Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

PEMF non invadente per curare gli uomini che soffrono dall'iperplasia prostatica benigna

I medici dall'università di Sapienza a Roma hanno pubblicato i risultati di promessa di piccola prova interventional futura facendo uso della terapia pulsata non invadente del campo elettromagnetico (PEMF) per curare gli uomini che soffrono dall'iperplasia prostatica benigna (BPH). Dopo un mese del trattamento, il volume ed i sintomi della prostata sono diminuito significativamente. Gli uomini con i sintomi più bassi moderato-severi dell'apparato urinario e senza sindrome metabolica hanno tratto giovamento più dal trattamento. Lo studio recentemente è stato pubblicato in andrologia, il più alto giornale allineato della ricerca andrological.

L'iperplasia prostatica benigna è un'afflizione comune degli uomini più anziani

La maggior parte dei uomini sopra l'età di 50 svilupperanno la prostata ingrandetta, o BPH. La ghiandola di prostata noce di taglia produce il liquido prostatico, che è una componente principale di seme. Può diventare la dimensione di un limone prima che un uomo sia 60 anni e può stampare contro la vescica e l'uretra. BPH comprende i sintomi più bassi cronici dell'apparato urinario, quali frequente e minzione urgente, senso della vescica incompleta che di svuotamento e forza in diminuzione del flusso dell'urina. Un reclamo comune sta dovendo alzarsi alla notte per urinare. Circa 60% degli uomini sopra l'età di 60 e 80% degli uomini sopra l'età di 80, avvertiranno i sintomi di BPH.

Una malattia capita male

I fattori di rischio per BPH comprendono l'età, il diabete, la malattia cardiovascolare, l'ipertensione e la sindrome metabolica. L'eziologia della malattia completamente non è conosciuta, ma il danno infiammatorio è la causa più probabile. L'infiammazione avvia la fibrosi e la mancanza di ossigeno al tessuto commovente, con conseguente mutamenti strutturali nella prostata. Ciò crea un ciclo di infiammazione-fibrosi-ipossia-infiammazione, che a sua volta causa la crescita ghiandolare del tessuto e di ricostruzione (Berger, et al., 2003; Mishra, et al., 2007).

Le opzioni tradizionali del trattamento per BPH includono i farmaci quali gli alfa-stampi e gli inibitori 5α-reductase o gli interventi chirurgici. Gli effetti secondari dei trattamenti possono comprendere l'incapacità di eiaculare, l'eiaculazione retrograda (seme scorre indietro nella vescica), la disfunzione erettile e perfino la perdita di controllo della vescica. Alcuni uomini influenzati hanno riferito che catturando ha veduto il palmetto, un supplemento di erbe, dà loro il sollievo ma la prova clinica per la sua efficacia non è conclusiva. Chiaramente, gli efficaci e trattamenti meno dilaganti per questa malattia comune sono necessari.

Terapia pulsata del campo elettromagnetico e BPH

PEMF consiste delle onde a bassa frequenza di energia pulsata ed è stato usato per vari disturbi quali le varie circostanze ortopediche. Per esempio, PEMF è stato indicato per diminuire il dolore e migliorare la funzione per quelli afflitti con l'osteoartrite. Il campo elettromagnetico è prodotto da un'unità che diminuisce l'infiammazione promuovendo la crescita di nuovi vasi sanguigni, la dilatazione dei vasi sanguigni e la ricostruzione del tessuto. L'effetto globale è riduzione dell'ipossia del tessuto. Questi aspetti di PEMF gli rendono un'opzione non invadente ideale per trattare BPH (Frey, 1974; Abbraccio e Roosli, 2012).

