Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo toolkit per riparare le rotture del DNA si è collegato invecchiare, a cancro ed al MND scoperti

Un nuovo “toolkit„ alla riparazione ha danneggiato il DNA che può piombo ad invecchiare, la malattia del neurone di motore e del cancro (MND) è stata scoperta dagli scienziati alle università di Sheffield e di Oxford.

Pubblicato nelle comunicazioni della natura, la ricerca indica che una proteina ha chiamato TEX264, insieme ad altri enzimi, può riconoscere e “mangi„ le proteine tossiche che possono attaccare a DNA ed indurrla ad essere nocivo. Una capitalizzazione di DNA rotto e nocivo può causare l'invecchiamento cellulare, il cancro e le malattie neurologiche quale il MND.

Finora, i modi di riparazione del questo ordinamento di danno del DNA sono stati capiti male, ma gli scienziati sperano di sfruttare questo toolkit novello della riparazione delle proteine per proteggerci da invecchiamento, da cancro e dalla malattia neurologica.

I risultati potrebbero anche avere implicazioni per la chemioterapia, che causa deliberatamente irrompe il DNA quando prova ad uccidere le celle cancerogene. Gli scienziati ritengono che mirando alla proteina TEX264 possa offrire un nuovo modo trattare il cancro.

EL-Khamisy del professor sceriffo, co-fondatore e vice direttore dell'istituto in buona salute di durata della vita all'università di Sheffield e un professore dal dipartimento di biologia molecolare e biotecnologia e l'istituto di neuroscienza all'università di Sheffield, che guidato co la ricerca ha detto:

L'omissione di fissare il DNA irrompe il nostro genoma può urtare la nostra capacità di godere di una vita sana ad una vecchiaia come pure ci lascia vulnerabili alle malattie neurologiche come la malattia del neurone di motore (MND).

Speriamo che capendo come il nostro DNA di fissatore delle cellule si rompe, possiamo contribuire ad incontrare alcune di queste sfide come pure esaminiamo le nuove modalità di trattamento del cancro in futuro.„

Il professor Kristijan il Ramadan dall'università di Oxford, che guidato co la ricerca, ha detto:

La nostra individuazione di TEX264, una proteina che forma il macchinario specializzato per digerire le proteine tossiche dal nostro DNA, cambia significativamente la comprensione corrente di come le celle riparano il genoma ed in modo da proteggaci dall'invecchiamento accelerato, dal cancro e dal neurodegeneration. Credo che questa scoperta abbia un grande potenziale per la terapia del cancro in futuro e già stiamo perseguendo la nostra ricerca in questa direzione.„

Il professor il Ramadan ha aggiunto:

Sono molto fiero del mio gruppo di ricerca che inizialmente ha scoperto la partecipazione di TEX264 nella riparazione del DNA.„

La ricerca di Oxford è stata supportata dagli enti di finanziamento, compreso il Consiglio di ricerca medica. La protezione egualmente è stata ricevuta dall'istituto di Oxford per l'oncologia di radiazione ed il dipartimento dell'oncologia.

Il laboratorio del professor EL-Khamisy's è costituito un fondo per dalla fiducia di Wellcome e dall'istituto del Lister di medicina preventiva.

Il lavoro fa parte della ricerca che ha luogo all'università di istituto in buona salute della durata della vita di Sheffield e dell'istituto della neuroscienza.

L'istituto in buona salute di durata della vita riunisce 120 ricercatori di livello internazionale da una vasta gamma di discipline allo scopo di rallentare il trattamento di invecchiamento ed affrontando l'epidemia globale della multi-morbosità - la presenza circostanze di due o più cronici - allo scopo di aiutare ognuno vite più sane e indipendenti in tensione per più lungamente e diminuire il costo di cura.

L'istituto della neuroscienza mira a tradurre le scoperte scientifiche dal laboratorio in aprire la strada ai trattamenti che avvantaggieranno i pazienti che vivono con i disordini neurodegenerative.

Il punto seguente della ricerca sarà di provare se il comportamento ed i beni di proteina TEX264 è alterato nell'invecchiamento e nei disordini neurologici quale il MND.