Le nuove inabilità sono comuni fra la gente più anziana dopo l'ospedalizzazione

Inabilità della fronte di taglio degli adulti più anziani le nuove dopo un ospedale restano spesso per una malattia seria. Fra i problemi che possono avere bisogno di per regolare a sono le difficoltà con il bagno e vestirsi, l'acquisto e preparare i pasti ed ottenere intorno dentro e fuori della casa. Queste nuove inabilità possono piombo all'ospedalizzazione ancora, essendo collocando in una casa di cura e nei declini più permanenti nel benessere. Più lungamente un'inabilità seria dura, peggiore può essere per un adulto più anziano.

Per imparare più circa questa emissione, un gruppo di ricerca ha studiato le informazioni su un gruppo di persone particolare. Hanno esaminato le persone che sono state ospedalizzate per un'emissione medica ma non hanno richiesto la cura critica. Lo studio è stato basato sui dati dagli eventi di precipitazione aggetta (PEP), uno studio in corso di 754 persone, invecchiato 70 o più vecchio, che hanno vissuto a casa all'inizio dello studio. A quel tempo, i partecipanti non sono stati resi non validi e non hanno avuto bisogno dell'assistenza in quattro attività di base: bagno, vestendosi, camminando dentro la casa ed uscire di una presidenza. I ricercatori hanno pubblicato il loro studio nel giornale della società americana della geriatria.

I partecipanti sono stati esaminati a casa all'inizio dello studio di PEP e poi ancora di ogni 18 mesi, mentre le interviste di telefono sono state completate mensilmente fino a giugno 2016.

In tutto, 515 partecipanti sono stati inclusi nello studio. Erano principalmente intorno 83 anni ed hanno avuti un'ospedalizzazione medica. I partecipanti hanno comunicato i problemi di salute relativi alla loro età, vivendo da solo ed avendo piccolo supporto sociale.

Ai mesi uno e sei dopo l'ospedalizzazione, inabilità erano comuni per i partecipanti di studio e sono stati interferiti con la loro capacità di andare via di casa per assistenza medica. Inabilità incluse non potendo vestiresi, camminare attraverso una stanza, ottenere in o da una presidenza, camminare un quarto-miglio, scalare un volo delle scale e condurre un'automobile.

Inabilità ai mesi uno e sei dopo che l'ospedalizzazione era egualmente comune per i generi di necessità della gente di attività di catturare la cura se stessi, compreso il preparato del pasto ed i farmaci di cattura.

Della gente nello studio, molti hanno avuti nuove inabilità dopo l'ospedalizzazione:

  • 31 per cento non poteva recentemente bagnarsi
  • 42 per cento non hanno potuto fare i lavori domestici semplici
  • 30 per cento hanno avuti problemi catturare i loro farmaci
  • 43 per cento non potevano camminare un quarto-miglio

Per coloro che ha recuperato da un'inabilità, ha catturato fra un - due mesi che seguono l'ospedalizzazione. Il recupero anche sembra avere una connessione a potere eseguire le mansioni più quotidiane, eccetto guidare. Il recupero della capacità di determinare quanto segue un'ospedalizzazione era meno comune.

In molti casi, il ripristino era anche sei mesi incompleti dopo che scarico dell'ospedale. Per esempio, la percentuale di gente che non è stata resa non valida a sei mesi era appena 65 per cento per il bagno, 65 per cento per il preparato del pasto, 58 per cento per la cattura dei farmaci e 55 per cento per guidare.

Il gruppo di ricerca ha concluso che molti adulti più anziani scaricati dall'ospedale dopo che una malattia medica seria è resa non valida nelle attività specifiche importanti per lasciare la casa a cura di accesso e auto-gestisce i loro stati di salute. Egualmente hanno notato che queste inabilità sono spesso nuove dopo l'ospedalizzazione. Il ripristino dall'inabilità è frequentemente sei mesi incompleti dopo scarico, anche fra le persone che casa di ritorno nel mese dopo l'ospedalizzazione.

Source:
Journal reference:

Dharmarajan, K., et al. (2020) Disability and Recovery After Hospitalization for Medical Illness Among Community‐Living Older Persons: A Prospective Cohort Study. Journal of the American Geriatrics Society. doi.org/10.1111/jgs.16350.