Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca offre la speranza per l'aumento della robustezza della risposta vaccino in gente più anziana

La ricerca pubblicata appena dal laboratorio di Linterman indica che il sistema immunitario di più vecchi mouse può essere dato una mano amica applicando la competenza dell'immunologia e un certo trattamento della verruca genitale (non provi questo a casa appena eppure)!

Cambiamenti età-dipendenti di manifestazione degli esseri umani e dei mouse i simili nel loro sistema immunitario in modo da in questa individuazione offre la speranza per facilmente l'aumento della robustezza della risposta della vaccinazione nella popolazione più anziana.

Mentre invecchiamo, la funzione del nostro sistema immunitario diminuisce, rendendoci più suscettibili delle infezioni e rendendoci meno capaci di generare l'immunità protettiva dopo la vaccinazione. Capendo i meccanismi cellulari e molecolari che sostengono questa risposta difficile in persone più anziane, i ricercatori nel laboratorio di Linterman potevano a repurpose un il trattamento attuale per le verruche genitali e dimostrano che questo fosse efficace nel superamento degli effetti relativi all'età su due dei molti tipi delle cellule che compongono il nostro sistema immunitario. La ricerca è pubblicata online nel eLife del giornale.

Il Dott. Michelle Linterman, una guida del gruppo nel programma di ricerca dell'immunologia dell'istituto, ha detto:

I punti culminanti correnti di pandemia di coronavirus che i membri più anziani delle nostre famiglie e comunità sono più suscettibili della morbosità e della mortalità connesse con le malattie infettive. Di conseguenza, è di importanza fondamentale che capiamo come il sistema immunitario in gente più anziana funziona ed esplorare come potremmo potere amplificare le loro risposte immunitarie ai vaccini per assicurarci funzionano bene in questa parte vulnerabile della nostra società.„

I vaccini funzionano generando gli anticorpi che possono bloccare la capacità degli agenti patogeni di infettarci. L'anticorpo che secerne le celle è prodotto nel centro germinale, hub della reazione immune che si forma dopo l'infezione o la vaccinazione. Con l'età, la grandezza e la qualità dei declini concentrare germinali di reazione.

Le celle immuni chiamate celle di assistente follicolari di T sono essenziali alla risposta concentrare germinale. In questo studio il gruppo ha usato i mouse e gli esseri umani per studiare perché i numeri follicolari delle cellule di assistente di T diminuiscono con l'età e se c'è un modo amplificarli sopra la vaccinazione.

“La risposta concentrare germinale è un trattamento altamente di collaborazione che richiede i tipi multipli delle cellule di interagire al giusto posto ed al momento giusto. Di conseguenza, ha avuto significato noi che i difetti in uno o più di questi tipi delle cellule potrebbero spiegare la risposta concentrare germinale difficile osservata in persone più anziane dopo la vaccinazione,„ spiega il Dott. Linterman.

I ricercatori hanno trovato che i mouse e gli esseri umani più anziani formano meno celle di assistente follicolari di T dopo la vaccinazione, che è collegata con una risposta concentrare germinale difficile e la risposta dell'anticorpo. Sviluppando la nostra comprensione degli eventi cellulari e molecolari che accadono nel centro germinale dopo la vaccinazione, i ricercatori hanno identificato che le celle di assistente follicolari di T in mouse ed in gente più anziani hanno ricevuto le interazioni meno stimolatori dai loro colleghe del sistema immunitario. Usando una crema (imiquimod, corrente usato per trattare le verruche genitali in esseri umani) sul sito di immunizzazione per amplificare il numero delle celle stimolatori, potevano riparare la formazione di celle di assistente follicolari di T in più vecchi mouse ed anche salvare i difetti età-dipendenti in altra cella immune digiti (celle dentritiche). Encouragingly, questo dimostra che i difetti relativi all'età nella formazione follicolare delle cellule di assistente di T nell'invecchiamento non sono irreversibili e può essere sormontato dal punto di vista terapeutico.

L'immagine completa e la valutazione di se questo approccio funzionerà come un intervento in esseri umani richiede più ricerca su perché la risposta concentrare germinale cambia con l'età e su che cosa può essere fatto per sormontare questo. Una volta che raggiunto, potrebbe essere che i test clinici sono stabiliti per comprendere questa conoscenza nelle nuove formulazioni vaccino per la gente più anziana.

Source:
Journal reference:

Stebegg, M., et al. (2020) Rejuvenating conventional dendritic cells and T follicular helper cell formation after vaccination. eLife. doi.org/10.7554/eLife.52473.