Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli organi da epatite C-hanno infettato il vantaggio dei donatori molti pazienti del rene

Un nuovo approccio medico raccomandato dall'università di medico-ricercatori di Cincinnati può diminuire i tempi di attesa dell'organo, risparmiare la moneta, amplificare la qualità di vita e prolungare la speranza di vita per i pazienti del rene.

Secondo un'analisi computerizzata condotta dalla facoltà nell'istituto universitario del UC di medicina, facendo uso dei reni da epatite virale C (HCV) - donatori infettati per trapianto nei pazienti sottoposti a dialisi e poi nel trattamento non HCV infettati dell'infezione in seguito potrebbe ridurre l'aspettare medio un rene a partire da quattro anni a 1,56 anni. Quella è una riduzione di 61 per cento.

Ciò importa perché i pazienti su dialisi hanno un elevato rischio molto della morte ogni anno. I pazienti che ricevono l'emodialisi affrontano un tasso di mortalità in eccesso su quanto 15% all'anno, mentre il tasso di mortalità per i pazienti che ricevono i trapianti del rene è annualmente 2%. Se possiamo accorciare il lasso di tempo di che i pazienti hanno bisogno per vivere su emodialisi, la sopravvivenza può migliorare.„

Tracci Eckman, professore e Direttore della divisione del UC di medicina interna generale

I risultati sono accessibili in linea nel giornale americano delle malattie renali e Eckman, anche un medico di salubrità del UC, è l'autore principale dello studio.

I dati automatizzati di usi del modello analitico di decisione dalla rete unita per la divisione dell'organo e la registrazione scientifica dei destinatari del trapianto per stabilire un tempo di attesa medio per i pazienti sottoposti a dialisi di quattro anni per un rene non infetto, hanno detto Eckman.

Negli Stati Uniti, approssimativamente 103.000 pazienti sono trapianto di rene waitlisted. Nel 2018, soltanto 14.725 o 4% hanno ricevuto i trapianti del rene, hanno detto Eckman.

Il modello elaborato dal calcolatore mostra a risultati per gli entrambi l'efficacia, misurati negli anni di vita di qualità-regolato come pure nel costo. I pazienti che ricevono i trapianti con un rene HCV-infettato hanno guadagnato quasi 10 mesi nella speranza di vita di qualità-regolato rispetto a coloro che ha aspettato lungamente trapianto con un rene non infettato con HCV. gli anni di vita di Qualità-regolato considerano la durata della sopravvivenza e la qualità di quegli anni.

Eckman dice che la qualità di vita durante il tempo che segue trapianto di rene è superiore a quella per gli anni un paziente rimane su dialisi.

Ci sono egualmente le riduzioni dei costi di $37.918 durante la vita del paziente quando qualcuno accetta un rene HCV-infettato e poi è trattato per epatite virale C confrontata all'aspettare un rene non infetto ed a continuare la dialisi nel trattamento, secondo analisi computerizzata. Eckman ha detto che i pazienti che ricevono l'emodialisi hanno costi medici superare $95.000 annualmente, mentre i costi dopo la chirurgia di trapianto sono approssimativamente $36.000 all'anno. I medici possono ora fare maturare grazie di epatite virale C ad un nuovo regime terapeutico di 12 settimane.

Gli ultimi risultati che mostrano i vantaggi possibili per il trapianto dei reni HCV-infettati nei pazienti non infettati con lo specchio che di epatite virale C uno studio 2018 creato da Eckman che egualmente ha trovato un vantaggio nel trapianto dei reni HCV-infettati nei pazienti già ha infettato con epatite virale C.

Il modello analitico di decisione simula gli eventi che accadono col passare del tempo esaminando due strategie differenti. Una strategia usa i reni da un donatore non HCV infettato mentre l'altra usa i reni da un donatore HCV-infettato. Molti fattori pregiudicano il tempo di attesa per un rene donato quali gruppo sanguigno e posizione di centro del trapianto di un paziente. La disponibilità aumentata dei reni HCV-infettati è in gran parte il risultato di un impulso nel numero delle morti dagli overdose in relazione con l'opioide, ha detto Eckman.

L'emodialisi è dura sull'organismo ed è un fattore importante in pazienti che cercano una sostituzione del rene, ha detto Eckman.

“I pazienti su dialisi hanno grandi spostamenti di volume fluido e riequilibratura degli elettroliti durante l'ogni sessione di dialisi che accadono tipicamente tre volte una settimana,„ ha detto Eckman. “Che crea gli sforzi fisiologici. Una grande parte della mortalità connessa con dialisi è dovuto gli eventi cardiovascolari, alcuni di cui possono essere collegati con il volume si spostano, cambiano nella pressione sanguigna e cambiano in elettroliti che accompagnano la dialisi.„

La qualità di vita di un paziente egualmente è urtata; i pazienti sottoposti a dialisi spendono le sessioni di tre ore tre volte una settimana agganciati fino ad un commputer di dialisi, hanno detto Eckman. “È duro viaggiare dovunque poiché siete legato al centro di dialisi. Così la qualità di vita mentre riceve la dialisi cronica non è buona quanto quella di un paziente che segue un trapianto del rene. Qualche cosa che possa accorciare il numero degli anni il paziente è su dialisi che aspetta un trapianto è un miglioramento. Quello è il vantaggio di accettazione del rene HCV-infettato.„