Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Morbo di Alzheimer: livelli elevati dell'amiloide collegati alla malattia precoce

Un nuovo studio pubblicato in neurologia di JAMA del giornale nell'aprile 2020 sembra indicare che i livelli elevati dell'amiloide del cervello rappresentino il morbo di Alzheimer precoce (AD).

Che cosa è amiloide?

Amiloide-beta è un biomarcatore significativo dell'ANNUNCIO. Un biomarcatore è “una caratteristica che può essere misurata e valutata obiettivamente come indicatore di un trattamento normale o patologico, o come misura della risposta alla terapia,„ secondo il gruppo di lavoro di biomarcatore 2001. L'uso di amiloide ed altri biomarcatori hanno annunziato lo spostamento di progettazione di prova dell'ANNUNCIO dalla valutazione della malattia clinicamente evidente alla rilevazione dell'ANNUNCIO in anticipo, per modifica di malattia ed il trattamento.

Il beta peptid dell
Il peptide dell'beta-amiloide, placche dell'amiloide che crescono su un neurone. Consiste di circa 30 amminoacidi ed i cumuli alle placche dell'amiloide, quella possono danneggiare ed uccidere i neuroni. Credito di immagine: Juan Gaertner/Shutterstock

Con l'uso dei biomarcatori, i ricercatori sono venuto ad apprezzare il continuum delle mutazioni patologiche biochimiche e che si presentano in ANNUNCIO. C'è prova per supportare l'ipotesi che l'ANNUNCIO comincia con i cambiamenti preclinici, che poi progredisce costantemente alle fasi cliniche recenti, vale a dire, demenza. Quindi, lo sviluppo della droga ora si è spostato dal trattamento di demenza iniziale e recente ad impedire la progressione della malattia nelle fasi iniziali ed impedire tutti i sintomi l'emergenza affatto modificando il trattamento di fondo di malattia.

Amiloide-beta è uno di parecchi prodotti della scomposizione di più grande proteina chiamata proteina del precursore dell'amiloide. Uno di questi moduli è chiamato beta-amiloide 42 e si accumula fra i neuroni sotto forma di placche. Questa accumulazione interrompe il funzionamento delle cellule.

L'amiloide è associato con un'altra proteina anormale chiamata tau, che si presenta sotto forma di grovigli neurofibrillary. La tau è associata tipicamente con i microtubuli, che fa parte dello scheletro delle cellule e vie intracellulari del trasporto. I cambiamenti nella composizione chimica della tau la inducono a liberarsi dai microtubuli ed ad aderire ad altre molecole di tau. Di conseguenza, i thread di tau sono formati, che finiscono nei grovigli dentro le cellule nervose del cervello. Tali grovigli inibiscono il trasporto di un neurone, privante il neurone della nutrizione e privante il neurone della potenza comunicare liberamente e efficacemente via le sinapsi.

Mentre i livelli dell'amiloide aumentano all'interno del cervello, forse indicativo di maggiori livelli di infiammazione all'interno del cervello, un livello critico è raggiunto, a cui la tau del punto aggroviglia rapido la propagazione in tutto il cervello.

Una ragione per la quale l'infiammazione è collegata ad accumulazione dell'amiloide è la capitalizzazione di microglia anormale e di astrocytes, entrambe le celle glial interessate dall'eliminazione dei rifiuti, detriti e proteine indesiderate. Ciò, a sua volta, può essere dovuto i difetti genetici ambientale-mediati.

I dati più iniziali dal trattamento dell'Anti-Amiloide nello studio asintomatico del morbo di Alzheimer (A4) guardano come se l'accumulazione dell'amiloide nel cervello rispecchi l'ANNUNCIO in anticipo. Quando la persona è asintomatica o non ha funzionalità cliniche, un di più alto livello di amiloide è collegato per abbassare i punteggi sulla prova conoscitiva, su una storia della famiglia della malattia e su un declino nella funzione conoscitiva quotidiana. I dati ora sono a disposizione liberamente di tutti i ricercatori.

