Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di Johns Hopkins realizzano i progressi nello sviluppo dell'esame delle urine non invadente per carcinoma della prostata

I ricercatori al centro del Cancro di Johns Hopkins Kimmel hanno realizzato i progressi significativi verso lo sviluppo di una prova liquida semplice e non invadente di biopsia che individua il carcinoma della prostata da RNA e da altri prodotti chimici metabolici specifici nell'urina.

Una descrizione dei loro risultati compare nell'emissione del 28 febbraio dei rapporti scientifici del giornale.

I ricercatori sottolineano che questo è uno studio di prova-de-principio per l'esame delle urine e deve essere convalidato negli studi supplementari e più grandi prima che sia pronto per uso clinico.

I ricercatori hanno usato l'profondo-ordinamento e la spettrometria di massa del RNA per identificare un profilo precedentemente sconosciuto di RNAs e dei sottoprodotti dietetici, conosciuto come i metaboliti, fra 126 pazienti e la gente in buona salute e normale. Il gruppo ha incluso 64 pazienti con carcinoma della prostata, 31 con le malattie prostatiche benigne di prostatite e di iperplasia e 31 gente in buona salute con nessuno di queste circostanze. Il RNA da solo non era sufficiente per identificare positivamente il cancro, ma l'aggiunta di un gruppo di metaboliti specifici di malattia ha fornito la separazione di cancro dalle altre malattie e gente in buona salute.

“Un esame delle urine semplice e non invadente per carcinoma della prostata sarebbe un passo avanti significativo nella diagnosi. Le biopsie del tessuto sono dilaganti e notoriamente difficile perché mancano spesso le cellule tumorali e prove attuali, quale l'elevazione di PSA (antigene prostata-specifico), non sia molto utile nell'identificazione del cancro,„ dice Ranjan Perera, Ph.D., l'autore senior dello studio. Perera è egualmente il Direttore del centro per biologia del RNA a Johns Hopkins tutto l'ospedale pediatrico, uno scienziato senior il Cancro al Johns Hopkins di tutti i bambini & istituto di disordini di sangue e l'istituto il Johns Hopkins di tutti i bambini per la ricerca biomedica fondamentale e un professore associato dell'oncologia al membro del centro del Cancro della scuola di medicina e di Johns Hopkins Kimmel di Johns Hopkins University.

Abbiamo scoperto i cambiamenti Cancro-specifici in RNAs urinario e metaboliti quello -- se confermato in un più grande, gruppo di pazienti separato -- permetterà che noi sviluppiamo una prova urinaria per carcinoma della prostata in futuro.„

Bongyong Lee, Ph.D., autore dello studio il primo e uno scienziato senior al Cancro & all'istituto di disordini di sangue