Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori esplorano se la placca che identifica il dentifricio in pasta potrebbe impedire l'attacco di cuore, colpo

Per le decadi, i ricercatori hanno suggerito un collegamento fra salubrità orale e le malattie infiammatorie che pregiudicano l'intero organismo -- in particolare, attacchi di cuore e colpi. L'infiammazione è compresa intimamente nella patogenesi di aterosclerosi ed esattamente è misurata dalla proteina C-reattiva dell'alta sensibilità (hs-CRP), da un indicatore sensibile per i rischi futuri di attacchi di cuore e dai colpi.

Ricercatori dall'istituto universitario di Schmidt dell'università atlantica di Florida di medicina, dall'istituto di ricerca della clinica di Marshfield e dall'università di scuola di medicina e di salute pubblica di Wisconsin, collaborata su una prova ripartita con scelta casuale nominata, “correlazione fra salubrità orale ed infiammazione sistematica„ (COESIONE), più ulteriormente esplorare se la placca HD®, una placca che identifica il dentifricio in pasta, diminuisce il hs-CRP.

Risultati della prova pilota ripartita con scelta casuale, pubblicati online davanti alla stampa nella rivista di medicina americana, indicata che la placca HD® ha prodotto una riduzione statisticamente significativa del hs-CRP fra quelle con le elevazioni al riferimento. La placca HD® è il primo dentifricio in pasta che identifica la placca in moda da poterla eliminare con la spazzolatura diretta. Inoltre, la formulazione privata del prodotto contiene le combinazioni e le concentrazioni uniche di agenti di sgrassatura che indeboliscono la memoria della struttura della placca per aiutare l'oggetto a visualizzare e più efficacemente ad eliminare la placca.

In questa prova, tutti gli oggetti ripartiti con scelta casuale sono stati dati lo stesso protocollo di spazzolatura ed hanno ricevuto un'offerta dai 30 giorni di dentifricio in pasta che contiene la placca HD® o una non placca identica che identifica il dentifricio in pasta del placebo. Per valutare il hs-CRP, i livelli sono stati misurati tramite i sistemi diagnostici di ricerca facendo uso di un'analisi dell'immunosorbente collegata enzima.

I risultati correnti sono simili a quelli dalla nostra prova pilota precedente. Se questo dentifricio in pasta d'identificazione diminuisce gli attacchi di cuore o i colpi richiede una prova ripartita con scelta casuale su grande scala di sufficiente graduano e la durata. Questi risultati forniscono una più forte spiegazione razionale per condurre tali prove. Se il positivo, i risultati di queste prove avesse implicazioni potenziali significative di salute pubblica e cliniche.„

Charles H. Hennekens, M.D., Dr.P.H., autore senior, primo sir Richard Doll professore e Consigliere accademico senior nell'istituto universitario di Schmidt di FAU di medicina

Sulla base di questi risultati, Hennekens ed i colleghi a FAU e l'università di scuola di medicina e di salute pubblica di Wisconsin stanno disegnando una proposta di sussidio per la ricerca ricercatore-iniziata agli istituti della sanità nazionali (NIH). La loro prova ripartita con scelta casuale proposta proverà se la placca HD® diminuisca la progressione di aterosclerosi nelle arterie coronarie e carotiche, per cui l'infiammazione sistematica è un precursore importante.

Un rapporto dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti ha trovato che 47,2 per cento degli adulti americani hanno invecchiato 30 anni e più vecchio abbia certo modulo della malattia peridentale, di uno stato infiammatorio patologico delle gomme e dei tessuti che circondano i denti. La malattia peridentale aumenta con l'età che pregiudica più di 70 per cento degli adulti 65 anni e più vecchi. La ricerca priore ha suggerito che la malattia peridentale potesse essere connessa a varietà di altre malattie, compresi la malattia di cuore e colpo ed altre malattie infiammatorie quale l'artrite reumatoide. L'infiammazione in tutto l'organismo può essere un collegamento cruciale fra malattie peridentali ed altre sistematiche.

Più ulteriormente, due anni fa, New England Journal prestigioso di medicina ha allineato il manoscritto originale pubblicato nel 1997 da Hennekens e dai colleghi sull'aspirina, l'infiammazione e la malattia cardiovascolare, come loro rapporto originale più influente dei 20 anni ultimi. Quei dati ripartiti con scelta casuale derivati dallo studio della salubrità del medico del punto di riferimento, in cui Hennekens era il ricercatore principale fondante ed hanno suggerito che il hs-CRP predicesse gli attacchi di cuore ed i colpi futuri.