La più ricerca ha avuto bisogno di urgentemente sull'uso degli antibiotici in animali

Un numero speciale degli esami della ricerca di salute degli animali gira il riflettore sulla scienza che è alla base di questa crisi crescente - esaminando la base di prova per usando gli antibiotici per impedire la malattia in manzo e mucche da latte, maiali e pollame della griglia.

Gli scienziati che introducono la raccolta - dall'università di guelfo nel Canada e l'Iowa State University - concludono che i veterinari ed i produttori dell'alimento-animale conoscono lontano troppo poco circa le misure di controllo o di prevenzione, compreso efficacia antibiotica e le alternative antibiotiche che potrebbero contribuire a supportare l'amministrazione antibiotica fra gli animali.

La raccolta di 14 articoli nel numero speciale - scritto dagli esperti in materia dagli Stati Uniti, il Canada e di là - esamini pubblicamente - la prova disponibile relativa a controllo delle malattie in bestiame ed in pollame. Gli articoli, che sono disponibili via open source, fuoco sulle pratiche di gestione che sono destinate per tenere gli animali sani e quindi per diminuire la necessità di usare gli antibiotici - come pure di esaminare l'amministrazione degli antimicrobici per impedire o gestire la malattia.

Malgrado l'individuazione della prova che alcuni degli interventi erano efficaci, attraverso l'organismo dei ricercatori ha trovato la contraddizione nei risultati fra le prove e le gravi preoccupazioni evidenziate si sono riferite alla totalità della segnalazione e progettazione ed esecuzione di prova che sono state nascoste in medicina veterinaria per anni.

Per alcuni interventi, gli scienziati hanno trovato che l'organismo di prova di efficacia era coercitivo. Per esempio, uno studio sui test clinici attuali sull'efficacia dei sigillanti del capezzolo per le mucche da latte ha trovato che i prodotti studiati erano probabili essere efficaci per la diminuzione della mastite. Similmente, parecchi antibiotici sono stati indicati per essere efficaci a gestire le malattie respiratorie fra il bestiame.

Tuttavia, l'altra prova era meno coercitiva. Per la malattia respiratoria bovina nei bovini da carne, per esempio, gli scienziati non hanno trovato prova che l'uso corrente dei vaccini era efficace. Similmente, dato che antibiotici e vaccini usati per impedire la malattia respiratoria batterica in maiali, l'organismo di prova era insufficiente per determinare indipendentemente da fatto che questi interventi erano efficaci. Per la gestione della lettiera in pollame ed antibiotici preventivi per il trattamento della E coli, l'organismo di prova egualmente stava mancando di.

Gli esami effettuati come componente del numero speciale degli esami della ricerca di salute degli animali hanno evidenziato che più e la migliore ricerca su queste emissioni sono necessario urgentemente per aiutare il processo decisionale della guida sul migliore uso degli antibiotici in futuro.

“Poichè la minaccia della resistenza antimicrobica si sviluppa, l'amministrazione di queste droghe vitali è sempre più importante sia in essere umano che la salute degli animali,„ gli editori conclude. “Le sfaccettature importanti di amministrazione antimicrobica includono giudiziosamente facendo uso degli antibiotici come pure approntano le misure per minimizzare la necessità di usare gli antimicrobici affatto.„

Source:
Journal reference:

Sargeant, J.M., et al. (2020) Editorial: Systematic reviews reveal a need for more, better data to inform antimicrobial stewardship practices in animal agriculture. Animal Health Research Reviews. doi.org/10.1017/S1466252319000240.