Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti del RA si sono iscritti all'esposizione significativa di costo della fronte di taglio di pianificazione di Assistenza sanitaria statale sulle droghe di specialità

Dopo una diminuzione sensibile nei costi vivi fra 2010 e 2011, i pazienti di Assistenza sanitaria statale che usano farmaci biologici di specialità per l'artrite reumatoide hanno veduto il più alta spesa viva per quelle stesse droghe a causa degli aumenti dei prezzi graduali, un nuovo studio nel giornale dei ritrovamenti aperti di American Medical Association.

Piombo dallo studente Alexandra Erath della scuola di medicina di Vanderbilt University, le SEDERE e da Stacie B. Dusetzina, il PhD, professore associato di Ingram di ricerca sul cancro nel dipartimento di criterio di integrità alla scuola di medicina di Vanderbilt University, lo studio trovano che i pazienti che riempiono 12 mesi del trattamento biologico nell'ambito delle loro pianificazioni della parte D di Assistenza sanitaria statale avrebbero avuti loro goccia di costi vivi da più di 34% fra 2010 e 2011.

Tuttavia, fra 2010 e 2019, quel ribasso dei prezzi era soltanto 21%.

In media, nel 2010 -- prima di copertura della parte D lo spazio o il foro della ciambella era chiuso -- la spesa viva annuale per un paziente su queste droghe era $5.858. Nel 2019, il costo vivo medio annuale era $4.801.

Sebbene chiudendo il foro della ciambella sia preveduto notevolmente di diminuire i costi vivi, abbiamo trovato che quello circa un terzo di quello il risparmio già è stato perso dovuto gli aumenti annuali nei prezzi di listino. Andando in avanti, gli anziani possono prevedere gli più alti aumenti di costo annuale poiché il foro della ciambella è già chiuso.„

Alexandra Erath, SEDERE, studente, scuola di medicina di Vanderbilt University

Per le droghe che hanno acceduto al servizio fra 2011-2015, quattro dei cinque hanno avuti nel 2019 più alti costi vivi che l'anno che hanno acceduto al servizio. I pazienti di artrite (RA) reumatoide affrontano spesso le alte spese non rimborsabile dovuto il trattamento con il biologics costoso di specialità.

Mentre non accorcia tipicamente la speranza di vita, il RA richiede spesso la terapia biologica coerente di rimanere controllata, significare i pazienti può affrontare gli alti costi vivi per le decadi o più lungamente.

“Ci sono fatture nel congresso che indirizzerebbe gli entrambi prezzi aumentare del biologics e che contribuirebbe ad abbassare i costi vivi per i beneficiari di Assistenza sanitaria statale che hanno bisogno di queste droghe,„ ha detto Dusetzina. “Abbiamo bisogno delle riforme reali che abbassano i prezzi della droga ed i costi vivi.„

I ricercatori raccomandano i responsabili politici studiano la possibilità di ricoprire la spesa viva sulla parte D di Assistenza sanitaria statale o di limitare gli aumenti dei prezzi per gestire meglio il carico finanziario di questi farmaci. La legislazione è stata introdotta nell'entrambe Camera e Senato degli Stati Uniti che comprende tali cambiamenti al programma della parte D di Assistenza sanitaria statale.

“Chiudere il foro della ciambella era un punto importante verso l'assicurazione degli anziani ha avuta spese accessibili e prevedibili della droga, ma i pazienti che catturano le droghe costose di specialità ancora affrontano l'esposizione significativa di costo,„ dice Erath. “Un massimo vivo annuale o un limite sugli aumenti annuali di costo contribuirebbe ad assicurare l'accessibilità in corso dei trattamenti cruciali del RA.„

Source:
Journal reference:

Erath, A., et al. (2020) Assessment of Expected Out-of-Pocket Spending for Rheumatoid Arthritis Biologics Among Patients Enrolled in Medicare Part D, 2010-2019. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2020.3969.