Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio nazionale esamina l'impatto di Covid-19 sulla gente più anziana, sulla personale che dispensa le cure non pagata e sulla gente con demenza

Un nuovo studio nazionale è stato lanciato per esaminare l'impatto delle chiusure di servizio sociale dovuto il coronavirus, sulle vite della gente più anziana, della gente con demenza e della personale che dispensa le cure non pagata.

Un gruppo di esperti dei collaboratori volontari e accademici di NHS, dall'altro lato del paese è stato riunito per intraprendere questi studi BRITANNICI del romanzo ampi.

Lo studio include l'università di Lancaster, l'università di Liverpool, UCLAN, l'università di Bradford e UCL ed esaminerà l'impatto di auto-isolamento sul benessere della gente più anziana, quelle viventi con la demenza e della personale che dispensa le cure non pagata.

Il Dott. Siobhan Reilly, professore di seconda fascia dall'università di Lancaster, ha detto: “Sappiamo che i gruppi sicuri sono probabili essere influenzati diversamente in modo da è importante che altrettanta gente partecipa a questa ricerca come possibile.

“Vogliamo avere rappresentazione da tutti i gruppi e da tutte le parti di società. Più partecipazione che abbiamo, più pertinenti i nostri risultati saranno„.

La gente che vivono con la demenza e la gente più anziana possono essere molto fiduciose nei gruppi di appoggio di accesso, nelle attività sociali nella comunità, nei befrienders, nei centri sociali, o nei gruppi di canto e ballanti per restare socialmente attive e per ottenere il supporto che i servizi di sanità non possono assicurare.

Tuttavia, dovuto questi servizi faccia a faccia Covid-19 ora sia temporaneamente chiuso, lasciando le lacune enormi nei bisogni di cura e di sostegno.

Il Dott. Clarissa Giebel dell'università di Liverpool ha detto che “vogliamo sentire dalla gente più anziana, dalla personale che dispensa le cure non pagata e dalla gente viventi con la demenza, da solo o in un contesto di supporto. Possono fare la loro sentire voce nella nostra ricerca ed i risultati saranno utilizzati davanti ai decisori.„

Lo studio può essere fatto online o tramite telefono e richiede un impegno di 20-30 minuti tre volte durante 12 settimane e si chiude alle nuove registrazioni il 31 luglio 2020.

Il progetto già ha guadagnato il supporto dai fornitori di servizio chiave quale il programma premiato di consapevolezza della demenza di Liverpool dei musei nazionali - la Camera delle memorie sta dividendo il nuovo studio attraverso le sue reti attraverso il Regno Unito per raggiungere la gente che vive con la demenza e la loro personale che dispensa le cure.

Il canto natalizio Rogers, Direttore della Camera delle memorie ai musei nazionali Liverpool ha detto:

Questa ricerca vitale dall'università di volontà di Liverpool ci aiuta completamente a capire l'impatto di Covid-19 sulle famiglie che vivono con e pregiudicato da demenza durante questo periodo difficile di isolamento sociale. Vogliamo estendere lo sbraccio di questo studio al nostro pubblico per assicurarci che le loro voci siano sentite e considerare come possiamo adattare la Camera del programma delle memorie basata sulla ricerca.„

Anna Gaughan, amministratore delegato alla rete di biografia ha detto: “Dal 1° aprile le autorità locali hanno la potenza applicare i tagli più rigorosi ulteriori diminuendo il loro contributo alla personale che dispensa le cure non pagata a norma della legge di emergenza Covid-19.

“Partecipando a questa ricerca vitale e condividendo la vostra esperienza nell'impatto di questi taglia contribuirà ad informare l'esame di sei mesi che il governo ha commesso all'impresa. Vogliamo assicurarci che la voce della personale che dispensa le cure non pagata della gente con demenza ancora continui ad influenzare la polizza, la ricerca e la pratica durante questo momento critico.„