Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La prepulizia insufficiente può compromettere la sterilizzazione degli strumenti chirurgici

Perossido di idrogeno vaporizzato (VHP) non riuscito completamente per sterilizzare gli strumenti chirurgici 76 per cento del tempo quando gli strumenti sono stati sporcati con i sali o il sangue e non sono stati puliti prima della sterilizzazione, secondo uno studio pubblicato oggi in controllo di infezione & epidemiologia dell'ospedale, il giornale della società per epidemiologia di sanità dell'America.

Mentre la tecnologia di sterilizzazione è capace di uccisione dei miliardi di microrganismi sugli strumenti, alcuni trattamenti di bassa temperatura sono insidiati involontario quando gli strumenti chirurgici sono puliti impropriamente prima della sterilizzazione.„

William A. Rutala, PhD, MPH, Direttore del controllo di infezione di North Carolina e del programma in tutto lo stato di epidemiologia

I ricercatori all'università di North Carolina a Chapel Hill hanno simulato l'impatto delle proteine e dei sali lasciati sugli strumenti chirurgici prima della sterilizzazione per verificare l'efficacia delle tre tecnologie a bassa temperatura, sempre più richiesta per gli strumenti di plastica, confrontato alla sterilizzazione del vapore.

I portafili della prova dell'acciaio inossidabile, che hanno simulato gli strumenti chirurgici, sono stati sporcati con sale e sangue e sono stati contaminati con i batteri comuni trovati nelle impostazioni di sanità -- Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli, staphylococcus aureus, terrae vancomicina-resistenti del micobatterio, dell'enterococco, o spore del bacillo atrophaeus, Geobacillus stearotermofilus, o Clostridioides difficile. La strumentazione poi è stata sterilizzata con VHP, l'ossido di etilene (ETO), il plasma del gas del perossido di idrogeno (HPGP), o il vapore.

VHP ha avuto il più alta incidenza guasti, 76,3 per cento, con sale che è la componente principale che interferisce con questa tecnica. HPGP e ETO hanno avuti incidenze guasti di 1,9 per cento. Cuocia a vapore la sterilizzazione, che è la maggior parte della tecnica comune usata per la sterilizzazione degli strumenti termoresistenti, era la tecnologia di sterilizzazione più efficace e più robusta senza gli errori.

“Se gli strumenti non sono puliti correttamente prima della sterilizzazione e poi non sono collocati in una tecnologia a bassa temperatura di sterilizzazione quale il perossido di idrogeno vaporizzato, c'è una possibilità di errore,„ Rutala ha detto. “Efficacemente pulendo, eliminando il terreno visibile e gli agenti inquinanti microbici dagli oggetti, deve precedere la sterilizzazione per assicurarsi che gli strumenti siano sterilizzati completamente ed ottimamente.„

Gli autori hanno notato che l'attrezzatura medica complessa di pulizia, quali gli strumenti chirurgici e gli endoscopi con le cerniere, pezzi di angolo per tubi isolanti e lumen, presenta una sfida speciale per la pulizia e la sterilizzazione come potrebbe l'accumulazione naturale del biofilm sugli strumenti medici e chirurgici.

Source:
Journal reference:

Rutala, W.A., et al. (2020) Comparative evaluation of the microbicidal activity of low-temperature sterilization technologies to steam sterilization. Infection Control and Hospital Epidemiology. doi.org/10.1017/ice.2020.2.