Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Cina con il mondo: Gli esperti COVID-19 dialoga - la quarta trascrizione di conversazione

Q (prof. Cantante): Che cosa pensate dei comorbidities e dell'età dei pazienti nel trattamento di COVID-19? È la mortalità più alta in pazienti anziani poichè è riferito dai documenti recenti?

A (prof. Peng): Se il paziente ha comorbidities, possono essere infettati facilmente da COVID-19 e sono probabili trasformarsi in in casi severi. Per quanto riguarda il trattamento, non sono informato di alcun trattamento specifico per questo genere di pazienti.

Q (prof. Cantante): Per quanto riguarda l'organizzazione e la protezione dei gruppi, che cosa sono le vostre raccomandazioni?

A (prof. Peng): Per la protezione personale, applicare “le precauzioni disperse nell'aria„ è cruciale: Maschere di protezione N95, scarpe protettive, occhiali di protezione e visiere quando lavorano nel ICU. Questa giusta protezione per il personale clinico è cruciale.

Q (prof. Cantante): Quanti professionisti sono stati infettati?

A (prof. Peng): La maggior parte dei professionisti sono stati infettati alla fase iniziale perché non abbiamo realizzato che la trasmissione era così alta. Un'altra questione era che non abbiamo avuti all'inizio abbastanza (PPE) dispositivi di protezione individuale, ma il governo ha ordinato molto la produzione rapida delle società di strumentazione. Ora tutto è giusto. Durante l'ultimo mese nemmeno ho sentito parlare di tutto il caso dei professionisti infettati da COVID-19.

A (prof. Storti): Per quanto riguarda le domande di prof. Cantante, sì, abbiamo più alta mortalità fra gli anziani in Italia. La nostra esperienza è limitata a soltanto tre settimane e non ho chiare figure, così soddisfaccio non catturo questo come verità. D'altra parte, stiamo cominciando vedere i più giovani pazienti severamente malati con ARDS che, purtroppo, devono essere ammessi nel ICU mentre, nell'inizio stesso, abbiamo veduto i pazienti più anziani.

Come proteggere il nostro gruppo è un'emissione. Per dargli un'idea generale, abbiamo aumentato i nostri letti di ICU da 12 a 24. All'inizio, c'erano soltanto 25% o di meno dei nostri membri di gruppo che lavorano a causa di un numero abbastanza coerente dei professionisti dall'imposta poichè sono risultati positivi per COVID-19.

Con i più piccoli gruppi siamo costretti a fare fronte a questa situazione lavorando gli spostamenti lunghi molto pesanti. Inoltre, è un'emissione per fare gli spostamenti extra e quando profondamente siete coinvolgere in uno scenario che è completamente inatteso e sconosciuto. Ho veduto molti esperti, i medici di ICU ed i professionisti gridare dopo i loro spostamenti.

Per proteggere i nostri professionisti, abbiamo usato le maschere N95, gli occhiali di protezione, i cappelli, le doppie paia dei guanti ed i grembiuli protettivi. , Naturalmente, egualmente copriamo le scarpe.
Chiediamo ai nostri medici di identificazione di sorvegliare le nostre procedure “nella zona del filtro„ prima dell'entrata principale del ICU. Questa “zona del filtro„ recentemente è stata sviluppata poichè non era assente prima, tutti i ringraziamenti ai nostri tipi tecnici.

A (prof. Zhong): Sono stato colpito dal numero dei pazienti criticamente malati quando sono arrivato nell'ospedale di Jinyintan a Wuhan, il primo ospedale designato per ricevere i pazienti COVID-19. Hanno presentato con il hypoxemia severo e la sindrome multipla di disfunzione dell'organo (MODS).

Inoltre, c'era una mancanza di personale medico e non abbiamo saputo se la nostra protezione personale era abbastanza per tenerci sicuri. La situazione migliorata quando i medici da ogni parte della Cina sono venuto a Wuhan ad aiutare i professionisti locali.

Q (prof. Cantante): Avete protetto i vostri gruppi facendo gli spostamenti? Se qualcuno fosse infettato e quarantined, come avete gestito?

A (prof. Peng): Naturalmente chiunque ha verificato il positivo (torace anormale CT o sintomi tipici) dovrebbe lasciare il gruppo ed avere un resto e recluteremmo un nuovo professionista poichè altri colleghi sarebbero stati nel rischio da infettare, anche se non hanno fatto timore dei pazienti infettati.
.
A (prof. Zhong): C'è una rotazione (spostamento): un gruppo ogni quattro settimane e dopo quella che devono lasciare e un altro nuovo gruppo assumerà la direzione di. I professionisti hanno bisogno, almeno, del resto di una settimana come lavorare sotto tale pressione sta esaurendo. Abbiamo avuto bisogno di più gente per questi spostamenti.

Q (prof. Rello): Che cosa è la rotazione di questi spostamenti, 12 ore?

A (prof. Peng): Sì, dato che medici uno spostamento è di 12 ore. Solitamente, nel mio gruppo, definiamo tre medici ad ogni spostamento. Di mattina devono restare in servizio per 4 ore, quindi possono uscire pranzare e un certo resto (anche quando non tutti lo faranno) e poi girano così là sono sempre, almeno, un medico che tiene un occhio sui pazienti nel ICU.

