae le polizze che indirizzano le restrizioni dall'età e dalla posizione pure le alte concentrazioni nel nicotina in questi prodotti se speriamo di diminuire queste tariffe di prevalenza.„

Source:
Journal reference:

Hrywna, M., et al. (2020) Prevalence of Electronic Cigarette Use Among Adolescents in New Jersey and Association With Social Factors. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2019.20961.