La prova A4 è una prova di prevenzione che ha cominciato nel 2014 e cesserà alla fine del 2022. È puntata su che identifica l'efficacia del solanezumab della droga dell'anticorpo monoclonale all'impedire o a trattare il declino conoscitivo, per uso in gente conoscitivo normale con i livelli elevati dell'amiloide. L'amiloide è considerato da molti scienziati come la caratteristica dell'ANNUNCIO. Ha stato il fuoco di molte prove che cercano di identificare i trattamenti per la gente che mostra le funzionalità della malattia.

Lo studio è stato motivato dalla necessità di scoprire se le prove precedenti “stessero intervenendo troppo tardi nel trattamento di malattia per essere efficaci.„ Ciò è stata un problema significativo con le più vecchie prove che mirano all'ANNUNCIO. Il ricercatore Richard J. Hodes dice, “A4 sta aprendo la strada a nel campo perché mira alla capitalizzazione dell'amiloide in adulti più anziani a rischio di demenza di sviluppo prima dell'inizio dei sintomi.„

Lo studio

La prova A4 ha reclutato i partecipanti al gruppo d'età di 65-85 anni, che erano conoscitivo normali ma ha avuta livelli elevati dell'amiloide. In primo luogo hanno schermato sopra 15,000 persone che sono stati interessati e selezionato stati sopra 6700 persone come volontari. Poi hanno effettuato il test conoscitivo, le valutazioni cliniche e gli studi genetici. In questi giri, 2.777 partecipanti sono stati trovati ineleggibili.

Il punto seguente ha incluso circa 4.500 partecipanti, su cui i ricercatori hanno effettuato la tomografia a emissione di positroni dell'amiloide (PET). Lo scopo era di valutare la capitalizzazione dell'amiloide all'interno del cervello. Le scansioni hanno indicato che circa 1.300 persone hanno avute livelli elevati dell'amiloide. I dati su tutte le persone scandite sono stati resi ad aperto Access. Ciò dovrebbe contribuire a migliorare l'assunzione di altre prove dell'ANNUNCIO in termini di selezione più efficiente.

Questi sono stati inclusi nel prossimo giro. Queste erano tutta la gente con le abilità conoscitive normali che hanno avute livelli elevati dell'amiloide del cervello. Riguardo alla capacità della scansione di selezionare la gente con amiloide ma nessun sintomi, lo scienziato Laurie Ryan dice, “nel 2014, A4 era uno studio primo de suo gentile. Prima della disponibilità dell'ANIMALE DOMESTICO dell'amiloide, altri test clinici d'ottimizzazione possono verificare le terapie qualche gente che non ha avuta amiloide.„

I dati correnti indicano, nelle parole di Ryan, “A4 dimostrano che le prove di prevenzione possono iscrivere le persone ad alto rischio -- la gente con i biomarcatori per Alzheimer che sono conoscitivo normali. Infine, gli approcci della medicina di precisione saranno essenziali.„ La spiegazione razionale per questa è che l'ANNUNCIO non avrà mai un trattamento universalmente applicabile a causa delle combinazioni differenti di fattori di rischio che richiedono le terapie su misura.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, April 06). Morbo di Alzheimer: livelli elevati dell'amiloide collegati alla malattia precoce. News-Medical. Retrieved on July 14, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20200406/Alzheimers-disease-high-amyloid-levels-linked-to-early-disease.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Morbo di Alzheimer: livelli elevati dell'amiloide collegati alla malattia precoce". News-Medical. 14 July 2020. <https://www.news-medical.net/news/20200406/Alzheimers-disease-high-amyloid-levels-linked-to-early-disease.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Morbo di Alzheimer: livelli elevati dell'amiloide collegati alla malattia precoce". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200406/Alzheimers-disease-high-amyloid-levels-linked-to-early-disease.aspx. (accessed July 14, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Morbo di Alzheimer: livelli elevati dell'amiloide collegati alla malattia precoce. News-Medical, viewed 14 July 2020, https://www.news-medical.net/news/20200406/Alzheimers-disease-high-amyloid-levels-linked-to-early-disease.aspx.