Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca ha potuto fornire più modo efficace di trattare il gonfiamento del cervello dopo il colpo

I casi di lesione cerebrale potenzialmente micidiale come conseguenza del colpo potrebbero essere diminuiti dopo la nuova ricerca hanno identificato una via nel cervello che causa il gonfiamento e che reagisce ad un trattamento innovatore.

La ricerca piombo dall'università di Exeter e pubblicata nelle comunicazioni della natura, ha scoperto come una disfunzione nelle proteine di tasto di modo è trasportata all'interno del cervello dopo che un colpo può piombo al gonfiore, che può causare i gravi danni.

Il gruppo internazionale ha sviluppato un composto che efficacemente tratta questa via nelle prove di laboratorio, aprente la strada per un nuovo trattamento. Ciò potrebbe potenzialmente fornire un'alternativa, più modo efficace di trattare il gonfiamento del cervello, per cui corrente ci sono opzioni limitate del trattamento.

Il lavoro è stato sviluppato da un consorzio degli esperti nella segnalazione della trasduzione (Dott. Jinwei Zhang, università di Exeter, Regno Unito), chimica medicinale (il professor Xianming Deng, università di Xiamen, Cina), neurochirurgia e la fisiologia cellulare e molecolare (Dott. Kristopher T. Kahle, scuola di medicina di Yale, U.S.A.) e la neurologia (il professor Dandan Sun, sistema sanitario di Pittsburgh di affari dei veterani ed università di Pittsburgh, di U.S.A.).

Il colpo è causato tipicamente da un coagulo di sangue nel cervello e può piombo alla morte in pochi minuti. Nel Regno Unito da solo, più di 100.000 colpi accadono ogni anno, essendo in media uno ogni cinque minuti. Corrente. Due terzi dei superstiti del colpo lasciano l'ospedale con un'inabilità, secondo l'associazione del colpo.

Un colpo può danneggiare il regolamento del volume delle cellule nel cervello, con conseguente gonfiamento, complicazione che è severa e difficile da trattare, corrente indirizzata dalle procedure chirurgiche altamente dilaganti di eliminazione della parte del cranio o dell'inserimento dello scambio di liquido spinale cerebrale. Gli scambi sono particolarmente suscettibili della disfunzione e dell'infezione e quindi spesso richiedono ai pazienti di resistere ad una serie di operazioni di ripetizione.

Il composto, chiamato ZT-1a, mira ad una via che gestisce le proteine che fungono da trasportatori degli ioni e dell'acqua dentro e fuori delle celle. Funziona fermando gli enzimi che attivano le proteine che introducono troppa acqua nel cervello. È stato provato sui mouse e sui ratti che hanno avuti il colpo o idrocefalia, una circostanza che causa il liquido sul cervello. Questi studi indicano che il composto può potere fermare il gonfiamento del cervello, potenzialmente diminuendo i casi del trauma cranico e della morte.

Il Dott. Jinwei Zhang, conferenziere all'università di facoltà di medicina di Exeter, piombo un gruppo compreso i collaboratori in Cina e negli Stati Uniti, che hanno sviluppato il composto. Ha detto:

Il gonfiamento del cervello dopo un colpo è un problema comune e devastante per le persone e le loro famiglie. La nostra scoperta potrebbe rispondere al bisogno urgente per il trattamento che potrebbe fornire un'efficace alternativa ad intervento di alta chirurgia. La droga è ancora in laboratorio e richiede ulteriore sviluppo. Finora mostra la promessa efficacemente nella diminuzione del gonfiamento del cervello nel colpo ed altri traumi cranici quali l'annegamento, il soffocamento o l'attacco di cuore.„

Source:
Journal reference:

Zhang, J., et al. (2020) Modulation of brain cation-Cl− cotransport via the SPAK kinase inhibitor ZT-1a. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-019-13851-6.