A (prof. Zhong): In principio, dato che gli infermieri uno spostamento erano di otto ore, ma più successivamente abbiamo trovato che otto ore ugualmente stavano esaurendo perché il carico di lavoro è molto superiore allo standard, quindi non potrebbero continuare lavorare così lungamente. Poi, abbiamo accorciato i loro spostamenti a 6 o 5 ore con un'più alta rotazione degli spostamenti.

Q (Dott. Lamas): Ho una domanda circa gli spostamenti dell'infermiere. Dopo il lavoro per 5 o 6 ore, ritornano a casa e vengono giorno successivo, o di mattina e poi lavorano 5 ore 5 ore nella sera? Come gestite questi spostamenti di professione d'infermiera? Troviamo molto difficile gestire tante rotazioni.

A (prof. Zhong): Nel nostro ICU, se gli infermieri hanno uno spostamento di cinque ore nel tempo del giorno il primo giorno, il secondo giorno avranno una variazione di cinque ore nel pomeriggio ed il terzo giorno lavoreranno alla notte. Dopo quello, convincono una giornata per riposare.

Q (Dott. Lamas): Durante lo spostamento di cinque ore, utilizzate il vestito e la strumentazione protettivi completi?

A (prof. Zhong): Per essere onesti, nell'inizio stesso non eravamo molto sicuri di che cosa era la giusta protezione che lavora in un tal isolamento ICU, ma abbiamo avuti le maschere N95, le visiere ed i doppi guanti. Per quasi due mesi, nessun personale ha ottenuto infettato.

A (prof. Peng): Mi ricordo che il personale medico ha dovuto spendere, almeno, 4 ore nel ICU prima di andare al locale di riposo mangiare un certo alimento o bere l'acqua. Quando sono ritornato a ICU, devono cambiare e vestire un intero nuovo insieme di strumentazione protettiva. Di conseguenza, per non sprecare la strumentazione protettiva, hanno dovuto restare nel ICU per almeno 4 ore prima di uscire.

Q (Dott. Lamas): Che cosa è il rapporto del infermiere-letto e rapporto del medico-letto nel vostro ICU?

A (prof. Zhong): Il mio ICU era un ICU temporaneo. Il precedente ICU ha avuto soltanto 16 letti che non erano abbastanza e quello temporaneo in espansione a 26 letti. Durante il primo mese, abbiamo avuti 50 infermieri e 12 medici. Ora, abbiamo 80 infermieri e 15 medici.

Q (prof. Cantante): Circa la strumentazione, avendo un numero aumentato di pazienti chi la ventilazione meccanica di bisogno, io vi indovina non solo aveva sofisticato i ventilatori ma forse anche alcuni ventilatori semplici? Siete che li usando?

A (prof. Zhong): Nel nostro ICU temporaneo, ogni letto ha un ventilatore medicalized. Non abbiamo utilizzato i ventilatori di di casa uso quale BiPAP. Nessuna materia se sono per ventilazione non invadente o dilagante, tutti utilizziamo gli stessi ventilatori.

Q (moderatore): Abbiamo una domanda del pubblico. Quando i medici e gli infermieri rifiniscono i loro spostamenti, vanno a casa o restano agli ospedali o a dei posti vicino?

A (prof. Zhong): All'ospedale ora supporto, la maggior parte del personale medico viene da altre zone della Cina e non vive a Wuhan, in modo dai medici e gli infermieri resteranno in hotel vicino all'ospedale fra gli spostamenti. Neppure per i professionisti locali, la maggior parte di loro non ritornano a casa dopo gli spostamenti. Per quelli che vanno a casa, si isolano dalle loro famiglie.

A (Dott. Storti): In Italia, ci sono una serie di medici ed infermieri che preferiscono essere provveduti di alcune aree per restare piuttosto che il rendimento con le loro famiglie. Personalmente, non ho veduto la mia famiglia per molto tempo perché profondamente siamo coinvolgere in un ambiente che è altamente infettivo.

Stiamo occupando di due generi di popolazione. Un gruppo, naturalmente, è i pazienti di ICU che possono avere ARDS o è su ventilazione meccanica dilagante ed egualmente catturiamo la cura dei pazienti in una nuova unità scendere (SDU) di circa 20 letti.

Sistemiamo le aree separate per il pronto soccorso e stiamo svezzando tantissimi pazienti perché non abbiamo abbastanza letti di ICU. Stiamo provando a tenere questi pazienti vivi ed a fornire NIV per loro, ma questo genere di ventilazione di CPAP crea uno scenario che non è positivo dal punto di vista di diffusione di infezione.

Per concludere, abbiamo trovato un altro ordinamento degli scenari peggiori con la sproporzione enorme fra le risorse ed il numero dei pazienti nel pronto soccorso, alcuni di loro molto malati e la ventilazione esigente ed abbiamo avanzato il video e non possiamo arieggiarli correttamente perché la maggior parte dei ventilatori di ICU sono già sopra uso.