In questo senso, soltanto alcuni studi hanno usato PEMF per trattare la prostata ingrandetta. Due studi pubblicati hanno utilizzato un'unità del desktop PEMF per trattare BPH negli uomini con il positivo, ma la variabile, risultati (Elgohary e Tantawy, 2017; Giannakopoulos, et al., 2011). Uno studio più recente in 20 cani, che egualmente soffrono dalla prostata ingrandetta mentre invecchiano, hanno trovato una media di rapporto di riproduzione di 57% del volume prostatico che segue tre settimane del trattamento con un'unità del portatile PEMF, senza alcun'interferenza nella qualità del seme, nei livelli del testoterone, o nella libido (Leoci, et al., 2014).

Lo studio corrente ha usato un simile programma dell'unità e di trattamento di PEMF come lo studio del cane. Ventisette pazienti ingenui con BPH ed i sintomi più bassi dell'apparato urinario sono stati iscritti. Hanno ricevuto una batteria delle prove compreso l'ultrasuono transrectal ed hanno standardizzato i questionari al riferimento. Poi hanno utilizzato un'unità tenuta in mano di PEMF (Magcell® Microcirc, Physiomed Elektromedizin) per cinque minuti due volte al giorno per i 28 giorni consecutivi. Le prove poi sono state ripetute. Nove pazienti eletti per continuare terapia per tre nuovi mesi mentre altri hanno cessato. Una valutazione definitiva di salubrità è stata completata a quattro mesi per tutti i pazienti.

“I pazienti erano soddisfatti di questa pianificazione semplice del trattamento ed eravamo molto piacevoli che i loro sintomi migliori significativamente dopo soltanto un mese del trattamento, senza qualsiasi ordinamento degli effetti secondari,„ prof. corrispondente celebre Andrea Isidori dell'autore.

PEMF poteva diminuire significativamente il volume della prostata dopo gli appena 28 giorni della terapia, con conseguente diminuzione mediana di 5,4%. I sintomi egualmente sono migliorato, con alta conformità e nessun effetti sulla funzione ormonale e sessuale. Non c'erano differenze fra gli oggetti che hanno continuato la terapia per tre nuovi mesi e coloro che non ha fatto, indicando che un mese della terapia può essere sufficiente affinchè l'unità efficacemente diminuissero il volume ed i sintomi della prostata. I pazienti con i sintomi più bassi moderato-severi dell'apparato urinario e senza sindrome metabolica (un cluster delle circostanze che comprendono la pressione sanguigna aumentata, l'alto zucchero di sangue, il grasso corporeo in eccesso intorno alla vita ed i livelli anormali del trigliceride o del colesterolo e che aumentano il rischio di malattia di cuore, del colpo e del diabete di tipo 2) sono sembrato trarre giovamento più da questo trattamento.

Punti seguenti

Lo studio pilota ha fornito la prova di promessa per l'utilizzabilità di PEMF per trattare BPH. La diminuzione nella dimensione della prostata era di meno che quella raggiunta in cani, tuttavia. Ciò può essere dovuto le differenze fra i cani e gli esseri umani nell'architettura del tessuto della prostata e le caratteristiche della crescita dovuto BPH. La ricerca supplementare con un più grande numero degli uomini e di un gruppo di controllo è necessaria capire meglio il programma e la durata ottimale del trattamento, l'impatto del trattamento sul tessuto della prostata e l'uso potenziale di PEMF insieme con le terapie tradizionali di BPH.

Le fondamenta di Parsemus hanno supportato questo studio pilota negli uomini che seguono la riuscita prova in cani, con lo scopo di individuazione del metodo economico e non invadente alleviare i sintomi della prostata ingrandetta. Aspettiamo con impazienza di partnering con altri finanziatori per patrocinare la ricerca supplementare sull'uso di PEMF trattare BPH.„

Linda Brent, Ph.D., direttore esecutivo, fondamenta di Parsemus

Source:
Journal reference:

Tenuta, M., et al. (2020) Therapeutic use of pulsed electromagnetic field therapy reduces prostate volume and lower urinary tract symptoms in benign prostatic hyperplasia. Andrology. doi.org/10.1111/andr.12775.