Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia altamente depurativa dell'olio di pesce ha potuto impedire migliaia di eventi cardiovascolari

I ricercatori dall'università di California, Irvine hanno condotto un'analisi statistica che predice più di 70.000 attacchi di cuore, colpi ed altri eventi cardiovascolari avversi potrebbero essere impediti ogni anno negli Stati Uniti con l'uso di una terapia altamente depurativa dell'olio di pesce.

Piombo da Nathan D. Wong, PhD, professore e Direttore del programma di prevenzione della malattia di cuore nella divisione della cardiologia alla scuola di medicina di UCI, l'estratto dell'analisi statistica era accettato dall'istituto universitario americano della cardiologia e slated per essere presentato al congresso imminente di ACC.20/World la cardiologia conferenza virtuale dei 28-30 marzo aventi luogo. L'analisi utilizza i dati dai centri per l'indagine nazionale dell'esame del controllo di malattie e della salubrità e della nutrizione della prevenzione (NHANES) ed i criteri dell'inclusione da un test clinico multinazionale piombo dai ricercatori dalla Harvard University chiamata REDUCE-IT, che è stato pubblicato in New England Journal di medicina a gennaio di 2019.

La prova di REDUCE-IT ha mostrato i pazienti con la malattia cardiovascolare o il diabete conosciuto e fattori di rischio multipli che hanno elevato i livelli del trigliceride e sono al rischio aumentato per gli eventi ischemici tratti giovamento sostanzialmente da etile icosapent, una terapia altamente depurativa dell'olio di pesce, che ha abbassato gli eventi cardiovascolari, compreso gli attacchi di cuore ed i colpi, da 25 per cento. I risultati positivi non sono stati trovati in altre prove, possibilmente dovuto le miscele con altri acidi grassi omega-3 quali DHA, o dosaggi insufficienti secondo Wong.

La nostra analisi estende i risultati della prova di REDUCE-IT stimando il suo impatto potenziale sulla popolazione degli Stati Uniti. Usando i criteri dell'inclusione e tariffe di evento della malattia cardiovascolare dalla prova di REDUCE-IT e l'applicazione ai dati sugli adulti degli Stati Uniti da NHANES, potevamo stimare che l'etile icosapent di impatto utile potrebbe avere sull'impedire gli eventi cardiovascolari iniziali e totali negli adulti ammissibili degli Stati Uniti con la malattia cardiovascolare o il diabete e fattori di rischio multipli.„

Nathan D. Wong, PhD, professore e Direttore del programma di prevenzione della malattia di cuore nella divisione di cardiologia alla scuola di medicina di UCI

L'analisi di Wong è la prima per aggettare i risultati di REDUCE-IT alla popolazione globale degli Stati Uniti.

“Quando considerate che per ogni 21 paziente curato con etile icosapent possiate risparmiare un evento cardiovascolare, cominciate a vedere le implicazioni dei nostri risultati,„ ha detto Wong.

L'etile di Icosapent è un acido eicosapentanoico stabile depurativo (EPA) che recentemente è stato approvato tramite l'amministrazione federale della droga (FDA) insieme con la terapia al massimo tollerata dello statin per diminuire il rischio di eventi cardiovascolari in adulti sicuri con i livelli elevati del trigliceride. La sola droga del suo genere per mostrare un tal effetto, etile icosapent, corrente è commercializzata sotto il nome di Vascepa® dal Pharma di Amarin. La terapia di EPA egualmente ha guadagnato il supporto di parecchie società importanti, che lo hanno compreso in varie linee guida, istruzione scientifiche ed advisories, compreso l'associazione americana del diabete, l'associazione americana del cuore, l'associazione nazionale del lipido e la società europea della cardiologia/società europea di aterosclerosi.