Q (Dott. Lamas): Capisco che quello facendo uso di HFNC sia molto rischioso per i lavoratori di sanità perché c'è una diffusione del virus nell'aria ma, quando non avete alcuni ventilatori disponibili, quindi in HFNC può la sola opzione per questi pazienti. Siete che la usando?

A (Dott. Storti): Lo facciamo. Proviamo ad arieggiare e fornire l'ossigeno a tutti i pazienti, ma non è facile. Appena un'idea generale, abbiamo aumentato il nostro consumo dell'ossigeno, in termini di sorgente, troppo vicina “all'arresto dell'ossigeno„, perché la somma totale di consumo dell'ossigeno è enorme. Tutti i ventilatori in ICU, in SDU ed in una grande parte di letti medici, ogni singolo paziente, se non arieggiato, sta avendo tutta l'ossigenoterapia. Considerando quello, abbiamo chiesto ai nostri tipi tecnici di installare venti socket dell'ossigeno 220V nel ER perché ci non sono abbastanza punti dell'ossigeno da connettere ai pazienti.

Per tenere i nostri pazienti vivi, CPAP è utile nel ER mentre aspetta l'ammissione di ICU o di SDU. Non è un sistema monetario aureo, ma quello è il solo modo tenerli vivi e quella è la ragione per la quale ancor più ci impegniamo per proteggere il nostro personale, perché ancora stanno funzionando in un ambiente pericoloso.

Nell'inizio stesso abbiamo provato a tenere i cingoli separati per i pazienti positivi e negativi per COVID-19, ma a causa dello scoppio, è diventato molto difficile da raggiungere.

Q (Dott. Lamas): E quanto circa in Cina, fate avete usato l'alta ossigenoterapia di flusso?

A (prof. Peng): Realmente, abbiamo simili emissioni. Se la maggior parte dei pazienti sono su HFNC, l'ospedale colerà il rifornimento di ossigeno ed egualmente siamo interessati circa il disperso nell'aria generato dai pazienti infettati. Realmente, abbiamo riflesso la presenza e la concentrazione del virus vicino ai pazienti negli ambienti differenti di 2 ICUs: Un ICU ha avuto sue finestre aperte, mentre il secondo ICU è stato fornito di pressione negativa. Abbiamo individuato un'più alta concentrazione del virus nell'aria sul primo ICU, mentre sul ICU fornito di pressione negativa, la concentrazione del virus nell'aria era giusta, in modo da questo ICU fornito di pressione negativa era più sicuro per i professionisti che forniscono HFNC ai loro pazienti. Di conseguenza altamente raccomando che, se volete usare HFNC, lo fa in un ICU con pressione negativa. Ciò è migliore per i professionisti di sanità.

Q (prof. Rello): Usate della profilassi farmacologica per proteggere i lavoratori di sanità?

A (prof. Peng): Non c'è la profilassi farmacologica. Appena abbiamo PPE, l'igiene della mano ed evitiamo il inter-contatto. Queste sono tutte le misure importanti per la protezione dei professionisti'.

Q (prof. Rello): Se i lavoratori di sanità diventano infettati e essiccati, otterranno infettati ancora dallo stesso virus?

A (prof. Zhong): A: Abbiamo osservato alcuni pazienti che sono stati scaricati più successivamente dall'ospedale che ha una prova negativa e determinate settimane, essi abbiamo ritornato all'ospedale essere positivo provato ancora. Non sappiamo se questi pazienti hanno ottenuto una seconda infezione, la riattivazione o non erano appena completamente essiccate dopo la prima ammissione, ma è egualmente importante citare che abbiamo veduto alcune prove del falso negativo.

Abbiamo prelevato i campioni dalla bocca e dalla gola, che non erano profondi, in modo da eravamo incerti se era a causa del conseguimento del campione che abbiamo avuti prove del falso negativo.

Q (prof. Rello): The Lancet ha pubblicato appena un documento molto piacevole sulla mortalità, ha indicato ed associazione di alto Procalcitonin (PCT) e della mortalità. Significa che un alto PCT sarebbe criteri per la prognosi?

A (prof. Zhong): A: Siamo informati del documento nella lancetta e, nella mia esperienza, ci abbiamo osservati quasi 100 pazienti e non abbiamo osservato la stessa associazione fra il PCT ed i risultati. Così, non so se c'è una relazione fra il PCT e la mortalità dovuto COVID-19.

A (prof. Peng): Egualmente abbiamo trovato che una quantità elevata dei neutrofili ed il conteggio basso dei linfociti hanno predetto i risultati difficili. I livelli aumentati del PCT probabilmente indica l'infezione secondaria dei pazienti dai batteri o dal fungo, particolarmente verso la fine della fase della malattia, perché questi pazienti sono nelle situazioni immunocompromised e possono sviluppare facilmente le infezioni secondarie.

Q (prof. Rello): Per quanto riguarda le strategie ventilatorie, qui in Spagna, abbiamo identificato due fenotipi differenti: Alcuni pazienti mostrano un'alta conformità polmonare, perché hanno una polmonite virale e un hypoxemia severo. Nel secondo fenotipo, molti pazienti sono stati gestiti con intubazione in ritardo, alcune di loro con un alto PCT che probabilmente significa l'sovra-infezione e gli altri sono stati trattati con intubazione in ritardo come NIV. Documentate questi due fenotipi in Cina ed in Italia? Che cosa sono le implicazioni della gestione ventilatoria in questi due fenotipi?

