Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano un nuovo modo trattare il dolore cronico

I ricercatori dall'università di Copenhaghen hanno sviluppato un nuovo modo trattare il dolore cronico che è stato provato in mouse. Con progettata composta e sviluppato dai ricercatori stessi, possono raggiungere il sollievo di dolore completo.

Fra sette e dieci per cento della popolazione del mondo soffre da dolore cronico che proviene dai nervi che sono stati danneggiati. Una malattia che può essere severamente debilitante. Ora, i ricercatori dall'università di Copenhaghen hanno trovato un nuovo modo trattare il dolore.

Il trattamento è stato provato in mouse ed i nuovi risultati sono stati pubblicati nella medicina molecolare dell'EMBO del giornale scientifico. Per più di una decade, i ricercatori stanno lavorando per progettare, mettere a punto e sperimentare una droga che fornirà il sollievo di dolore completo.

Abbiamo sviluppato un nuovo modo trattare il dolore cronico. È un trattamento mirato a. Cioè non pregiudica la segnalazione di un neurone generale, ma soltanto le influenze i cambiamenti del nervo che sono causati dalla malattia.

Stiamo lavorando a questo per più di dieci anni. Abbiamo catturato al trattamento tutta la direzione dalla comprensione della biologia, dall'invenzione e dalla progettazione del composto a descrivere come funziona in animali, influenze il loro comportamento ed eliminiamo il dolore.„

Kenneth Lindegaard Madsen, co-author, professore associato al dipartimento di neuroscienza, università di Copenhaghen

Il dolore cronico può accadere, tra l'altro, dopo chirurgia, nella gente con il diabete, dopo un coagulo di sangue e dopo un'amputazione sotto forma di dolore fantasma.

Test clinici come il punto seguente

Il composto sviluppato dai ricercatori è un cosiddetto peptide nominato Tat-P4- (C5) 2. Il peptide è mirato a e soltanto pregiudica i cambiamenti del nervo che pongono un problema e causano il dolore.

In uno studio precedente, i ricercatori hanno indicato in un modello animale che l'uso del peptide può anche diminuire la dipendenza. Di conseguenza, i ricercatori sperano che il composto possa potenzialmente aiutare i pazienti di dolore che sono diventato dipendenti, per esempio, analgesici dell'opioide ad in particolare.

“Il composto funziona molto efficientemente e non vediamo alcuni effetti secondari. Possiamo amministrare questo peptide ed ottenere il sollievo di dolore completo nel modello che del mouse abbiamo usato, senza l'effetto letargico che caratterizza l'esistenza dolore-alleviando le droghe,„ dice Kenneth Lindegaard Madsen, aggiungente:

“Ora, il nostro punto seguente è di lavorare verso verificare il trattamento sulla gente. Lo scopo, per noi, è di sviluppare una droga, quindi la pianificazione è di istituire appena possibile una società di Biotech in modo da possiamo mettere a fuoco su questo.„

I ricercatori ora stanno lavorando verso i test clinici in collaborazione con, tra l'altro, il ricercatore Nanna Brix Finnerup, professore di dolore all'università di Aarhus.

Source:
Journal reference:

Christensen, N.R., et al. (2020) A high‐affinity, bivalent PDZ domain inhibitor complexes PICK1 to alleviate neuropathic pain. EMBO Molecular Medicine. doi.org/10.15252/emmm.201911248.