Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio rimuove la barriera potenziale a gestire le malattie trasmesse dalle zanzare

La nuova ricerca dagli entomologi a Uc Davis elimina un ostacolo potenziale a usando “la tecnologia dell'unità del gene CRISPR-Cas9„ per gestire le malattie trasmesse dalle zanzare quali malaria, dengue, febbre gialla e Zika.

L'idea è di creare le zanzare geneticamente costruite (GEM) che o non riesca a riprodurre, diminuenti la popolazione della zanzara, o che resistono a portare i virus ed i parassiti che causano la malattia. Queste zanzare sarebbero create in un laboratorio e sono state rilasciate per incrociare con le zanzare selvagge.

Quello è dove la tecnologia dell'unità del gene entra. Facendo uso dell'enzima di Cas 9, i ricercatori possono assicurarsi che i nuovi, geni modificati siano stati ereditati dalla prole di tutta zanzara quando si accoppiano con le zanzare selvagge.

Variazione genetica non un ostacolo

Cas-9 funziona riconoscendo un allungamento di 23 coppie di basi di DNA. Una serie di gruppi di ricerca hanno precisato che i genoma della zanzara portano così tanto la variazione di sequenza del DNA che una proporzione significativa di tutta la popolazione selvaggia della zanzara quasi certamente sarà resistente all'unità del gene. Se la resistenza all'unità del gene è favorevole alla zanzara, quindi la strategia dell'unità del gene verrà a mancare, discutono.

Un nuovo studio da Hanno Schmidt, da Gregory Lanzaro e dai colleghi al laboratorio della genetica di vettore nel banco di Uc Davis di medicina veterinaria, pubblicato nelle comunicazioni della natura, indica che questo non è il caso.

Dopo avere analizzato i genoma delle centinaia di zanzare da tre specie ditrasporto importanti, hanno concluso che 90 per cento dei geni di proteina-codifica hanno avuti almeno una buona sequenza dell'obiettivo Cas9. Di conseguenza le zanzare dovrebbero ancora essere suscettibili della strategia dell'unità del gene.

I nostri risultati dimostrano che l'ad alto livello di diversità genetica portata dalle popolazioni della zanzara in natura non dovrebbe influenzare il sostentamento economico delle strategie basate sull'introduzione dei geni di didascalia dell'agente patogeno. Ciò è grandi notizie per quelle che perseguono una strategia della GEMMA per l'eliminazione di malaria.„

Gregory Lanzaro, laboratorio della genetica di vettore, banco di Uc Davis di medicina veterinaria

Gli autori supplementari sul documento sono Travis Collier, il segno Hanemaaijer, Parker Houston e Yoosook Lee, tutto al laboratorio della genetica di vettore. Il finanziamento è stato fornito dall'iniziativa di malaria di Uc Irvine, dal CDC e da NIH.

Come componente dell'iniziativa di malaria di Uc Irvine della multi-città universitaria il gruppo di Uc Davis è incaricato con sviluppare una strategia per muovere la GEMMA dal laboratorio verso le prove sul campo contenute ai siti in Africa. Una maggior parte di questo lavoro è una descrizione della genetica delle popolazioni della zanzara ai siti presunti.

Source:
Journal reference:

Schmidt, H., et al. (2020) Abundance of conserved CRISPR-Cas9 target sites within the highly polymorphic genomes of Anopheles and Aedes mosquitoes. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-15204-0.