Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La drosofila vola perde la memoria a lungo termine dell'evento traumatico una volta tenuta nello scuro, studio mostra

Gli scienziati dall'università metropolitana di Tokyo hanno scoperto che la drosofila vola perde la memoria a lungo termine (LTM) di un evento traumatico una volta tenuta nello scuro, la prima conferma di indicatore luminoso ambientale che svolge un ruolo nella manutenzione del LTM. Il gruppo egualmente ha identificato il meccanismo molecolare specifico responsabile di questo effetto. LTMs è notoriamente difficile da cancellare; questo lavoro può piombo ai trattamenti novelli per le vittime del trauma, forse anche della cancellatura delle memorie traumatiche d'alterazione.

È impossible da ricordare tutto che accada noi in un giorno. Ma un evento particolarmente scioccante può essere consolidato nella nostra memoria a lungo termine (LTM), con cui le nuove proteine sono sintetizzate ed i circuiti di un neurone nel nostro cervello sono modificati. Tali memorie possono essere devastanti ad una vittima, potenzialmente avviante il disordine post - traumatico di sforzo (PTSD). Eppure fisiologicamente parlare, tenente una memoria è lontano da un trattamento irrilevante; la manutenzione attiva è richiesta per tenere i cambiamenti, proteggenti dalla riorganizzazione e dal rinnovo cellulari costanti di un organismo vivente. Malgrado l'importanza di comprensione come la memoria funziona nel cervello, il meccanismo da cui questa si presenta ancora non è capito ed è un tema principale per la neuroscienza oggi.

È ben noto che l'indicatore luminoso, specialmente il ciclo di ha notte e giorno, svolge un ruolo importante in fisiologia animale di regolamentazione. Gli esempi comprendono il ritmo circadiano, l'umore e la cognizione. Ma come circa la memoria a lungo termine? Quindi, un gruppo piombo da prof. Takaomi Sakai dall'università metropolitana di Tokyo ha precisato per studiare come l'esposizione alla luce pregiudica la memoria delle mosche di frutta giornaliere della drosofila. Come istanza della memoria a lungo termine o del trauma, hanno usato il paradigma di condizionamento di adulazione, dove maschio volano sono esposte alle mosche femminili che già si sono accoppiate. Le femmine accoppiate sono conosciute per essere non ricettive ed esercitare uno sforzo sul maschio vola che non riescono a accoppiarsi. Una volta che l'esperienza è impegnata nella memoria a lungo termine, più non tentano alle mosche femminili della corte, anche quando le femmine intorno loro sono unmated.

Il gruppo ha trovato che il maschio condizionato vola tenuto nello scuro per i 2 giorni o più non indicato alcuna riluttanza al compagno, mentre quelli su un ciclo normale di giorno-notte hanno fatto. Ciò indica chiaramente che l'indicatore luminoso ambientale ha modificato in qualche modo la conservazione del LTM. Ciò non era dovuto mancanza di sonno; le mosche su un ciclo giornaliero erano leggermente sonno sfavorito per abbinare con le mosche nello scuro, senza effetto sui risultati. Quindi, hanno messo a fuoco su una proteina nel cervello chiamato il fattore didispersione (Pdf), conosciuto per essere espresso in risposta ad indicatore luminoso. Per la prima volta, hanno trovato che il pdf ha regolamentato la trascrizione di una proteina chiamata la proteina dell'elemento-associazione di risposta del campo (CREB) negli organismi del fungo, in una parte del cervello degli insetti conosciuti per essere implicato nella memoria e nell'apprendimento. Quindi, hanno identificato il meccanismo molecolare specifico da cui l'indicatore luminoso pregiudica la conservazione della memoria a lungo termine.

Le esperienze traumatiche sono molto difficili da dimenticare e possono alterare severamente la qualità di vita di una vittima. Ma le scoperte del gruppo indicano che queste memorie possono, infatti, essere influenzate significativamente dai fattori ambientali negli organismi viventi. Ciò apre le possibilità emozionanti di nuovi trattamenti per le vittime del trauma, forse anche della capacità cancellare le memorie traumatiche che le impediscono a partire dalle vite normali principali.

Source:
Journal reference:

Inami, S., et al. (2020) Environmental Light Is Required for Maintenance of Long-Term Memory in Drosophila. Journal of Neuroscience. doi.org/10.1523/JNEUROSCI.1282-19.2019.