diuretico Linea guida-raccomandato collegato agli effetti secondari che simile droga antipertensiva

Chlorthalidone, il diuretico linea guida-raccomandato per l'abbassamento della pressione sanguigna, causa gli effetti secondari più seri che l'idroclorotiazide, un diuretico similmente efficace, secondo un nuovo studio piombo dai ricercatori al centro medico di Irving di Columbia University. I risultati, pubblicati nella medicina interna di JAMA, contrappongono con le linee guida correnti del trattamento che raccomandano il chlorthalidone sopra idroclorotiazide.

I ricercatori hanno trovato che i pazienti che catturano il chlorthalidone hanno avuti quasi tre volte il rischio di sviluppare i livelli pericolosamente bassi di potassio e un maggior rischio di altri squilibri dell'elettrolito e problemi del rene ha paragonato a quelli che catturano l'idroclorotiazide. Le informazioni dal più grande database determinato studiato dal gruppo hanno rivelato che 6,3% dei pazienti hanno trattato con il hypokalemia sperimentato chlorthalidone (potassio basso di sangue), rispetto a 1,9% dei pazienti che sono stati curati con idroclorotiazide.

Le tariffe di Hypokalemia sono rimanere più su per i pazienti che catturano il chlorthalidone anche quando dato ad una dose più bassa che l'idroclorotiazide.

“Medici che prescrivono il chlorthalidone dovrebbero riflettere per determinati effetti secondari nei loro pazienti,„ dice George Hripcsak, professore di MD, del ms, della presidenza e di Vivian Beaumont Allen dell'informatica biomedica all'istituto universitario di Vagelos di Columbia University dei medici e chirurghi e autore principale dello studio.

Lo studio, che ha esaminato 17 anni di dati su più di 730.000 persone hanno trattato per ipertensione, è la più grande analisi multicentra direttamente che confronta le due droghe antipertensive nella popolazione paziente generale.

I risultati sono stati generati dalla generazione e dalla valutazione su grande scala di prova in una rete dello studio di ipertensione dei database (LEGENDA), un metodo per analizzare i dati in milioni di cartelle mediche elettroniche intorno al mondo sviluppato tramite la rete d'osservazione di scienze e dell'informatica di dati di salubrità (OHDSI), che ha un centro di coordinazione centrale alla Columbia University.

Uno studio più iniziale di ipertensione di LEGENDA, pubblicato in The Lancet, trovato che il diuretico tiazidico era più efficace ed ha causato meno effetti secondari che gli ACE-inibitore una volta usato come C. prima linea.

Nel documento corrente, i ricercatori hanno trovato che il chlorthalidone e l'idroclorotiazide erano similmente efficaci nell'impedire l'attacco di cuore, l'ospedalizzazione per infarto ed il colpo. Tuttavia, i pazienti curati con il chlorthalidone hanno avuti un elevato rischio significativamente degli effetti secondari, compreso il hypokalemia, che può piombo ai ritmi anormali del cuore; iposodiemia (sodio basso), che può causare la confusione; insufficienza renale; e diabete di tipo 2.

La differenza nell'avvenimento degli effetti secondari direzione. I problemi cronici ed acuti di Hypokalemia, di iposodiemia, del rene, con altri squilibri dell'elettrolito, sono tutti gli effetti secondari potenzialmente pericolosi.„

George Hripcsak, autore principale dello studio

Il nuovo studio non è il primo per trovare gli effetti secondari connessi con il chlorthalidone. Uno studio d'osservazione precedente ha trovato che la droga è stata associata con più squilibri dell'elettrolito che l'idroclorotiazide.

Quasi 95% dei pazienti nello studio in primo luogo sono stati curati con idroclorotiazide, che era il diuretico preferito per il trattamento dell'ipertensione in tutto la maggior parte del periodo di studio (2001-2018). Tuttavia, nel 2017, l'istituto universitario americano della cardiologia e l'associazione americana del cuore hanno pubblicato le nuove linee guida che favoriscono il chorothalidone, in base all'emivita più lunga ed alla prova indiretta della droga che può essere più efficace nella diminuzione del rischio cardiovascolare.

“Finché non abbiamo più studi direttamente confrontare i due diuretici, realmente non sappiamo se il rischio degli effetti secondari veduti negli studi d'osservazione supera i vantaggi cardiovascolari potenziali,„ diciamo Hripcsak, che nota che l'ufficio di VA di ricerca e sviluppo ora sta conducendo un test clinico ripartito con scelta casuale per contribuire a sistemare il dibattito.

Il gruppo di ricerca ha eseguito parecchie analisi di sensibilità (tempo al rischio, alla pressione sanguigna, alla dose) come pure altri best practice sviluppati all'interno della rete di OHDSI (segnatura compresa di tendenza e l'uso dei comandi negativi) per assicurare una mancanza di tendenziosità nei risultati. Questi best practice sono usati in tutto il progetto di LEGENDA, che i collaboratori di OHDSI credono continueranno ad urtare le decisioni critiche nella sanità. Queste analisi assicurano che i gruppi confrontati siano simili nella severità della malattia, dei comorbidities, delle pressioni sanguigne del riferimento, dell'età, del sesso e di tutte le altre variabili misurabili.

“la LEGENDA è un approccio novello che potrebbe trasformare il modo che utilizziamo la prova nell'ambiente nella sanità,„ dice il co-author Patrick Ryan, il PhD, assistente universitario dell'aggiunta dell'informatica biomedica a Colombia. “Piuttosto che inefficacemente conducendo ha annunciato il un-domanda-un-metodo-un-database--un-tempo delle analisi, lasciante ci vulnerabili alle varie minacce contro validità scientifica, la LEGENDA fornisce una struttura sistematica che può riproducibile generare la prova applicando l'analisi dei dati avanzata attraverso una rete dei database disparati per una grande selezione delle esposizioni e dei risultati.„

“Non solo l'offerta di LEGENDA un percorso sottopone a operazioni di disgaggio ai bisogni reali della comunità di sanità,„ Ryan ha aggiunto, “egualmente fornisce i sistemi diagnostici complementari per aiutarci a capire quanto possiamo fidarci della prova che abbiamo prodotto.„