A (prof. Peng): Abbiamo osservato che la maggior parte dei nostri pazienti hanno avuti una conformità polmonare bassa. Se il livello di conformità è di meno di 10 o 15 ml/cm H2O, non è facile da svezzarli fuori dai ventilatori e dalla anche corelates ai risultati difficili. Per questo tipo di pazienti, la conformità più bassa, il risultato più difficile.

Non ho alcune raccomandazioni per i supporti ventilatori poichè qualsiasi supporto ventilatorio non può lavorare per questo tipo di pazienti con conformità molto bassa del polmone.

Q (prof. Rello): In Italia, avete veduto i pazienti con alta conformità polmonare su polmonite virale che richiedono le strategie ventilatorie differenti? Ciò è molto importante perché, in principio, sono hypoxemic ed ottengono intubated molto rapidamente ma non si comportano come ARDS ma gradiscono una polmonite virale. A mio parere, hanno bisogno delle strategie ventilatorie differenti come il più alto VT con il PIGOLIO più basso e probabilmente, la posizione incline non può essere richiesta. Che cosa è la vostra esperienza in Italia?

A (Dott. Storti): Comunque domanda. Abbiamo ricevuto i pazienti molto malati con di gas del sangue hypoxemic che hanno risposto molto bene e rapidamente a ventilazione protettiva, significando il volume corrente più basso e il più alto PIGOLIO. Il PaO2/FiO2 migliora rapidamente la gestione loro con le strategie inclini e supine, ma il problema viene quando provate ad iniziare il trattamento di svezzamento. Quello non è così facile poichè sono ancora molto deboli e presenta tutti i problemi associati a svezzamento precoce. Non so se questo è un aspetto di strategia ventilatoria o, come alcuni colleghi credono, durante il ICU iniziale svezzanti dopo soltanto una settimana, c'è ancora ancora un attivo di carico virale negli alveoli e cattura più lungamente per avviare la risposta di infiammazione.

A volte, egualmente riceviamo i pazienti che mostrano un chiaro reticolo di ARDS confermato dall'ultrasuono di scansione e del polmone di CT che utilizziamo estesamente nel ER e nel ICU come strumento di video del lato del letto. Egualmente a volte riceviamo i pazienti hypoxic con non tali reticoli di ARDS e, siete giusto, noi dovete rimodellare un bit la strategia ventilatoria secondo questo ultimo reticolo differente.

È importante da chiarire che non sono così sicuro circa tutti i dettagli di questi reticoli solo perché che abbiamo troppi pazienti ed è complesso fornire insieme gli stessi standard di cura costanti a 24 pazienti di ARDS poichè è estremamente un che richiede tempo da mettere a fuoco su questi molti pazienti allo stesso tempo.

Non ho esempi di questi due reticoli che citate per conformità del torace, conformità del polmone, ma, ovviamente, i reticoli differenti possono avere bisogno di di essere arieggiato nei modi diversi. Ma ancora, in ARDS vero, il PIGOLIO non dovrebbe essere troppo alto per proteggerli dal pneumotorace. Comunque quando abbiamo scenari in cui siamo meno con esperienza, abbiamo gestito questi pazienti con la strategia protettiva convenzionale di ARDS e forse la conformità che avete citato le migliori componenti con cui la scansione di CT ci dice.

Q (prof. Rello): In questi pazienti con polmonite virale isolata, con alta conformità polmonare e il hypoxemia severo, probabilmente il risultato principale è vasocostrizione hypoxic. In questi pazienti, la questione importante effettivamente è collegata con aspersione, poichè il polmone è arieggiato ed il PIGOLIO aumentato non può aiutare. Questi pazienti stanno catturando i vantaggi da ossido di azoto (NO)?

A (prof. Peng): Realmente, per questo tipo di pazienti, se la conformità del polmone è di meno di 10 ml/cm H2O, non è buono. Se la conformità è intorno 20 ml/cm H2O, proveremo ad aiutarli mettendo sulla posizione incline appena possibile. Poi continueremo manovre molto delicate di assunzione del polmone che possono migliorare la conformità del polmone, appena facendo uso di un PIGOLIO basso, non più superiore intorno 20 il cm H2O, altrimenti possiamo indurre la lesione di polmone ed il pneumotorace. Per le impostazioni generali abbiamo fissato il PIGOLIO inferiore a 10 il cm H2O per l'approccio polmone-protettivo di ventilazione.

Q (prof. Rello): Dott. Storti, delle osservazioni differenti sull'uso di NO migliorare aspersione polmonare?

A (Dott. Storti): Sì, lo usiamo. Poiché più di quanto siamo stati raddoppiati i nostri letti di ICU, egualmente abbiamo raddoppiato il consumo di NO.

A volte abbiamo una buona risposta clinica, ma a volte sono non radar-risponditore. Ma questo è il mio approccio personale, significante che, quando non sono 90% o 100% sicuro, provo sempre a non eseguire una prova e se riesco a diminuire FiO2, io proverà a tenere NO sopra.

