Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il farmaco del cancro polmonare può avere vantaggi per i pazienti con i tumori al cervello metastatici

Un farmaco comunemente usato trattare il non piccolo cancro polmonare delle cellule che si è sparso, o metastatico, può avere vantaggi per i pazienti con i tumori al cervello metastatici, suggerisce un nuovi esame ed analisi piombo dai ricercatori all'ospedale di St Michael di salubrità Toronto di unità e della facoltà di medicina di Harvard.

Pubblicato oggi nella rete di JAMA aperta, le cote di ricerca dentro su osimertinib, un trattamento recentemente approvato in America settentrionale come terapia per il non piccolo cancro polmonare metastatico delle cellule con una mutazione specifica.

In una meta-analisi di 15 studi con 324 pazienti, i ricercatori hanno trovato che quello 64 per cento dei pazienti con tumore al cervello metastatico di cui il cancro si era sparso dai loro polmoni e fa parte dei test clinici con questa terapia ha avvertito una risposta misurabile e 90 per cento hanno avvertito il controllo di malattie nel sistema nervoso centrale. Fino a 40 per cento dei pazienti, tuttavia, hanno riferito gli effetti secondari severi dal trattamento.

“Lo sviluppo delle metastasi del cervello è una complicazione spesso temuta di cancro,„ ha detto Anders Erickson, un dottorando all'ospedale di St Michael nel laboratorio del Dott. Sunit Das, che piombo questa ricerca.

“I Cancri che si sono sparsi al cervello hanno richiesto storicamente il trattamento radicale con chirurgia o radiazione. Le chemioterapie che sono capaci delle cellule tumorali di uccisione nel resto dell'organismo non possono penetrare la barriera ematomeningea.„

C'è una mancanza di prova per supportare l'uso della terapia mirata a - o piccole molecole che mirano ai driver specifici di un cancro - nella malattia di cervello metastatica. I ricercatori hanno precisato per colmare questa lacuna più ulteriormente analizzando se questo trattamento mirato a, conosciuto affinchè la sua capacità attraversasse la barriera ematomeningea, potrebbe essere utile ai pazienti di cui il cancro polmonare si era sparso al cervello.

Sebbene la più ricerca sia necessaria, il nostro studio supporta il ruolo che potenziale questa terapia potrebbe svolgere per i pazienti.

Suggerisce che possiamo l'un giorno potere curare questi pazienti senza le preoccupazioni connesse con chirurgia e radiazione.„

Dott. Sunit Das, scienziato al centro di ricerca di Keenan per scienza biomedica e un neurochirurgo a St Michael

Gli scienziati mirano a studiare questo argomento su un più vasto disgaggio, esaminante i più grandi insiemi di dati per esaminare l'impatto delle terapie mirate a differenti per tumore al cervello metastatico.

“Speriamo che il nostro lavoro contribuisca a conoscenza che informerà il trattamento futuro e muoverà il ago di stampa per i pazienti con tumore al cervello metastatico nell'era della medicina di precisione,„ Erickson abbia detto.