La dieta cambiante ripetutamente o bruscamente ha potuto essere nociva alla salute

La nuova ricerca dall'università di Sheffield ha scoperto che passare ad una dieta ricca dopo il cibo della dieta limitata può fare diminuire la speranza di vita ed avere effetti negativi su salubrità.

Lungamente è stato conosciuto che l'ingestione di cibo di limitazione può estendere i ricercatori di durata della vita tuttavia ora ha fornito la nuova comprensione in perché come pure in come le diete potrebbero avvantaggiare gli esseri umani in termini di rallentamento l'invecchiamento e dell'inizio della malattia relativa all'età.

Gli esperti, dall'istituto in buona salute di durata della vita all'università di Sheffield e di Brown University in U.S.A., hanno verificato la teoria evolutiva attuale che restrizione dietetica - una riduzione di assunzione nutriente particolare o totale senza causare malnutrizione - grilletti una strategia di sopravvivenza in esseri umani ed in animali. La teoria suggerisce che questa sia perché gli esseri umani e gli animali investono nel mantenimento e nella riparazione dell'organismo in tempo di disponibilità bassa dell'alimento, di attendere i periodi in cui la disponibilità dell'alimento aumenta ancora.

Tuttavia, i nuovi risultati hanno sfidato questa teoria. Le mosche di frutta (melanogaster di Drosophilia) hanno alimentato una dieta limitata che poi sono state restituite ad una dieta ricca erano più probabili morire ed hanno fatto meno uova confrontate alle mosche che hanno passare la loro intera vita su una dieta ricca. Ciò dimostra che piuttosto che la disponibilità aspettante dell'alimento da aumentare in futuro, le mosche essenzialmente stavano aspettando per morire su una dieta limitata.

I ricercatori suggeriscono che invece dei meccanismi aumentanti della riparazione e di manutenzione della restrizione dietetica, potrebbe realmente essere una fuga dagli effetti offensivi di una dieta ricca. Questa nuova interpretazione può aiutarci a capire perché e come la dieta può avere tali effetti profondi su salubrità.

I risultati egualmente suggeriscono che cambiando la dieta ripetutamente o bruscamente potrebbero essere nocivi alla salute in determinate situazioni.

Lo studente Andrew McCracken di Ph.D., dall'università di dipartimento di Sheffield delle agronomia ed animali, che piombo lo studio ha detto: “La restrizione dietetica è un paradosso insolito che ha attirato moltissimo interesse all'interno del campo di invecchiamento. I nostri risultati ora ci hanno indicati verso una spiegazione raffinata di perché accade ed hanno il potenziale di spostare interamente il fuoco della ricerca futura.

“La nostra individuazione più sorprendente era quella in determinate circostanze, diete limitate può anche essere l'origine dei tipi particolari di danneggiamenti della persona. Ciò ha migliorato la comprensione delle pene ed i vantaggi di determinati tipi di diete, accelereranno la ricerca per identificare gli interventi farmaceutici che imitano la restrizione dietetica.„

Il Dott. Mirre Simons, dall'università di dipartimento di Sheffield delle agronomia ed animali, ha detto:

Gli effetti della dieta su salubrità sono enormi, ma capiamo piccolo dei meccanismi esatti. Il nostro lavoro ora ha scoperto i beni sorprendenti della restrizione dietetica, in quanto rende le mosche impreparate per le diete ricche. Ciò era contraria alle nostre aspettative e contrariamente alla teoria evolutiva corrente. Nella biologia di biologia evolutiva del campo di invecchiamento è stata altamente influente nell'interpretazione guidare della ricerca più meccanicistica. Il nostro lavoro quindi contribuisce alla più vasta comprensione della restrizione dietetica e degli sforzi tradurre i sui vantaggi agli esseri umani.„

La ricerca è stata costituita un fondo per dal consiglio della ricerca nazionale dell'ambiente (NERC), da Wellcome, dalla federazione americana della ricerca di invecchiamento & dall'istituto nazionale su invecchiamento.

Il lavoro fa parte della ricerca dell'istituto in buona salute di durata della vita all'università di Sheffield. L'istituto riunisce 120 ricercatori di livello internazionale da una vasta gamma di discipline allo scopo di rallentare il trattamento di invecchiamento ed affrontando l'epidemia globale del multimorbidity - la presenza circostanze di due o più cronici - allo scopo di aiutare ognuno vite più sane e indipendenti in tensione per più lungamente e diminuire il costo di cura.