Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori ricevono la concessione RAPIDA del NSF per studiare come diffusione di influenze di ansia di informazioni COVID-19

I ricercatori di Princeton hanno ricevuto una concessione RAPIDA del National Science Foundation per studiare come ansia circa le influenze COVID-19 come impariamo e dividiamo le informazioni sulla pandemia.

Il programma rapido della ricerca della risposta Del NSF (RAPIDA) costituisce un fondo per le proposte che richiedono la ricerca di rapido-risposta sui disastri e sugli eventi imprevisti.

Che cosa i ricercatori trovano potrebbe contribuire ad informare la progettazione delle campagne per migliorare la comunicazione di informazione sbagliata di diminuzione e di informazione esatta durante i periodi della crisi.

I nuovi fatti circa il coronavirus emergono giornalmente, da quanto contagioso è, quanto al più bene impedire la trasmissione, a cui i trattamenti hanno la più grande possibilità di successo. Per continuare con l'afflusso costante delle notizie, la gente conta non solo sui media ma sulle loro reti sociali.

Alin Coman, professore associato della psicologia e degli affari pubblici, piombo il gruppo.

La concessione RAPIDA permette che noi cominciamo ad esaminare l'effetto della comunicazione sulla conoscenza della gente di COVID-19 appena possibile. Sebbene ci già sia stato estesa copertura della pandemia, siamo interessati in come la conoscenza già acquisita diffonde attraverso le reti delle interazioni colloquiali.„

Alin Coman, professore associato di psicologia e degli affari pubblici

Alcune delle domande che lo studio indirizzerà includono: È la gente che possieda l'informazione esatta circa il virus più o meno ansiosa circa la malattia? È la gente che sia molto ansioso circa COVID-19 più probabilmente di spargere l'informazione sbagliata alla loro rete sociale? Sono le reti in cui trasmissione accurata di conoscenza può su diminuire le emozioni negative? Che cosa è l'impatto dell'istruzione della gente essere vigilante circa informazione sbagliata e correggere altri conoscenza durante le conversazioni circa l'acquisizione della comunità di informazioni accurate COVID-19?

Per rivolgere queste domande, i ricercatori monteranno le reti online della gente che chiacchiererà circa COVID-19. La gente sarà definita ad una di due strutture di rete che hanno alte o tariffe basse della trasmissione di informazioni. Il gruppo valuterà la conoscenza dei partecipanti della malattia e del loro livello di ansia a questo proposito prima e dopo le conversazioni hanno luogo.

Gli studi precedenti da Coman ed i colleghi hanno trovato che la gente può essere più probabile dimenticare i fatti importanti di salubrità quando sono in uno stato di ansia aumentata. Coman ed i colleghi egualmente hanno trovato che la struttura di una rete sociale ha pregiudicato quanto la gente ha ricordato similmente i fatti seguire le interazioni colloquiali, indicando che la gente esercita l'influenza su una un altro in cui si ricordano.

“Prediciamo che l'alto rischio percepito di infezione dovrebbe urtare la propagazione di informazioni nelle reti sociali e scoprire esattamente come questa accade dovrebbe essere altamente pertinente per le polizze puntate su ottimizzando l'acquisizione di dati conoscitivi e la propagazione accurate,„ ha detto Coman, che si nomina insieme nel dipartimento della psicologia e nel banco di Woodrow Wilson degli affari pubblici ed internazionali. I ricercatori egualmente predicono che la struttura di rete colloquiale e la probabilità dei membri per dividere le informazioni accurate o inesatte pregiudicheranno la tariffa a livello comunitario di acquisizione di dati conoscitivi come pure le emozioni sperimentate dalle persone.