Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio ha potuto impedire ai bambini di perdere la loro vista dopo neurochirurgia per l'epilessia

Una lotta per lo studio della ricerca costituito un fondo per vista ha dimostrato con successo che una tecnica d'immaginazione potrebbe aiutare i bambini a tenere la loro vista dopo neurochirurgia per l'epilessia, nei risultati pubblicati nelle frontiere in neuroscienza questo mese (8 aprile).

Il nuovo studio ha potuto impedire ai bambini di perdere la loro vista dopo neurochirurgia per l
Il professor Christopher Clark

La valutazione prechirurgica può essere effettuata facendo uso della tecnologia attuale ed è ora un livello di cura per i bambini che subiscono determinati tipi di neurochirurgie per l'epilessia ad alcuni ospedali come conseguenza di questa ricerca.

Lo studio, effettuato dai ricercatori all'istituto di UCL della salute dei bambini, era il primo del suo genere in bambini. Ha trovato che 46% dei bambini con l'epilessia che subisce la chirurgia per diminuire o eliminare gli attacchi che comprendono i lobi temporali, parietali e occipitali, subiscono il danneggiamento delle loro cellule cerebrali e vie addette alla visione.

Professore della rappresentazione e della biofisica all'istituto della salute dei bambini, Christopher Clark di UCL piombo lo studio.

L'ambulatorio è un'opzione importante per i bambini con l'epilessia che non reagisce ai trattamenti della droga, ma purtroppo, eliminare il tessuto cerebrale può pregiudicare spesso la visione del bambino. Questa ricerca dimostra che possiamo usare una tecnica di mappatura prechirurgica per contribuire a guidare il chirurgo potenzialmente per evitare il danneggiamento delle radiazioni ottiche del paziente. Ciò dovrebbe minimizzare le incidenze di danno visivo di via e del difetto successivo del campo visivo in bambini che subiscono la chirurgia dell'epilessia.„

Christopher Clark, il professor di rappresentazione e di biofisica all'istituto di UCL della salute dei bambini

In questo progetto di ricerca, facendo uso di una tecnica di rappresentazione chiamata tractography, i ricercatori potevano ricostruire le radiazioni ottiche - la via chiave della materia bianca del cervello che trasferisce le informazioni alla corteccia visiva. In tutti i casi dove i pazienti hanno avuti perdita della visione dopo la loro chirurgia, è stato trovato che la resezione chirurgica ha compreso queste radiazioni ottiche. Il tractography fornisce ai chirurghi una mappa per aiutarli per vedere dove queste vie si trovano.

Questa valutazione prechirurgica ora sta usanda alla grande via di Ormond per fornire questa mappa del `' al gruppo chirurgico prima di neurochirurgia per l'epilessia. Il professor Clark spera che questa si trasformi in in pratica normale per tutti gli ospedali pediatrici in futuro.

Ha detto: “La tecnologia per il tractography d'avanzamento già esiste ed abbiamo indicato che è pertinente ed è utile. C'è niente fermare altri ospedali che possono fare questo stessi come valutazione standard della pre-chirurgia, presupponente essi ha il personale che hanno la capacità tecnica.„

Così siamo soddisfatti di costituire un fondo per questo studio apprezzato della ricerca, che speriamo contribuiremo ad impedire ai bambini di perdere la loro vista come conseguenza di neurochirurgia per l'epilessia. Ciò è un tempo provocatorio e sappiamo con la pandemia globale corrente là siamo un rischio reale che costituire un fondo per nel campo della ricerca vitale dell'occhio sarà diminuito, ma lo studio del professor Clark è un esempio tipico di come le tecnologie attuali possono essere usate per contribuire ad impedire la perdita di vista e ci aiuta nella nostra missione a creare un mondo che ognuno può vedere.„

Sherine Krause, amministratore delegato alla lotta per vista