Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'analisi del sangue semplice offre l'allarme immediato della disfunzione cardiaca in relazione con la chemioterapia

Gli scienziati hanno identificato una collezione di biomarcatori che segnalano insieme che il trattamento del cancro di una persona può nuocere al loro cuore. Dopo ulteriore convalida, i biomarcatori hanno potuto finalmente permettere che medici valutino gli effetti secondari cardiovascolari della chemioterapia con un'analisi del sangue semplice presto nel trattamento del trattamento.

I problemi del cuore sono un effetto secondario di parecchie terapie del cancro. Le antracicline, una famiglia delle droghe della chemioterapia usate per trattare molti tipi di cancri, portano particolarmente un ad alto rischio. Per esempio, circa 17% dei pazienti che ricevono l'antraciclina per i moduli più aggressivi di cancro al seno devono fermare la terapia dovuto le complicazioni cardiache.

Di medici gli ecocardiogrammi di uso tipicamente, un ultrasuono del cuore, cercare i segni di cuore danneggiano ai vari punti durante il trattamento. Tuttavia, gli ecocardiogrammi possono essere costosi e mostrano i problemi solo dopo che il danno già ha accaduto.

Confrontato agli standard correnti per la diagnostica della disfunzione cardiaca in relazione con la chemioterapia (CRCD), il comitato che di biomarcatore abbiamo suggerito sarebbe redditizio e facile da applicare più d'importanza, ma, aiuterebbe nella diagnosi precoce, nella valutazione del rischio e video in progressione di CRCD che infine avrebbe migliorato la cura paziente ed i risultati. È particolarmente pertinente ai pazienti nelle comunità socioeconomiche rurali e più basse, che non possono essere hanno accesso ad ecocardiografia seriale come mezzi per diagnosticare CRCD.„

Hari Vishal Lakhani, autore di studio, socio di ricerca clinico alla scuola di medicina di Joan C. Edwards dell'università di Marshall

Lakhani è stato preveduto per presentare alla ricerca alla società americana per la riunione annuale investigativa di patologia a San Diego questo mese. Sebbene la riunione, essere tenuto insieme con la conferenza sperimentale di biologia 2020, sia annullata in risposta allo scoppio COVID-19, l'estratto del gruppo di ricerca è stato pubblicato nell'edizione di questo mese del giornale di FASEB.

I ricercatori hanno paragonato i campioni di sangue da 17 donne in buona salute ai campioni da 17 donne che subiscono il trattamento di antraciclina per cancro al seno. Le donne con cancro al seno egualmente hanno ricevuto gli ecocardiogrammi prima di cominciare l'antraciclina e tre mesi e sei mesi dopo avere iniziato il trattamento.

I risultati hanno rivelato le differenze significative nei livelli di dozzina biomarcatori relativi ai cambiamenti cardiovascolari fra i due gruppi. Mentre non c'era nessun biomarcatore sufficiente per predire CRCD da sè, in associazione hanno fornito ad un preannunciatore affidabile della tossicità del cuore come valutato ecocardiografia. Molti dei biomarcatori hanno mostrato i cambiamenti rilevabili molto prima che il danno del cuore fosse visibile su un ecocardiogramma.

I biomarcatori comprendono vari proteine come pure microRNAs (miRNAs), che pregiudicano l'espressione genica. I miRNAs particolari identificati nello studio precedentemente sono stati implicati nella disfunzione cardiaca e le proteine sono state collegate con infiammazione, danneggiamento del muscolo di cuore ed altra elabora implicato nella malattia di cuore.

“I nostri risultati supportano l'applicazione clinica di questi biomarcatori del siero e miRNAs di circolazione per sviluppare un comitato per la diagnosi precoce di disfunzione cardiaca in relazione con la chemioterapia che permetterà all'individuazione tempestiva della progressione di malattia ed alla gestione di danno cardiaco irreversibile,„ ha detto Lakhani. “Un comitato di biomarcatore può in effetti essere migliore dell'ecocardiografia seriale, perché le informazioni riunite da un comitato di biomarcatore potrebbero permettere che l'intervento appropriato sia catturato prima che tutto il danno cardiaco abbia accaduto.„

Conoscere un paziente è dare segni dei problemi del cuore potrebbe piombo medici regolare il tipo o il dosaggio della chemioterapia, o prescriva i farmaci per infarto. Dando cura le informazioni che devono intraprendere tali azione più presto nel trattamento del trattamento potrebbero diminuire sostanzialmente il numero dei malati di cancro che soffrono la malattia o la morte come conseguenza dei problemi in relazione con la chemioterapia del cuore, Lakhani ha detto.