Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

gli animali del tipo di formichiere sono l'anello mancante per la trasmissione di coronavirus fra i pipistrelli ed esseri umani

Poichè gli scienziati rimescolano per imparare più circa il coronavirus SARS-CoV-2, due studi recenti sul genoma dei virus hanno raggiunto le conclusioni discutibili: vale a dire, quello serpeggia è host intermedi di nuovo virus e quello azioni “similarità misteriose„ di tasto di una proteina di coronavirus con una proteina di HIV-1. Ora, uno studio in giornale di ACS della ricerca di Proteome confuta entrambe le idee e suggerisce quello squamoso, gli animali del tipo di formichiere chiamati pangolini sono l'anello mancante per la trasmissione SARS-CoV-2 fra i pipistrelli ed esseri umani.

Capendo dove SARS-CoV-2 -- il virus che ha causato la pandemia COVID-19 -- è venuto da e come si sparge è importante per il sui controllo e trattamento. La maggior parte dei esperti acconsentono che i pipistrelli sono un bacino idrico naturale di SARS-CoV-2, ma un host intermedio era necessario affinchè salti dai pipistrelli agli esseri umani. Uno studio recente che ha analizzato il genoma dei nuovi virus ha suggerito i serpenti come questo host, malgrado il fatto che i coronaviruses fossero conosciuti soltanto per infettare i mammiferi e gli uccelli. Nel frattempo, uno studio indipendente ha confrontato la sequenza della proteina della punta -- una proteina chiave responsabile dell'entrare il virus nelle cellule di mammiferi -- di nuovo coronavirus a quello del HIV-1, notando le similarità inattese. Sebbene gli autori ritirino questo manoscritto della pubblicazione preliminare dopo la critica scientifica, ha generato le voci e le teorie di cospirazione che il nuovo coronavirus potrebbe essere costruito in un laboratorio. Yang Zhang e colleghi ha voluto condurre un'analisi più attenta e più completa delle sequenze del DNA SARS-CoV-2 e della proteina a risolvere questi problema.

Confrontato agli studi precedenti, i ricercatori hanno usato i più grandi insiemi di dati ed i più nuovi, metodi di bioinformatica e database più accurati per analizzare il genoma SARS-CoV-2. Hanno trovato che, contrariamente al reclamo che quattro regioni della proteina della punta sono state divise unicamente fra SARS-CoV-2 ed il HIV-1, i quattro segmenti di sequenza potrebbero essere trovati in altri virus, compreso il coronavirus del pipistrello. Dopo avere scoperto un errore nell'analisi che ha suggerito i serpenti come host intermedio, il gruppo ha cercato le sequenze della proteina e del DNA isolate dai tessuti del pangolino un simili a SARS-CoV-2. I ricercatori hanno identificato le sequenze della proteina in polmoni degli animali malati che erano 91% identici alle proteine dei virus umani. Inoltre, il dominio obbligatorio del ricevitore della proteina della punta dal coronavirus del pangolino ha avuto soltanto cinque differenze dell'amminoacido da SARS-CoV-2, rispetto a 19 differenze fra l'essere umano e batte le proteine virali. Questa prova indica il pangolino come il host intermedio più probabile per il nuovo coronavirus, ma i host intermedi supplementari potrebbero essere possibili, i ricercatori dicono.

Source:
Journal reference:

Zhang, C., et al. (2020) Protein Structure and Sequence Reanalysis of 2019-nCoV Genome Refutes Snakes as Its Intermediate Host and the Unique Similarity between Its Spike Protein Insertions and HIV-1. Journal of Proteome Research. doi.org/10.1021/acs.jproteome.0c00129.