Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio suggerisce la strategia terapeutica potenziale contro il diabete

Il ricevitore di mantenimento di vitamina D (VDR) livella in celle pancreatiche che sintetizzano e secernono l'insulina (celle del β) potrebbero contribuire alla protezione contro lo sviluppo del diabete e neutralizzare il danno pancreatico delle cellule causato dalla progressione della malattia. Ciò è suggerita dagli studi intrapresi dai ricercatori dell'area del CIBER del diabete e delle malattie metaboliche associate (CIBERDEM) al Universitat Autònoma de Barcellona (UAB), che indica questo ricevitore come obiettivo terapeutico potenziale nella prevenzione e nel trattamento della malattia.

La carenza di vitamina D è stata associata con una maggior prevalenza sia del tipo 1 (T1D) che del tipo - 2 il diabete (T2D) e la relazione di questa malattia con le variazioni nel gene del ricevitore di vitamina D egualmente è stato descritto. Tuttavia, la partecipazione specifica di questo ricevitore della vitamina nello sviluppo della malattia, specificamente nelle celle del β, continua ad essere sconosciuta. Ecco perché questo nuovo studio ha concentrato i sui sforzi sulla comprensione del ruolo svolto dal VDR di queste celle pancreatiche nello sviluppo del diabete, analizzando il suo comportamento in mouse.

Espressione in diminuzione di VDR in diabetici

I ricercatori hanno osservato l'espressione più bassa di VDR negli isolotti pancreatici dei mouse con sia il tipo 1 che il diabete di tipo 2. Inoltre, egualmente hanno dimostrato che la sovraespressione di VDR in celle del β dei mouse diabetici ha neutralizzato la malattia, mentre allo stesso tempo provando che i livelli continui di ricevitori di vitamina D in queste celle potrebbero conservare la loro massa e funzionare e proteggere dal diabete.

Questi risultati indicano che quello l'espressione di mantenimento di VDR potrebbe essere essenziale nell'opposizione del danneggiamento delle celle del β e proteggere dallo sviluppo della malattia.

Mouse transgenici protetti continui dei livelli di VDR dallo sviluppare iperglicemia severa, parzialmente conservando la massa delle celle del β, quindi diminuendo infiammazione locale e diabete. Tutto il questo rivela un ruolo senza precedenti del ricevitore di vitamina D in patofisiologia del diabete„.

Casellas alba, ricercatore di CIBERDEM al centro per biotecnologia e terapia genica animali (CBATEG) al Universitat Autònoma de Barcellona e coordinatore dello studio

Il glucosio stimola il ricevitore di vitamina D

I ricercatori egualmente hanno confermato che l'espressione di VDR è stata correlata negativamente con i livelli di circolazione dello zucchero, cioè, il glucosio stimola VDR: “Inatteso, abbiamo dimostrato che il ricevitore di vitamina D diminuisce quando fa circolare il glucosio i livelli sono fisiologicamente bassi, come dopo digiuno„. Nel collegare questo alle caratteristiche delle celle pancreatiche in persone diabetiche, che cosa state fuori era che “questi risultati potrebbero essere spiegato dovuto il fatto che il diabete è associato con glucosio intracellulare basso livella„.

Utilizzabilità della vitamina D nel trattamento del diabete

Sebbene i vantaggi di complemento con la vitamina D come modo impedire il diabete ampiamente siano stati riferiti, i dati clinici sulla sua efficacia nel miglioramento dello stato del diabete sono discutibili. “Le discrepanze nell'efficacia dei supplementi di vitamina D possono essere dovuto il regolamento negativo del VDR durante il diabete„, il Dott. Casellas precisa in considerazione di questi risultati.

Di conseguenza, gli autori suggeriscono quello per raggiungere i risultati positivi, il regime di dosaggio del completamento di vitamina D deve essere preveduto in assenza di diminuzione di espressione di VDR. “Di conseguenza, le strategie future per il trattamento del diabete dovrebbero essere basate su migliore conoscenza dei meccanismi subjacent al regolamento negativo di VDR durante il diabete e fuoco sulla riparazione dei livelli di VDR„, concludono.

La ricerca, che è stata condotta dal gruppo di CIBERDEM piombo da Fàtima Bosch al centro per biotecnologia e terapia genica animali del Universitat Autònoma il de Barcellona, è stata pubblicata in diabete, la Gazzetta ufficiale dell'associazione americana del diabete (ADA) e sarà l'oggetto della sezione del diabete di maggio di commento dentro “in questa emissione„.

Source:
Journal reference:

Morró, M., et al. (2020) Vitamin D Receptor overexpression in β-cells ameliorates diabetes in mice. Diabetes. doi.org/10.2337/db19-0757.