Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Coronavirus capace di sopravvivere a vicino al punto di ebollizione dell'acqua, studio mostra

Un documento sensazionale da un gruppo degli scienziati francesi pubblicati nel bioRxiv del giornale della pubblicazione preliminare nell'aprile 2020 suggerisce che il coronavirus novello sia capace della sopravvivenza alle temperature elevate.

Come lo studio è stato fatto?

Il gruppo piombo dal professor Remi Charrel all'università diAix-Marsiglia in Francia del sud mirante per scoprire alla che temperatura il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo potrebbe sopravvivere. Hanno sottoposto la cultura virale all'interno delle cellule ospiti, da un rene del cercopiteco africano, al riscaldamento lento per un'ora, raggiungente una temperatura centigrado di 60 lauree. Le celle usate per cultura sono standard per attività virale. Lo sforzo virale usato è venuto da un paziente con COVID-19 a Berlino, Germania.

Coronavirus novello SARS-CoV-2: Questa immagine del microscopio elettronico a scansione mostra SARS-CoV-2 (oggetti rotondi dell

Coronavirus novello SARS-CoV-2: Questa immagine del microscopio elettronico a scansione mostra SARS-CoV-2 (oggetti rotondi dell'oro) che emerge dalla superficie delle celle coltivate in laboratorio. SARS-CoV-2, anche conosciuto come 2019-nCoV, è il virus che causa COVID-19. Il virus indicato è stato isolato da un paziente nel credito degli Stati Uniti: NIAID-RML

Lo studio ha compreso 10 protocolli per inattivazione del virus, compreso 3 buffer di lisi e 6 protocolli di inattivazione termica relativo al galleggiante delle culture SARS-CoV-2.

Le celle infettate poi sono state collocate all'interno di due tipi differenti di tubi, per imitare l'esposizione per pulire e gli ambienti sporchi in realtà. Il tubo sporco del `' ha contenuto gli agenti inquinanti animali della proteina, lo scopo essendo quello di produrre una collocazione piuttosto come quello trovato nel mondo reale, in cui un tampone orale, per esempio, può contenere le tracce di altre proteine.

Quando hanno verificato il materiale residuo della cultura a tutto il virus della sopravvivenza, hanno trovato che l'infettività contrassegnato è stata diminuita, ma alcuni sforzi potrebbero ancora ripiegare - abbastanza per cominciare un altro giro dell'infezione. Mentre gli sforzi nell'ambiente pulito hanno mostrato la sopravvivenza zero, alcuni sforzi negli ambienti sporchi sono sopravvissuto a.

Poi hanno continuato a riscaldare la cultura centigrado a quasi 100 gradi prima che potrebbero confermare che il virus era stato ucciso.

Perché è questo studio importante?

Provando ad infezione COVID-19 stanno accadendo dappertutto su un grande disgaggio, dovuto la diffusione rapida della pandemia. Alcune di queste prove stanno eseguende in laboratori con i livelli più bassi del biosecurity. Di conseguenza, i tecnici di laboratorio che elaborano i campioni clinici possono essere esposti al virus contagioso SARS-CoV-2.

La diagnosi diretta SARS-CoV-2 è basata su rilevazione del RNA dal RT-qPCR. I metodi per l'estrazione dell'acido (NA) nucleico utilizzano i buffer, che la formulazione intende ottenere il NAS di alta qualità. Soprattutto non sono sviluppati per inattivazione. L'estrazione automatizzata del Na è eseguita generalmente fuori dei gabinetti di sicurezza biologica, che richiede che soltanto i campioni non infettivi debbano essere caricati. Per raggiungere questo obiettivo, un punto priore di inattivazione nelle circostanze appropriate di sicurezza biologica è un requisito assoluto.

Gli studi precedenti hanno indirizzato l'abilità dei buffer di lisi aggiunti ai campioni al passo iniziale dell'estrazione del Na per fungere da agenti di inattivazione di parecchi virus patogeni (coronaviruses compresi). Tuttavia, i risultati divergenti osservati con i protocolli dissimili hanno portato alle conclusioni discutibili.

Molto presto, la prova diffusa dell'anticorpo sarà usata per determinare se la gente già è stata infettata. Questa prova richiederà l'uso dei campioni di sangue, che significa ancora che l'inattivazione virale completa deve in primo luogo essere compiuta.

Il protocollo più comune per la disattivazione del virus è la tecnica centigrado di un'ora del riscaldamento da 60 gradi. Congiuntamente all'uso di Tritone X-100, è stato raccomandato dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ed è stato utilizzato in molti laboratori per inattivare i virus con gli alti rapporti di fatalità di caso, come il virus di Ebola.

Tuttavia, il nuovo studio indica che questo può essere insufficiente uccidere tutte le particelle del virus in campioni con un alto caricamento virale, i ricercatori dice. Se soltanto una piccola quantità del virus è presente, sebbene, questo protocollo uccida un'alta percentuale degli sforzi, causante inattivazione quasi completa.

I ricercatori hanno trovato che quando hanno riscaldato i campioni alle più alte temperature, vale a dire, centigrado 92 gradi per 15 minuti, i virus sono stati denaturati interamente ed il campione è diventato non infettivo. Tuttavia, questa non è una soluzione fattibile perché, a tali temperature, il RNA virale è spezzettato, inducente il numero dei falsi negativi ad aumentare.

Un migliore modo è di combinare il protocollo più a calore ridotto più esteso con la sterilizzazione chimica per migliorare la sicurezza del laboratorio mentre conserva il risparmio di temi ottimale di rilevazione del virus. I ricercatori raccomandano l'uso dei buffer con il sodio-dodecilico-solfato dei prodotti chimici e il Triton-X100 ottenere una riduzione quasi completa del caricamento contagioso del virus. Ciò è equivalente ad un calo di meno di 6 registri nel caricamento virale anche con un gran numero di virus.

Nelle parole degli autori, “i risultati presentati in questo studio dovrebbero contribuire a scegliere il protocollo più adatto per inattivazione per impedire l'esposizione del personale del laboratorio incaricato di rilevazione diretta ed indiretta di Sars-CoV-2 per scopo diagnostico.„

Journal reference:

Evaluation of heating and chemical protocols for inactivating SARS-CoV-2, Boris Pastorino, Franck Touret, Magali Gilles, Xavier de Lamballerie, Remi N. Charrel, bioRxiv 2020.04.11.036855; doi: https://doi.org/10.1101/2020.04.11.036855

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, April 20). Coronavirus capace di sopravvivere a vicino al punto di ebollizione dell'acqua, studio mostra. News-Medical. Retrieved on February 25, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200415/Coronavirus-able-to-survive-near-boiling-point-of-water-study-shows.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Coronavirus capace di sopravvivere a vicino al punto di ebollizione dell'acqua, studio mostra". News-Medical. 25 February 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200415/Coronavirus-able-to-survive-near-boiling-point-of-water-study-shows.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Coronavirus capace di sopravvivere a vicino al punto di ebollizione dell'acqua, studio mostra". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200415/Coronavirus-able-to-survive-near-boiling-point-of-water-study-shows.aspx. (accessed February 25, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Coronavirus capace di sopravvivere a vicino al punto di ebollizione dell'acqua, studio mostra. News-Medical, viewed 25 February 2021, https://www.news-medical.net/news/20200415/Coronavirus-able-to-survive-near-boiling-point-of-water-study-shows.aspx.