Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il composto in scorze di frutta può diminuire ed invertire il danno di un neurone nella sclerosi a placche

La sclerosi a placche (MS), caratterizzata dall'aumento la debolezza e della paralisi di muscolo, ha una serie di trattamenti che aiutano la progressione della stalla della malattia una volta utilizzati nella fase iniziale nella malattia. Ma i trattamenti correnti possono appena invertire il danno che già si è presentato in cellule cerebrali chiamate neuroni. La nuova ricerca suggerisce che un composto trovato nelle pelli della frutta quali le mele e le prugne ed alcune erbe, possano diminuire ulteriore danneggiamento dei neuroni ed egualmente contribuisce a ricostruire le guaine protettive che coprono i neuroni, invertenti il danno.

Sebbene la prova sia preliminare - i nostri dati provengono dai modelli animali della malattia - sono incoraggianti vedere un composto che entrambi gli arresti e riparazioni danneggiano in ms, in laboratorio.„  

Guang-Xian Zhang, Ph.D., autore co-senior e professore di neuroscienza all'istituto universitario medico di Sidney Kimmel all'università di Thomas Jefferson

Lo studio è stato pubblicato lunedì 6 aprile negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze (PNAS).

“C'è lavoro che supplementare dobbiamo fare per verificare la sicurezza di questo, l'acido ursolic„ dice l'autore co-senior DI MATTINA Rostami, MD composto, il PhD, presidenza del dipartimento della neurologia all'istituto di Jack e di Vickie Farber per la neuroscienza - salubrità di Jefferson. “Ma questo è un grande nuovo cavo per il trattamento di malattia.„

I ricercatori hanno utilizzato un modulo depurativo laboratorio-grado di acido ursolic in mouse che avevano stabilito la malattia del ms. “Molti esperimenti hanno esaminato i mouse nella fase acuta, quando la malattia sta cominciando appena o al picco,„ dice il Dott. Zhang. “Invece, abbiamo provato se questo composto era efficace nella malattia cronica, una volta che già c'è stato danneggiamento cronico dei tessuti del sistema nervoso centrale.„

DRS. Zhang, Rostami, insieme al primo yuan Zhang dell'autore ed i colleghi hanno usato un modello stabilito del mouse della sclerosi a placche che sviluppa lentamente la malattia nel corso della sua vita, imitante la malattia umana. Circa al giorno 12, il mouse comincia la fase acuta della malattia, quando i segni del ms, paralisi parziale, compaiono e quando i farmaci attualmente disponibili sono più efficaci. I ricercatori, tuttavia, hanno cominciato trattare i mouse al giorno 60, - una fase molto più avanzata della malattia quando il danno di tessuto cronico è stato formato in cervello e midolli spinali, che deve essere riparato e rigenerato.

I ricercatori hanno trattato i mouse per i 60 giorni ed hanno cominciato a vedere un miglioramento al giorno 20 del trattamento. I mouse che sono stati paralizzati all'inizio dell'esperimento, riacquistato la capacità di camminare ancora intorno, sebbene con la debolezza, dopo il trattamento.

“Non è una maturazione, ma se vediamo una simile risposta nella gente, rappresenterebbe un cambiamento significativo nella qualità di vita. Ed il più significativamente, è un'inversione, che realmente non abbiamo veduto prima con altri agenti in così fase recente della malattia,„ dice il Dott. Zhang.

I ricercatori anche esaminatori appena come l'acido ursolic ha agito sulle celle. Hanno osservato che ha soppresso Th17 le celle - un tipo di cella immune che è uno dei driver principali della risposta autoimmune patologica in sig.ra. Molti corrente - le terapie attive sembrano sopprimere Th17. Ma i ricercatori di Jefferson hanno indicato che il composto potrebbe attivare le celle del precursore per maturare nelle celle difabbricazione tanto necessarie, chiamato oligodendrocytes.

“Questo effetto di maturazione è il più cruciale,„ dice il Dott. Zhang. “Mielina-guaina-facendo i oligodendrocytes sono vuotati in sig.ra. E le cellule staminali che producono i nuovi oligodentrocytes non possono dormienti e maturare. Questo composto contribuisce ad attivare quelle cellule staminali nella fabbricazione dei oligodendrocytes nuovi ed è probabilmente responsabile dell'inversione dei sintomi che abbiamo veduto.„

I punti seguenti per i ricercatori comprendono le prove del composto a sicurezza. Sebbene l'acido ursolic sia disponibile come supplemento dietetico, potrebbe essere tossico alle dosi elevate. “Ci sono ancora una serie di prove da completare prima dei primi test clinici,„ dice il Dott. Rostami. “Tuttavia, stiamo muovendo rapidamente con questo approccio di promessa.„

Source:
Journal reference:

Zhang, Y., et al. (2020) A dual effect of ursolic acid to the treatment of multiple sclerosis through both immunomodulation and direct remyelination. PNAS. doi.org/10.1073/pnas.2000208117.