Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di NUS identificano la nuova proteina per impedire dalla la neuropatia indotta da chemioterapia

Un gruppo dei ricercatori dalla scuola di medicina di Lin del gabinetto di NUS Yong ha identificato una proteina novella che impedirebbe lo sviluppo della neuropatia in malati di cancro che ricevono la chemioterapia.

La chemioterapia è uno dei trattamenti il più comunemente raccomandati per molti moduli di cancro. Un effetto secondario principale, tuttavia, è la neuropatia periferica, o il danno o la disfunzione di uno o più nervi che provocano tipicamente l'intorpidimento, il formicolio, la debolezza di muscolo ed il dolore nell'area commovente. Comincia frequentemente nelle mani e nei piedi di un paziente, sebbene altre regioni e parti del corpo possano anche essere commoventi.

Dal momento che, non c'è modo impedire o trattare la neuropatia causata dalle droghe della chemioterapia. La sola opzione è di limitare o interrompere il trattamento di chemioterapia. Di conseguenza, molti pazienti non possono tollerare il pozzo della chemioterapia.

In uno studio recente pubblicato dal giornale di biochimica, da un gruppo dei ricercatori piombo insieme da Sig. di Raymond Deron di assistente universitario e dall'assistente universitario Raghav Sundar dalla scuola di medicina di Lin del gabinetto di NUS Yong precisata per esaminare se S1P2, una proteina di ricevitore che risiede sulla superficie delle celle nel sistema nervoso, è un obiettivo potenziale nel trattamento dalla della neuropatia indotta da chemioterapia. Il gruppo in primo luogo ha esaminato gli effetti alle delle droghe basate a platino della chemioterapia, quale il cisplatin, sul regolamento di S1P2 ed ha trovato che la chemioterapia altera l'attività S1P2. Il più ancora del gruppo dimostrato che l'attivazione di S1P2 con un composto del tipo di droga, può proteggere le cellule nervose da danno e da dolore. Ciò è contrariamente alla capitalizzazione dei radicali liberi in nervi, piombo alla degenerazione del nervo quando il ricevitore è eliminato. Il gruppo ha concluso che è possibile bloccare sia la lesione del nervo che il dolore quando S1P2 è attivato con una droga mentre amministra il cisplatin.

Ci sono tre classi importanti di droghe che causano la neuropatia: composti del platino (cisplatin e oxaliplatino), taxani (paclitaxel) e un farmaco mirato a conosciuto come bortezomib.

Mentre lo studio ha messo a fuoco sugli effetti del cisplatin, in base a cui conosciamo circa i trattamenti molecolari, è probabile che una droga S1P2 funzionerà in tutti i casi dalla della neuropatia indotta da chemioterapia. Ancora, è possibile che una tal droga potrebbe trattare molti altri moduli della neuropatia, come quelli causati dalla ferita del nervo, dalla malattia autoimmune, o dal diabete.„

Dott. Raymond Deron Sig., assistente universitario, scuola di medicina di Lin del gabinetto di NUS Yong

“La neuropatia o l'intorpidimento dalla chemioterapia è un effetto collaterale comune e debilitante affrontato dai pazienti, con pochi trattamenti provati. Il nostro studio fornisce una comprensione più profonda della biologia di questa circostanza, permettendo che i trattamenti potenziali diminuiscano dalla la neuropatia indotta da chemioterapia da diventare. Corrente stiamo esplorando le nuove molecole della droga che permetterebbero l'attivazione di S1P2 in un modo più efficace e più stabile,„ abbiamo aggiunto il Dott. Sundar, che è egualmente un consulente con il dipartimento dell'Ematologia-Oncologia all'istituto nazionale del Cancro dell'università, Singapore (NCIS) e l'ospedale universitario nazionale.

I dati clinici per questo studio sono stati generati dai malati di cancro di Singapore che subiscono il trattamento a NCIS, un'istituzione nazionale del sistema di salubrità dell'università.

In un cenno del capo alla ricerca approfondita del Dott. Sig. e del Dott. Sundar nel campo di farmacologia, lo studio è stato selezionato come la notizia da copertina nell'edizione del 24 gennaio del giornale della biochimica.

Source:
Journal reference:

Wang, W., et al. (2020) Activation of sphingosine 1-phosphate receptor 2 attenuates chemotherapy-induced neuropathy. Journal of Biological Chemistry. doi.org/10.1074/jbc.RA119.011699.