Sono informato del fatto che i colleghi cinesi non usano il NESSUN perché abbiamo discusso nei webinars precedenti ma ho esperienze abbastanza positive senza; se il paziente risponde, continuo usando; se non rispondono, lo sospendo.

Q (moderatore): Abbiamo una domanda del pubblico circa il NESSUN uso, poiché state parlandolo. Che genere di pazienti pensate dovreste essere buoni radar-risponditore NO?

A (Dott. Storti): Non ho una risposta a quella, comunque le basi fisiologiche sono state descritte chiaramente dal professor Rello e sembrano ragionevoli.

Il mio comportamento discutibile è molto di base: quando vedo un alto FiO2 che già ha raggiunto i livelli pericolosi di pressione, provo ad usare il NESSUN inoltre. E poi provo a non usare alto FiO2, ma PIGOLO e la pressione di azionamento regolare il volume corrente per proteggere il polmone.

Q (Dott. Lamas): Noi non avete molti commputer di ECMO, in modo da come selezionate i pazienti per ECMO? E come gestite la situazione?

A (Dott. Storti): Ciò è una domanda difficile come nel nostro ospedale non eseguiamo ECMO, in modo da siamo costretti a farli riferimento ad altri ospedali. Dall'inizio di questo scoppio epidemico nel Nord dell'Italia, abbiamo fatto riferimento soltanto alcuni pazienti per ECMO. Inoltre, in alcune occasioni lo abbiamo proposto i pazienti ma, purtroppo, era troppo recente per portarli alla rete di ECMO.

A (prof. Rello): La mia opinione personale è che il VA ECMO sarebbe molto utile in alcuni pazienti che sviluppano la miocardite. Si avvantaggierebbero molto. Ma abbiamo un gran numero dei pazienti con il hypoxemia e non è realistico considerare ECMO per tutti.

A (Dott. Storti): Acconsento. Se potete amministrare il NESSUN e realizzare la rimozione di CO2 di flusso debole con CVVH, ci dovrebbe essere una riduzione dei pazienti dell'esigenza di ECMO.

A (prof. Peng): Realmente, nel mio ospedale già abbiamo eseguito ECMO su 15 pazienti e la mortalità è intorno 50%.

Quando e come iniziare ECMO è un punto molto importante come, dalla nostra esperienza, se un paziente ha una CO2 di livello, probabilmente significa che c'è egualmente una lesione di polmone severa e questo genere di pazienti non può essere svezzato facilmente dal ECMO. Così, se un paziente è sull'ipercapnia severa, probabilmente non saranno facili da svezzare dal ECMO. Inoltre, gli anziani e quelli con parecchi comorbidities non saranno facili da essere svezzato da ECMO.

Mentre la nostra esperienza è limitata a soltanto 15 ECMO, non so se ci sono delle differenze con altre da polmoniti indotte da virus o ARDS e forse la mortalità è simile o più basso all'altro ARDS. Al giorno d'oggi il rapporto di sopravvivenza di H1N1-induced ARDS dovrebbe essere intorno 60%, ma non sono sicuro se possiamo estrapolare questi risultati a COVID-19 poichè abbiamo avuti soltanto 50% dei superstiti dopo ECMO.

A (prof. Zhong): Nei nostri centri, in principio, non abbiamo avuti abbastanza rapporto degli infermieri/medico-letto così, dato che alcuni pazienti che fosse possibile che c'fosse una mora per iniziare ECMO. Questi pazienti hanno avuti una ventilazione meccanica da sempre prima del ECMO. Comunque siamo riuscito a stabilizzare le funzioni vitali ma, poichè prof. Peng citato, essi era molto duro da svezzare da ECMO. In alcuni casi, anche l'infiammazione e la polmonite sono state andate, ma la conformità del polmone era ancora bassa e questi pazienti non potrebbero recuperare ad un polmone normale, anche dopo più di un mese su ECMO e sono morto dovuto la conseguenza del supporto di ECMO.

A mio parere, se non disponiamo di abbastanza mezzi medici, dobbiamo selezionare i pazienti per ECMO che evita molto prudentemente quelli che sono stati su ventilazione meccanica per troppo tempo come pure su quelle con molti comorbidities.

In conclusione, abbiamo osservato che l'effetto di ECMO non è buono per i pazienti COVID-19 come abbiamo preveduto in base alle esperienze precedenti.

Q (prof. Rello): Due domande supplementari per quanto riguarda le popolazioni specifiche: Donne incinte e bambini. In incinto, lo gestite diversamente durante il terzo acetonide?

A (prof. Peng): Nel mio ospedale, abbiamo ammesso che circa 40 donne incinte infettate con il COVID-19 e la maggior parte di loro hanno avute delicato a nessun sintomi, anche il torace CT hanno mostrato appena i cambiamenti delicati. Da questi, almeno 10 donne hanno consegnato già il bambino e non abbiamo trovato alcuna prova della trasmissione verticale dalla madre al feto.

