Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Medici di monte Sinai in primo luogo negli Stati Uniti per analizzare le scansioni di CT del torace dei pazienti con COVID-19

Medici del sistema di salubrità di monte Sinai--i primi esperti nel paese per analizzare le scansioni di tomografia computerizzata (CT) del torace dei pazienti dalla Cina con la malattia di coronavirus (COVID-19)--hanno identificato i reticoli specifici nei polmoni poichè indicatori della malattia mentre si sviluppa nel corso di una metà e di settimana. L'individuazione, pubblicata nell'emissione di febbraio della radiologia, potrebbe piombo alla diagnosi più rapida in pazienti che entrano con i sintomi possibili COVID-19 e contribuisce a tenere i pazienti isolati nelle fasi iniziali quando l'affezione polmonare non può rivelare nelle scansioni iniziali.

“Questo lavoro aumenta il nostro studio iniziale, che era il primo studio pubblicato della ricerca sui risultati della rappresentazione di COVID-19 ed ora possiamo fornire una valutazione più completa di come l'affezione polmonare nei pazienti di coronavirus si manifesta e si sviluppa. Se il coronavirus continua a spargere ed urtare gli Stati Uniti o altrove più significativamente, questo studio fornisce i radiologi della conoscenza per riconoscere e per suggerire più con confidenza se un paziente ha COVID-19 o polmonite dovuto un'altra causa,„ ha detto il co-author Michael Chung, il MD, assistente universitario della radiologia diagnostica, molecolare ed Interventional alla scuola di medicina di Icahn al monte Sinai. “Questo è necessario per la diagnosi rapida per tutto il paziente determinato (che piombo a più rapida ed efficace cura), ma anche affinchè l'isolamento paziente impedisca la diffusione della malattia altamente contagiosa.„

Lo studio ha compreso le scansioni di 94 pazienti che il monte Sinai ha ricevuto dai collaboratori istituzionali agli ospedali in Cina. I pazienti sono stati ammessi a quattro centri medici in quattro province cinesi fra il 18 gennaio ed il 2 febbraio. La maggior parte del l'uno o l'altro recentemente aveva viaggiato a Wuhan, Cina, in cui lo scoppio ha cominciato, o ha avuto contatto con un paziente infettato COVID-19. I radiologi cardiothoracic dall'istituto dell'assistenza tecnica biomedica e della rappresentazione del monte Sinai e dal suo dipartimento della radiologia hanno valutato ogni caso, hanno catturato le note dei risultati della rappresentazione e correlato loro con il corso di tempo di infezione basato sul numero dei giorni fra l'inizio di sintomo e la scansione di CT. Dei 36 pazienti scanditi zero - due giorni dopo la segnalazione dei sintomi, più della metà non indicata prova dell'affezione polmonare--un importante trovando suggerimento che le scansioni di CT non possono eliminare attendibilmente COVID-19 presto nel corso di malattia. Per i 33 pazienti scanditi i tre - cinque giorni dopo che i sintomi sviluppati, i radiologi iniziati per vedere più reticoli “dei opacities del vetro smerigliato„ (risultati nebbiosi nei polmoni) e le anomalie sono diventato più di forma rotonda e più densi. Nei 25 pazienti scanditi i sei - 12 giorni dopo i sintomi, l'analisi di scansioni ha mostrato l'affezione polmonare completamente implicata. I reticoli veduti in queste immagini sono più presto simili ai reticoli negli scoppi relativi di coronavirus questo secolo, compreso il SAR (sindrome respiratorio acuto severo) e MERS (sindrome respiratoria di Medio Oriente).

Le conclusioni da questo studio sono cruciali per la diagnosi rapida di COVID-19 come pure per isolamento paziente efficiente. Quando i primi sintomi di rapporto dei pazienti di COVID-19 possibile, essi sono non specifici, spesso somigliargli un raffreddore, in modo da può essere difficile da diagnosticare. Un esame radiografico del torace non rivela l'affezione polmonare come pure una scansione di CT fa ed i test di conferma dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie possono richiedere parecchi giorni. Lo studio permette che gli ospedali negli Stati Uniti ed il mondiale confermino o eliminino COVID-19 basato sulle immagini di CT. Ulteriormente, se il polmone scandisce per i pazienti con i sintomi iniziali sono inconcludenti, medici possono studiare la possibilità di tenere il paziente in isolamento per alcuni giorni finché la malattia non possa essere governata correttamente dentro o essere eliminata.

Appena poichè i clinici stanno valutando più pazienti sospettati di COVID-19, i radiologi stanno interpretando similmente più torace CTs in quelli sospettati dell'infezione. Il torace CT è una componente vitale nell'algoritmo diagnostico per i pazienti con l'infezione sospettata, dato specialmente la disponibilità ed in alcuni casi l'affidabilità limitate dei kit della prova. Questi sforzi investigativi non solo mostrano i reticoli dei risultati della rappresentazione in tantissimi pazienti, ma egualmente dimostrano che la frequenza dei risultati di CT è collegata con il corso di tempo di malattia. Il riconoscimento dei reticoli della rappresentazione basati sul corso di tempo di infezione è preminente per non solo la comprensione della storia naturale trattata e di malattia di COVID-19, ma anche affinchè contribuire predica lo sviluppo paziente di complicazione di potenziale e di progressione.„

Adam Bernheim, MD, autore principale, assistente universitario di radiologia diagnostica, molecolare ed Interventional alla scuola di medicina di Icahn al monte Sinai

“I programmi della rappresentazione del monte Sinai sono guide nello sviluppo e nell'applicazione delle tecnologie novelle per migliorare la diagnosi ed il trattamento dei pazienti e speriamo che i risultati da questo studio aiutino la cura di avanzamento per i pazienti di coronavirus,„ Zahi aggiunto Fayad, PhD, Direttore della rappresentazione biomedica ed istituto di assistenza tecnica alla scuola di medicina di Icahn al monte Sinai.

Source:
Journal reference:

Bernheim, A., et al. (2020) Chest CT Findings in Coronavirus Disease-19 (COVID-19): Relationship to Duration of Infection. Radiology. doi.org/10.1148/radiol.2020200463.