Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'infiammazione cronica nella gravidanza si è associata con le more neurodevelopmental in prole

In donne incinte, l'obesità, il diabete, l'ipertensione, la depressione e l'ansia possono aumentare le probabilità dell'apprendimento le more, i problemi di comportamento e delle emissioni di salute mentale durante i primi anni dei loro bambini. Un nuovo studio riferito in psichiatria biologica del giornale, pubblicata da Elsevier, rinforza la prova che l'infiammazione di qualità inferiore cronica, comune a queste circostanze materne, può essere parzialmente di incolpare dell'elevato rischio delle more neurodevelopmental di infanzia.

I ricercatori lungamente hanno sospettato che l'infiammazione materna cronica può svolgere un ruolo nell'alterazione delle traiettorie neurodevelopmental, piombo ai risultati avversi di infanzia. Gli studi più iniziali, comprendenti gli animali, hanno implicato l'infiammazione materna come meccanismo che causa le more neurodevelopmental nella prole.

“I nostri risultati suggeriscono una strategia terapeutica potenziale per diminuire l'esposizione prenatale ad infiammazione e per migliorare i risultati di neurodevelopment di infanzia,„ ha detto primo Polina Girchenko autore, PhD, un epidemiologo e ricercatore postdottorale nel dipartimento della psicologia e di Logopedics all'università di Helsinki, Finlandia.

Per studiare più a fondo, il Dott. Girchenko ed i suoi colleghi hanno analizzato i dati di 418 donne incinte e dei loro bambini invecchiati fra 7 to-11-years vecchi in Finlandia del sud ed orientale. I dati delle donne sono venuto da uno studio chiamato PREDO, che è destinato per predire ed impedire il preeclampsia durante la gravidanza, così là erano una grande prevalenza dei fattori di rischio, compreso l'obesità, il diabete gestazionale e l'ipertensione. Il gruppo ha valutato due biomarcatori infiammatori materni catturati a tre timepoints nella gravidanza. Le diagnosi materne di ansia e della depressione sono state estratte dalla registrazione nazionale della salubrità della Finlandia.

Per i bambini, il gruppo di ricerca ha fuso un più ampio netto, facendo uso delle cartelle sanitarie ed ha generato i rapporti. Le more inerenti allo sviluppo sono state definite in base ai rapporti materni ed alle diagnosi estratti dalla registrazione medica nazionale e dalle more incluse della Finlandia in conoscitivo, in motore e nell'evoluzione sociale.

I risultati hanno rivelato che l'esposizione prenatale almeno ad una delle circostanze o delle forze maggiori metaboliche materne di salute mentale è stata associata con un elevato rischio doppiamente di più aree delle more neurodevelopmental di infanzia ed egualmente è stata collegata con insistenza agli alti livelli di infiammazione prenatale. L'esposizione prenatale ai livelli elevati di due biomarcatori infiammatori materni egualmente ha aumentato il rischio di un bambino di more neurodevelopmental. I due biomarcatori combinati hanno predetto più precisamente la mora neurodevelopmental di infanzia di una da solo.

Questo studio evidenzia che alcuni fattori prenatali potenzialmente modificabili possono aumentare l'impatto negativo degli ambienti avversi sopra il cervello ed il comportamento durante l'infanzia.„

John Krystal, MD, editore di psichiatria biologica

Il Dott. Girchenko ha aggiunto, “per le donne che sono al rischio, noi ritiene che l'intervento prenatale potesse fornire la prevenzione mirata a, quali i supplementi dietetici connessi con infiammazione diminuita. È un viale affinchè gli studi futuri determini gli interventi più efficaci. In questa fase, abbiamo aperto la porta per ulteriori scoperte nel campo.„

Le prove di intervento sono necessarie vedere come le donne ed i bambini rispondono agli interventi differenti. Lo studio egualmente solleva le nuove questioni circa le circostanze materne più specifiche ed i vari risultati di infanzia, il Dott. Girchenko hanno concluso. La comprensione dei questi fattori di rischio può aiutare i ricercatori ad inventare e valutare gli interventi per promuovere un inizio sano a vita.

Source:
Journal reference:

Girchenko, P., et al. (2020) Persistently High Levels of Maternal Antenatal Inflammation Are Associated With and Mediate the Effect of Prenatal Environmental Adversities on Neurodevelopmental Delay in the Offspring. Biological Psychiatry. doi.org/10.1016/j.biopsych.2019.12.004.