Egualmente ho provato a capire che cosa accade alle donne incinte confrontandole alle donne non gravide della stessa età ma, purtroppo, è difficile da trovare le donne non gravide sulla stessa età che sono malate da COVID-19, solo alcun e la maggior parte di loro sono infermieri.

Ho provato a raccogliere alcuni dati dalla comunità dei pazienti infettati e non potrei trovare qualche cosa pertinente, ma ancora penso che le donne incinte siano vulnerabili al COVID-19, in modo da raccomanderei la cura extra neppure che non mostrano alcuni sintomi.

Q (prof. Rello): Che cosa circa i pazienti immunocompromised? E che cosa circa i bambini? Poiché esaminando i rapporti, inizialmente l'obiettivo principale era anziani, ma in seguito giovani uniti.

A (prof. Peng): Realmente, non ho veduto alcuni bambini infettati con il COVID- 19 nel mio ospedale, ma forse sono nell'ospedale pediatrico.

Per i pazienti immunocompromised quale il transplantationor dell'organo nell'ambito della chemioterapia, la radioterapia, naturalmente, possono essere vulnerabili al COVID-19. Ho veduto che alcuna loro e dell'evoluzione dipende dalla loro storia clinica: se questi pazienti sono ancora alla fase iniziale del trapianto o della chemioterapia dell'organo, possono trasformarsi in severamente in Illinois. Altri pazienti con un organo hanno trapiantato uno o due anno fa sarebbero alright o mostrerebbero i sintomi delicati.

Q (moderatore): Vorrei chiedere qualcosa dal pubblico. Avete osservato se questi pazienti sono più probabili ottenere un'infezione nosocomiale nell'ospedale?

A (prof. Peng): Non ho trovato alcune differenze da altri pazienti. Forse l'infezione nosocomiale è più probabile accadere in una fase più avanzata, non in una fase iniziale, particolarmente se il paziente resta a lungo nell'ospedale.

Q (moderatore): Ma non avete notato una differenza con le popolazioni di altri pazienti', destra?

A (prof. Peng): No, non ho trovato alcune differenze da altre popolazioni. Il livello del linfocita e la linfopenia severa dipendono dalla loro situazione, poichè i pazienti di ICU sono molto malati ma nei reparti, essi sono meno Illinois.

Q (moderatore): Quel mi cattura all'altra domanda del pubblico relativo a questi pazienti “meno malati„: C'è dell'esperienza in trattamento loro a casa o del posto differente all'infuori degli ospedali?

A (prof. Peng): I pazienti asintomatici sono invitati a restare a casa su quarantena ma, purtroppo, in Cina ora la maggior parte degli appartamenti hanno soltanto due camere da letto ed è difficile affinchè loro mantenga la quarantena ed infettano facilmente altri membri della famiglia.
Quella era una grande emissione nella fase iniziale da Wuhan e ecco perché tanta gente è stata infettata, perché la hanno ottenuta dalla loro famiglia.

Abbiamo aperto un ospedale temporaneo perché abbiamo avuti non abbastanza spazio per mettere quei pazienti su quarantena, oltre del fatto che non sono sicuro essi avrei seguito o obbedito comandi ai medici'.

Così, nessun trattamento per i pazienti delicati ed asintomatici, appena pantofolaio, l'hotel o l'ospedale temporaneo.

Q (moderatore): Domanda discutibile del pubblico circa il trattamento. C'è una nuova pubblicazione in NEJM circa il trattamento potenziale con lopinavir e ritonavir.  Che cosa è la vostra esperienza con quello? Pensate questo siete qualcosa che possa lavorare?

A (prof. Peng): Per quanto riguarda il trattamento, non c' è ancora abbastanza prova per mostrare quale genere di farmaco funzionerebbe contro il COVID-19.I sa che il documento è stato pubblicato appena ieri per il lopinavir e ritonavir e non ha mostrato abbastanza prova del vantaggio dal RCT. Inoltre, dobbiamo stare attenti con lopinavir e ritonavir perché può indurre facilmente la lesione e la bradicardia cardiache.

A (prof. Rello): La mia opinione personale è che dobbiamo differenziare i pazienti che mostrano la malattia “del tipo di influenza„, i pazienti che sviluppano la polmonite ed i pazienti che sviluppano ARDS e dobbiamo stare molto attenti ad evitare gli eventi avversi facendo le cose che non sono basate sulla prova solida. Inoltre, per esempio, queste droghe hanno abbondanza delle interazioni con le droghe che utilizziamo nel ICU.

Completamente capisco che i medici vogliano provare ma dobbiamo essere vigilanti evitare gli eventi avversi e le interazioni farmacologiche che rendono la gestione del paziente più difficile e perfino possono mettere i lavoratori di sanità nel rischio.

In conformità con altri esperti in Italia e negli Stati Uniti, credo che questi pazienti dovrebbero essere lasciati calmi: Il SAR non è influenza ed il SAR non è ARDS! Dobbiamo evitare “fare troppo„ a tutto il costo mentre è di più alto vantaggio che “soltanto non facendo niente„. Ciò è appena la mia opinione personale; la supportate dopo la vostra esperienza in Italia?

