Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Cannabidiol ha potuto essere una terapia utile per il tumore al cervello dell'difficile--ossequio

I risultati da un nuovo studio che esamina le celle di tumore al cervello umane e canine suggeriscono che il cannabidiol potrebbe essere una terapia utile per un tumore al cervello dell'difficile--ossequio. Cannabidiol, o CBD, è un composto chimico non psicoattivo derivato da marijuana.

Lo studio ha esaminato il glioblastoma, un modulo spesso micidiale di tumore al cervello che si sviluppa molto rapidamente e si sparge. Neppure con gli avanzamenti importanti nel trattamento, i tassi di sopravvivenza per questo cancro non sono migliorato significativamente.

“Ulteriori opzioni del trattamento e della ricerca sono necessarie urgentemente per i pazienti afflitti da tumore al cervello,„ ha detto l'inseguimento lordo, uno studente nel medico di medicina veterinaria/lastra del programma di scienza alla Colorado State University. “Il nostro lavoro indica che CBD ha il potenziale di fornire un'efficace, opzione sinergica di terapia di glioblastoma e che dovrebbe continuare ad essere studiato vigoroso.„

Il sig. Gross è stato preveduto presentare questa ricerca alla società americana per farmacologia ed alla riunione annuale sperimentale di terapeutica a San Diego questo mese. Sebbene la riunione, essere tenuto insieme con la conferenza sperimentale di biologia 2020, sia annullata in risposta allo scoppio COVID-19, l'estratto del gruppo di ricerca è stato pubblicato nell'edizione di questo mese del giornale di FASEB.

Il sig. Gross e colleghi ha esaminato le celle umane e canine di glioblastoma perché il cancro mostra le similarità notevoli fra le due specie. Hanno verificato gli effetti dell'isolato di CBD, che contiene 100 per cento CBD e l'estratto di CBD, che contiene le piccole quantità di altri composti d'avvenimento naturali quali il cannabigerol e tetrahydrocannabinol, o THC.

I nostri esperimenti hanno indicato che CBD rallenta la crescita della cellula tumorale ed è tossico sia alle linee cellulari canine che umane di glioblastoma. D'importanza, le differenze nelle influenze anticancro fra l'isolato di CBD e l'estratto sembrano essere trascurabili.„

Insegua lordo, studente nel medico di medicina veterinaria/lastra del programma di scienza alla Colorado State University

Il lavoro recente ha rivelato che gli effetti tossici di CBD sono mediati con la via naturale delle cellule per il apoptosis, un modulo della morte programmata delle cellule. I ricercatori egualmente hanno osservato che da morte indotta CBD delle cellule è stata caratterizzata dalle grandi, vescicole intracellulari gonfiate prima che la membrana cominciasse a gonfiarsi e ripartizione. Ciò era vera per tutte le linee cellulari studiate.

I ricercatori ritengono che gli atti anticancro di CBD mirino ai mitocondri--le strutture del produttore d'energia delle cellule--causando i mitocondri alle specie reattive nocive dell'ossigeno della versione e di disfunzione. I loro esperimenti hanno indicato che le celle hanno trattato con le diminuzioni significative esibite CBD nell'attività mitocondriale.

“CBD è stato studiato zelante in celle per i sui beni anticancro negli ultimi dieci anni,„ ha detto il sig. Gross. “Le nostre guide di studio completano il puzzle in vitro, permettendo che noi ci muoviamo in avanti nello studio degli effetti di CBD sul glioblastoma in una regolazione clinica facendo uso dei modelli dell'animale vivo. Ciò potrebbe piombo ai nuovi trattamenti che avrebbero aiutato sia la gente che i cani che hanno questo cancro molto serio.„

Dopo, i ricercatori pianificazione alla transizione dalle colture cellulari ai modelli animali verificare gli effetti di CBD sul glioblastoma. Se gli studi sugli animali vanno bene, il lavoro potrebbe diventare i test clinici sui cani che stanno trattandi per il glioblastoma naturale alla clinica universitaria del veterinario di Colorado State University.

Source:
Journal reference:

Gross, C., Ramirez, D., Dickinson, P., Gustafson, D. and McGrath, S. (2020), Cannabidiol Induces Apoptosis and Perturbs Mitochondrial Function in both Human and Canine Glioma Cells. The FASEB Journal, 34: 1-1. doi:10.1096/fasebj.2020.34.s1.04176, https://faseb.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1096/fasebj.2020.34.s1.04176