Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga migliora l'efficacia della chemioterapia in malati di cancro ovarici

Un gruppo di ricerca internazionale, piombo dagli scienziati da ricerca di mater - l'università di Queensland, ha scoperto che possono sormontare la resistenza della chemioterapia in un sottotipo del cancro ovarico usando le dosi basse di una droga che rallenta la crescita delle cellule.

Il ricercatore principale, il professor John Hooper ed il suo gruppo basato all'istituto di ricerca di traduzione (TRI) a Brisbane, Australia, hanno collaborato con i ricercatori dall'università tecnologica del Queensland (QUT) e dalla clinica di Mayo negli Stati Uniti d'America.

In uno studio preclinico, hanno trovato quel deoxy-D-glucosio 2, potrebbero essere usati ai livelli molto bassi per migliorare significativamente l'efficacia della droga della chemioterapia, carboplatino, nel trattamento dei modelli del laboratorio del cancro ovarico delle chiare cellule.

La loro opera, che è stata pubblicata nel giornale scientifico, Cancri, fornisce la spiegazione razionale affinchè un test clinico valuti l'uso del deoxy-D-glucosio della basso dose 2 nella cura dei pazienti con questo tipo di cancro, secondo il professor Hooper.

“Il chiaro carcinoma ovarico delle cellule è associato con la prognosi difficile e resistenza a chemioterapia,„ ha detto.

“Il tasto che trova dal nostro studio è che i bassi livelli di deoxy-D-glucosio 2 contrassegnato hanno migliorato l'efficacia del carboplatino contro i modelli preclinici di questo cancro ovarico.

“Il nostro lavoro preclinico ha usato le celle catturate dai tumori pazienti, in modo da molto siamo stati incoraggiati che potremmo usare così dose bassa di deoxy-D-glucosio 2 per sormontare la resistenza alla chemioterapia in questo cancro e per fermare la crescita del tumore.

“Questa droga trialed precedentemente in altri cancri, ma potevamo usare una dose più bassa di 10 volte che precedentemente riferiti in modo che fosse più sicuro per i pazienti e fosse meno probabile causare gli effetti collaterali.„

Il gruppo sta sperando di cominciare a trialing la combinazione del trattamento in pazienti entro i 12 mesi prossimi, dopo l'annuncio che avevano ricevuto un premio per progredire la ricerca sul cancro ovarica.

Il picco, l'organizzazione ginecologica nazionale di test clinici del cancro per l'Australia e la Nuova Zelanda, ANZGOG, hanno assegnato al gruppo il suo fondo per la nuova ricerca 2019 - Judith Meschke Grant commemorativo per studiare se “la modulazione di metabolismo può migliorare l'efficacia della chemioterapia per il cancro ovarico delle chiare cellule„.

Il professor Hooper riconoscente ha riconosciuto la generosità del finanziamento di ANZGOG da un lascito di Judith Meschke.

La partecipazione al progetto di tanta gente di talento, scienziati e clinici, è nello spirito del trattamento creativo promosso dalla diversa e comunità australiana di talento di arti esemplificata dai risultati di sig.ra Meschke.„

Il professor John Hooper, istituto di ricerca di traduzione (TRI) a Brisbane, Australia

Source:
Journal reference:

Khan, T., et al. (2020) Disruption of Glycogen Utilization Markedly Improves the Efficacy of Carboplatin against Preclinical Models of Clear Cell Ovarian Carcinoma. Cancers. doi.org/10.3390/cancers12040869.