A (Dott. Storti): In primo luogo, penso che sia importante definire esattamente che cosa è la partecipazione del polmone e penso che la scansione di CT faccia il processo poichè è il sistema monetario aureo. Ma anche, gli ultrasuoni del polmone sono molto utili, particolarmente se lo paragonate ad un esame radiografico del torace invece di una scansione di CT. Gli ultrasuoni possono essere utili in termini di esaminare come i polmoni stanno muovendo, come i polmoni stanno interagendo con il ventilatore e come i polmoni stanno cambiando con i pigoli e l'impostazione differenti dei ventilatori'.

Per quanto riguarda la terapia, non ho personalmente figure come ora stiamo generandole. Siamo riuscito a partecipare in una prova che sembra molto promettere, ma ormai abbiamo soltanto alcuni casi così, statisticamente, essi non significhiamo nulla.

Sono stato chiesto di gestire 45 pazienti, fin qui la più grande popolazione che potrebbe essere esaminata in Italia, ma ancora non ho ricevuto la droga, in modo dal mio studio non è fattibile al momento. In ogni modo, penso quello per avere chiare figure circa il trattamento ed efficacia della droga, è troppo presto per quanto ci non sia prova ben fondata circa che drug/-s dovremmo scegliere?

A (Dott. Lamas): Per quanto riguarda la prova di PCR per diagnosticare COVID-19, stiamo avendo molti falsi negativi anche quando vediamo alcuni pazienti presentare i sintomi tipici e siamo altamente sospettosi a causa delle immagini di scansione di CT, del loro reticolo della linfopenia e di altre prove.

Abbiamo avuti un paziente che ha verificato il positivo soltanto sulla terza prova di PCR quando tutta la prova era chiara e questa è molto stressante poichè non sappiamo se possiamo fare diminuire il livello di protezione se questo paziente è su un ICU. Di conseguenza, la mia prima domanda è quanto PCRs sullo stesso paziente è voi che eseguite per assicurarsi circa il risultato corretto?

E la seconda domanda è se c'è qualunque analisi del sangue utile basata su immunoglobulina m. e su immunoglobulina G poichè vediamo molte società offrirli, ma non sono affatto sicuro quello facendo uso di queste prove sto andando aiutarci a gestire questi pazienti.

A (prof. Rello): Per quanto riguarda la PCR prova, io pensano che dobbiamo adottare lo stesso approccio che abbiamo seguito con influenza poichè questo è un virus che ha un'affinità speciale per le vie respiratorie più basse. Per esempio, se avete un paziente incinto con una presentazione coerente di polmonite di influenza ed il tampone nasale è negativo, non cambierete l'approccio e non la curerete per polmonite di influenza.

COVID-19 mostra una presentazione molto caratteristica con l'alta proteina reattiva di C, il PCT basso, il lymphocypenia e, in casi gravi, l'intubazione e la ventilazione meccanica. Quando catturate un nasale o tampone della gola da questo paziente e dal risultato è negativa, quella può accadere perché il carico virale è basso, perché ci può essere un problema con la prova, o un problema quando trasferisce il campione al laboratorio… ed ecco perché credo che dobbiamo seguire lo stesso approccio che adottiamo per la gestione di influenza e continuo con la stessa gestione.

Inoltre e malgrado i risultati dei test contradditori, non raccomanderei di realizzare il lavaggio broncoalveolare (BAL) come dobbiamo dare la priorità alla sicurezza dei lavoratori di sanità.

A (prof. Peng): Completamente sono d'accordo con voi. La sensibilità di PCR è soltanto 40% - 50%, che non è abbastanza buono, comunque voi può provare i periodi consecutivi.

D'altra parte, immagini appena che potreste individuare gli anticorpi in un'analisi del sangue. Quello sarebbe il migliore modo aiutarvi ad individuare se il paziente è infettato oppure no. Se i livelli elevati dell'anticorpo del paziente poi sono, definitivamente il paziente è positivo nel COVID-19, quindi potete combinare queste due prove.

Se il vostro paziente mostra i sintomi tipici, la scansione tipica di CT del torace ed anche le prove elettive di influenza, quindi fissiamo la diagnosi clinica a COVID-19, anche senza la prova positiva di PCR del virus.

A (prof. Zhong): Sono d'accordo con il professor Peng e forse la prova dell'anticorpo può contribuire a diagnosticare questi pazienti.

Se abbiamo un paziente che era negativo per la prova di PCR, ma positivo per la prova dell'anticorpo come pure per il IgM e il IgG, ottiene molto difficile da spiegare perché la PCR è negativa. Forse la sua sensibilità non è abbastanza per una quantità bassa relativa di virus? Così, dobbiamo essere molto prudenti con questi risultati negativi poichè non sappiamo se questi pazienti, sopra scarico dell'ospedale, spargeranno l'infezione. Forse la prova degli anticorpi aiuterebbe.

A (Dott. Storti): Abbiamo sperimentato che qui, nel Nord dell'Italia, alcuni ospedali finiti completamente sono sprofondato solo perché essi stavano aspettando i kit della determinazione del tampone, che stanno mostrando una sensibilità molto difficile, particolarmente con i risultati “negativi„ poichè non significano nulla. Posso supportare questa idea perché alcuni dei miei medici hanno presentato la febbre, la tosse ed i sintomi tipici e dopo due prove negative di PCR e 10 ore, hanno ottenuto una scansione positiva altamente “suscettibile„ di CT.

