Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: I tassi di sopravvivenza sono migliorato dopo trapianto di rene durante l'infanzia

Un'analisi di informazioni dall'Australia indica che sopravvivenza dopo che il trapianto di rene durante l'infanzia è migliorato drasticamente durante gli ultimi 40 anni, piombo tramite le diminuzioni nelle morti dalla malattia cardiovascolare e dall'infezione. I risultati compaiono in un'emissione imminente di CJASN.

I tassi di sopravvivenza sono migliorato negli ultimi anni per i bambini che hanno ricevuto i trapianti del rene, ma è poco chiaro se le cause della morte sono cambiato col passare del tempo. Per studiare, Anna Francis, il PhD (università di Sydney, in Australia) ed i suoi colleghi hanno analizzato le informazioni su tutti i destinatari di un primo trapianto del rene che sono stati invecchiati 19 anni o sotto in Australia ed in Nuova Zelanda fra 1970 e 2015.

Complessivamente 1810 destinatari sono stati seguiti per una mediana di 13,4 anni. Di questi, 431 (24%) sono morto, 174 (40%) dalle cause cardiovascolari, 74 (17%) dall'infezione, 50 (12%) da cancro e 133 (31%) da altre cause.

I tassi di sopravvivenza sono migliorato col passare del tempo, con la sopravvivenza di cinque anni che aumenta da 85% per i quei in primo luogo trapiantati nel 2005 al 2015 nel 1970-1985 a 99%. Ciò era soprattutto dovuto le riduzioni delle morti dalle cause e dalle infezioni cardiovascolari. Rispetto ai pazienti trapiantati nel 1970-1985, il rischio della mortalità era 72% più in basso fra quelli trapiantato nel 2005-2015, dopo avere registrato per ottenere i fattori di confusione di potenziale.

Stavamo sperando di vedere se la sopravvivenza fosse migliorato col passare del tempo e siamo deliziati vedere i miglioramenti massicci per i bambini con i trapianti del rene.„

Dott. Anna Francis, università di Sydney