Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo spray nasale che contiene il esketamine ha potuto fornire un efficace trattamento per la depressione

La depressione e lo sforzo a lungo termine sono stati dimostrati per causare i cambiamenti nel cervello che offrono una spiegazione parziale per gli atteggiamenti depressivi, la apatia, le difficoltà di memoria ed altri sintomi connessi comunemente con la depressione.

I cerchi ininterrotti dei pensieri negativi sono spesso egualmente un aspetto distinto dello stato mentale dei pazienti depressi. Ciò è giù alla funzione molto attiva e selettiva del cervello.

A sua volta, questo rinforza le connessioni neurali connesse precisamente con questo tipo di pensiero. Meno connessioni attive e reti neurali che supportano la funzione normale del cervello indeboliscono dovuto una mancanza di uso, che completa il cerchio di negatività. Il risultato è uno squilibrio di attività fra le reti neurali e la depressione clinica,„

Tomi Rantamäki, professore associato, facoltà della farmacia, università di Helsinki

Il circolo vizioso ha potuto essere rotto guidando il cervello indietro verso un modo più completo di atto. Tale orientamento può essere amplificato per mezzo di psicoterapia, ma gli effetti si manifestano lentamente.

Negli ultimi anni, i modi rapida-agenti di trattamento per la depressione sono stati studiati, potenzialmente offrenti gli approcci interamente novelli.

L'ultimo nuovo prodotto è uno spray nasale che contiene il esketamine, che è stato rilasciato appena un'autorizzazione di vendita in Europa.

“Che ketamina, elettroshockterapia psichiatrica, protossido d'azoto e determinate altre terapie già in uso o corrente essendo trialled hanno in comune è il fatto che aumentano l'attività di vaste aree corticali e rinforzano le connessioni sinaptiche. Al loro meglio, forzano le vaste reti neurali della corteccia cerebrale in un assolutamente nuovo genere di interazione, che permette di indebolire lo squilibrio precedente,„ note Samuel Kohtala, un ricercatore postdottorale all'università di Helsinki.

Tuttavia, tale sollievo rapido è soltanto temporaneo, a meno che i meccanismi di plasticità endogeni al sistema nervoso siano utilizzati.

“Secondo l'ipotesi sinaptica di omeostasi, sinapsi rinforzate durante il giorno subisca un trattamento di rinormalizzazione nel sonno profondo, che è dominato da attività di lento-Wave. Le sinapsi rafforzate possono conservare le loro sinapsi meglio più deboli relative di resistenza, che presenta un'opportunità per l'apprendimento delle informazioni nuove mentre purga la rete di eccessivo disturbo.

“Pensiamo che i trattamenti di quell'antideprimente della rapida dividano la capacità di regolamentare sia il potenziamento sinaptico che i meccanismi omeostatici reciproci, che indeboliscono la resistenza sinaptica durante il sonno. L'uno o l'altro di questi meccanismi può contribuire come il cervello può riorganizzare la sua attività per sconfiggere la depressione,„ a Kohtala dice.

Sulla base degli studi, i meccanismi molecolari implicati nella plasticità di un neurone sono attivati specialmente durante i periodi di attività di lento-Wave. Quindi, le risposte di lento-Wave hanno potuto essere una misura utile per la determinazione dell'efficacia del trattamento e sviluppare i trattamenti novelli.

I ricercatori precisano che, amplificato dai simili meccanismi, la funzione del cervello può essere deragliata ancora durante i periodi successivi di sonno, a meno che le reti neurali che determinano la depressione siano sufficiente controllate, per esempio, per mezzo di psicoterapia.

“I sintomi principali della depressione possono essere influenzati artificialmente destabilizzando il funzionamento delle reti neurali. Un effetto più permanente richiede affrontare le cause di origine del problema pure,„ Rantamäki sottolinea.

Source:
Journal reference:

Rantamäki, T. & Kohtala, S. et al. (2020) Encoding, Consolidation, and Renormalization in Depression: Synaptic Homeostasis, Plasticity, and Sleep Integrate Rapid Antidepressant Effects. Pharmacological Reviews. doi.org/10.1124/pr.119.018697.