È un'emissione per adottare questo poichè la prova della determinazione in Italia come là potrebbe essere parecchi problemi quando ottiene il campione, come per esempio, quelle si sono associate alla manipolazione della gestione e del campione dell'operatore. Inoltre, nella nostra comunità di ICU in Italia, confermare una prova negativa, contiamo sull'aspirazione di campione dal cingolo respiratorio più basso piuttosto che i tamponi della gola ed appena nasali.

Inoltre, seguendo i nostri colleghi cinesi' consiglio, inizieremo domani la determinazione di IgM e di IgG congiuntamente alle altre prove. Comunque, il mio parere non è di combinare ma selezionare un sistema differente, ma purtroppo, questo non è facile perché che cosa il nostri governo e sistema sanitario stanno richiedendo non è di usare le determinazioni di IgM e di IgG per confermare le prove.

A (Dott. Lamas): Combinando le determinazioni di IgG e di IgM, forse possiamo aumentare la sensibilità di diagnosi' insieme alla scansione di CT e la linfopenia e poi la maschera avrebbe più significato per noi. È abbastanza difficile da gestire le risorse basse quando prova a separare COVID-negativo dai pazienti COVID-positivi per gestirli e ecco perché, come medico, non ritengo molto sicuro circa le prove negative mentre teniamo sempre un certo sospetto di avere risultati del falso negativo.

Q (moderatore): È grande che avevamo discusso parecchio circa la sicurezza e la protezione dei professionisti di sanità' nel corso di questa riunione e, in conformità con quello che abbiamo altra domanda del pubblico: c'è già delle figure disponibili della mortalità COVID-19 presso i professionisti di sanità?

A (Dott. Storti): Penso che la mortalità in Italia ora sia abbastanza alta, ma non sono sicuro che un calcolo accurato ora sarebbe fattibile, poichè completamente non conto sulle prove del tampone e sono sicuro che stiamo sottovalutando la popolazione positiva, quindi la mortalità è difficile da essere calcolato.

Qui, ho sentito che almeno due professionisti di sanità sono morto: uno era nei servizi di soccorso dell'pre-ospedale ed altro quello era un infermiere dell'ospedale, ma fortunatamente, il numero fra i professionisti è molto piccolo.

Q (moderatore): Io ora trasmette questo problema ai nostri partecipanti cinesi, che cosa la vostra esperienza sta considerando alla mortalità presso i professionisti di sanità?

A (prof. Peng): Corrente realmente non conosciamo le figure della mortalità fra i professionisti medici. So appena che alcuni medici ed infermieri sono morto durante questo scoppio, ma non conosco il numero ufficiale. Inoltre, non sono informato del numero totale del professionista di sanità infettato.

A (prof. Zhong): Nessuni sono io informato di queste figure. Penso che ci dovrebbero essere alcune pubblicazioni circa i risultati e forse possiamo vedere la mortalità in questi documenti, ma non sono sicuro.

Nei generi differenti di gruppi della popolazione, presentano i tassi di mortalità differenti. Come ha detto prima e nella mia esperienza di ICU, quando i pazienti più malati hanno diventato una situazione molto severa, il tasso di mortalità su questo gruppo è molto alto, ancora più superiore ai pazienti di ARDS da altro causa.

Inoltre, sappiamo che le popolazioni asintomatiche, delicate e moderate sono la più grande percentuale di pazienti COVID-19. All'interno di questa popolazione ho curato i colleghi ed i risultati erano buoni.

A (prof. Rello): Le figure della mortalità rivelano tipicamente i 18 giorni dopo l'inizio di malattia. Così, in Europa non possiamo ancora stimare quello, almeno dalla Spagna che non possiamo fornire alcune informazioni affidabili.

Source:

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mindray. (2020, April 15). La Cina con il mondo: Gli esperti COVID-19 dialoga - la quarta trascrizione di conversazione. News-Medical. Retrieved on October 25, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200415/China-with-the-world-COVID-19-experts-dialogues-the-4th-talk-transcript.aspx.

  • MLA

    Mindray. "La Cina con il mondo: Gli esperti COVID-19 dialoga - la quarta trascrizione di conversazione". News-Medical. 25 October 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200415/China-with-the-world-COVID-19-experts-dialogues-the-4th-talk-transcript.aspx>.

  • Chicago

    Mindray. "La Cina con il mondo: Gli esperti COVID-19 dialoga - la quarta trascrizione di conversazione". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200415/China-with-the-world-COVID-19-experts-dialogues-the-4th-talk-transcript.aspx. (accessed October 25, 2021).

  • Harvard

    Mindray. 2020. La Cina con il mondo: Gli esperti COVID-19 dialoga - la quarta trascrizione di conversazione. News-Medical, viewed 25 October 2021, https://www.news-medical.net/news/20200415/China-with-the-world-COVID-19-experts-dialogues-the-4th-talk-transcript.aspx.