Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra come le abitudini possono essere controllato basate sull'attività della regione del cervello

Ogni giorno, gli esseri umani e gli animali contano sulle abitudini per completare le mansioni sistematiche come il cibo e sonno. Mentre le abitudini nuove sono formate, questa ci permette di fare automaticamente le cose senza pensare.

Come il cervello inizia a sviluppare una nuova abitudine, solo in un mezzo secondo, una regione del cervello, lo striatum dorsolateral, esperienze che un breve interrompe l'attività.

Questo burst di attività aumenta mentre l'abitudine diventa più forte. Uno studio di Dartmouth dimostra come le abitudini possono essere controllate secondo come l'attivo lo striatum dorsolateral è. I risultati sono pubblicati nel giornale della neuroscienza.

Nella ricerca priore al MIT, l'autore senior ha trovato che questo interrompe l'attività di cervello nello striatum dorsolateral correlata con quanto abituale un compito corrente del labirinto era per i ratti. L'attività è stata trovata per essere accentuata all'inizio e alla fine dell'esecuzione del labirinto.

Per questo studio, i ricercatori hanno cercato di manipolare questo interrompono l'attività di cervello in ratti facendo uso di un metodo chiamato optogenetics. Con questo metodo, i neuroni (cellule cerebrali) nello striatum dorsolateral, che sono stati trovati per essere associati con la formazione delle abitudini, possono essere emozionanti o inibiti facendo uso di indicatore luminoso.

Optogenetics permette alle cellule cerebrali di esprimere un ricevitore che è sensibile ad indicatore luminoso ed è indolore. Un indicatore luminoso blu di scossalina eccita le cellule cerebrali mentre una luce gialla lampeggiante inibisce le celle e le chiude giù.

Facendo uso delle mansioni correnti del labirinto, i ratti sono stati preparati per funzionare in un labirinto cruciforme. (C'era soltanto un ratto in un labirinto per volta). I ratti hanno cominciato in una di due armi comincianti e si sono allontanati da un'estremità dell'incrocio ed hanno funzionato al punto di decisione concentrare.

Sono stati formati per girare l'una o l'altra a sinistra della destra e dell'esecuzione nell'estremità, in cui una ricompensa della pallina dello zucchero stava aspettando; soltanto un braccio dell'incrocio è stato adescato con la ricompensa.

Non appena gli animali hanno avviato il labirinto funzionato ed hanno restituito la direzione corretta di dove la ricompensa è stata individuata, hanno ricevuto una ricompensa della pallina dello zucchero.

Dopo che i ratti avevano imparato le esecuzioni di addestramento del labirinto, la componente di optogenetics di usando il colore di scossalina si accende per manipolare l'attività dorsolateral di striatum, è stata incorporata.

Quando le celle nello striatum dorsolateral erano emozionanti per appena un mezzo secondo mentre i ratti hanno iniziato le loro esecuzioni, i ratti funzionerebbero più vigoroso ed abituale sull'intero labirinto.

L'abitudine era stata formata, una volta che i ratti funzionassero al centro del labirinto cruciforme e girassero immediatamente verso la direzione di dove la ricompensa è stata individuata. Gli animali più non smetterebbero al centro di guardare intorno, una volta che conoscessero dove andare.

Al contrario, quando le celle in cui inibite, i ratti erano lente e sembrate perdere la loro abitudine complessivamente. Una volta che raggiungessero il centro del labirinto cruciforme, hanno fatto una pausa e girerebbero intorno molto come se riflettendo, prima infine dell'operare la loro scelta.

Direzione, i ricercatori egualmente hanno provato quanto abituale gli animali erano cambiando la ricompensa saporita a qualcosa non saporito.

In questo caso, l'eccitazione ha fatto i ratti continuare a funzionare dall'abitudine per il risultato sgradevole di now, mentre l'inibizione ha fatto i ratti essenzialmente rifiutare di funzionare quando non c'era ricompensa da guadagnare da.

Quando i ricercatori hanno applicato le manipolazioni leggere durante il mezzo delle esecuzioni un altro giorno, c'era scarso effetto.

Una volta che i ratti già avessero fissato nel moto la sequenza completa di comportamento - esegua, giri e fermi la sequenza - questa abitudine è sembrato dettare i loro atti, come se fossero sul pilota automatico.

I nostri risultati illustrano come le abitudini possono essere gestite in una finestra minuscola di tempo quando in primo luogo sono fissate nel moto. La resistenza dell'attività di cervello in questa finestra determina se il comportamento completo si trasforma in in un'abitudine oppure no.

I risultati dimostrano come l'attività nello striatum dorsolateral quando le abitudini sono formate realmente gestisce come gli animali abituali sono, fornendo la prova di una relazione causale.„

Kyle S. Smith, studia l'autore senior ed il professore associato, istituto universitario di Dartmouth

Smith è egualmente il Direttore degli studi laureati nel dipartimento delle scienze di cervello e psicologiche a Dartmouth, di cui il laboratorio mette a fuoco sulla neuroscienza di ricompensa e di atto.

Il guadagno della comprensione migliore del ruolo specifico che lo striatum dorsolateral gioca nella memoria di abitudine ed in altri comportamenti è critico.

Il danneggiamento di questa area del cervello è stato trovato per essere associato con la malattia del Parkinson, un disordine neurodegenerative che pregiudica spesso il movimento dell'organismo.

Nello studio, i ricercatori spiegano a come mirare alla finestra di tempo quanto quando le abitudini sono formate potrebbe essere fatta leva “nella progettazione delle strategie di intervento per gli esseri umani con i comportamenti compulsivi altrimenti trattamento-resistenti.„