Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Un'opzione più veloce e più facile di trattamento per impedire cecità in infanti prematuri

I bambini sopportati prematuramente chi richiedono il trattamento di impedire la cecità retinopatia della prematurità (ROP) potrebbero essere curati con una dose di Avastin (bevacizumab) che è corrente una frazione della dose comunemente usata per il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento.

I risultati dallo studio d'individuazione sono stati pubblicati il 23 aprile in oftalmologia di JAMA.

Gli studi sono stati intrapresi dal gruppo pediatrico del ricercatore di malattia dell'occhio (PEDIG) e sono stati supportati dall'istituto nazionale dell'occhio (NEI), parte degli istituti della sanità nazionali.

I bambini prematuri sono ad ad alto rischio della crescita anormale del vaso sanguigno nella retina, il tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell'occhio. Questi vasi sanguigni anormali sono a colatura fragile ed incline.

Se lasciato non trattato, la crescita dell'imbarcazione può piombo allo sfregio ed al distacco della retina, la causa principale di perdita in relazione con il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento della visione. Il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento è una delle cause di piombo di cecità in bambini.

I trattamenti del dispositivo di protezione in caso di capovolgimento comprendono la terapia laser e cryotherapy stabiliti. Entrambi gli interventi funzionano inducendo i vasi sanguigni anormali a smettere di crescere prima che possano causare lo sfregio ed il distacco della retina.

Avastin è una di parecchie droghe disponibili che inibiscono la crescita anormale del vaso sanguigno sopprimendo la sovrapproduzione di una proteina del segnale chiamata fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF).

Gli Stati Uniti Food and Drug Administration hanno approvato Avastin nel 2004 come terapia del cancro. Da allora, gli oftalmologi lo hanno usati privi di marca per inibire la crescita anormale del vaso sanguigno in dispositivo di protezione in caso di capovolgimento come pure in altri disordini oculari.

I risultati da un test clinico pubblicato nel 2011 hanno confermato il vantaggio di usando Avastin sopra terapia laser per il trattamento delle casse più severe del dispositivo di protezione in caso di capovolgimento, che si presentano in una regione della retina conosciuta come la zona posteriore 1.

“Come opzione più veloce e più facile di trattamento, le iniezioni anti--VEGF dell'occhio erano un'alternativa accolta favorevolmente a terapia laser per il trattamento del dispositivo di protezione in caso di capovolgimento severo,„ ha detto la presidenza del protocollo del nuovo studio, David Wallace, M.D., il MPH, presidenza dell'oftalmologia alla scuola di medicina di Indiana University. La terapia laser richiede il calmante del bambino per finchè 90 minuti; un'iniezione di Avastin richiede molto meno tempo ed è generalmente meno stressante all'infante.

Ma sappiamo che gli agenti anti--VEGF iniettati nell'occhio egualmente entrano nella circolazione sanguigna e medici preoccupiamo quello VEGF d'inibizione potremmo interferire sistematicamente con lo sviluppo normale del cervello, del polmone, dell'osso e dei tessuti del rene.„

David Wallace, M.D., MPH, presidenza di oftalmologia, scuola di medicina di Indiana University

La prova suggerisce che le iniezioni di anti--VEGF nell'occhio diminuiscano i livelli di VEGF nella circolazione sanguigna.

In questo studio, Wallace ed i colleghi al nel PEDIG fondato a NEI hanno sperato di segnare la dose con esattezza terapeutica possibile più bassa di Avastin verificando le dosi progressivamente più basse in 10-14 infanti per dose.

“Non abbiamo voluto cominciare verificando una dose inefficace e rischiare un bambino che diventa cieco, in modo da abbiamo cominciato con 40% della dose comunemente usata per il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento. Quando una dose riusciva, la abbiamo divisa in due e poi abbiamo verificato quella dose. Finalmente abbiamo tagliato la dose a metà di sette volte,„ ha detto.

“Nello studio corrente, abbiamo trovato che quel 0,004 mg di Avastin - una dose che è soltanto 0,6% della dose utilizzata nello studio 2011 di Avastin per il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento - può essere il limite più basso da essere efficace per la maggior parte dei infanti con il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento, “ha detto Wallace. I risultati hanno collocato la fase per una prova controllata ripartita con scelta casuale che paragona gli effetti a lungo termine della basso dose Avastin alla terapia laser per il trattamento del dispositivo di protezione in caso di capovolgimento,„ ha detto.

Pianificazione seguire col passare del tempo i bambini per confrontare gli effetti a lungo termine di ogni strategia sullo sviluppo dell'organo e della visione. Gli studi precedenti suggeriscono che i bambini curati con Avastin contro il laser possano essere meno probabili diventare miopi e richiedere i vetri per la miopia mentre si sviluppano più vecchi.

Lo studio ha fatto partecipare 59 infanti prematuri con il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento di tipo 1, il modulo più severo. Ogni infante ha fatto un trattare occhio tramite una singola iniezione che contiene 0,016 mg, 0,008 mg, 0,004 mg, o 0,002 mg di Avastin. Se l'altro occhio richiedesse il trattamento, ha ricevuto due volte la concentrazione (un livello di dose più su). Tramite il confronto, le dosi corrente usate di Avastin per il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento variano da 0,25 mg a 0,625 mg.

Il trattamento è stato considerato un successo a breve termine se il dispositivo di protezione in caso di capovolgimento migliorasse di giorno quattro dopo la terapia e se non ci fosse ricorrenza o esigenza del trattamento supplementare in quattro settimane.

Tale successo è stato raggiunto in tutti gli occhi trattati con 0,016 mg e 0,008 dosi di mg ed in 9 di 10 occhi che ricevono 0,004 mg, ma soltanto in 17 di 23 occhi che ricevono 0,002 mg, con conseguente conclusione che 0,004 mg possono essere la dose efficace più bassa.