Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ricercatore della MU trova quattro droghe antivirali efficaci nell'inibizione del coronavirus novello

Ora, un ricercatore all'università di Missouri ha trovato che quattro droghe antivirali, compreso remdesivir, una droga originalmente sviluppata per trattare Ebola, sono efficaci nell'inibizione della replica del coronavirus che causa COVID-19.

Kamlendra Singh, un professore associato nell'istituto universitario di medicina veterinaria e del suo gruppo ha usato la progettazione di droga assistita dall'elaboratore per esaminare l'efficacia di remdesivir, di 5 fluorouracil, di ribavirina e di favipiravir nel trattamento del COVID-19. Singh ha trovato che tutte e quattro le droghe erano efficaci nell'inibizione, o bloccando, le proteine del RNA dei coronavirus dalla fabbricazione delle copie genomiche del virus.

Come ricercatori, abbiamo un obbligo di cercare i trattamenti possibili poichè tanta gente sta morendo da questo virus. Queste droghe antivirali, se risultano essere efficaci, tutte presentano alcune limitazioni. Ma nel mezzo di una pandemia globale, valgono la pena di dare un'occhiata più profonda a perché basato sulla nostra ricerca, pensiamo che tutte queste droghe potrebbero potenzialmente essere efficaci nel trattamento del COVID-19.„

Kamlendra Singh, professore associato, istituto universitario di medicina veterinaria, università di Missouri

Il coronavirus (SARS-CoV-2) quel causa COVID-19, come tutti i virus, può subire una mutazione e sviluppare la resistenza alle droghe antivirali. Di conseguenza, ulteriore prova in una regolazione del laboratorio e nei pazienti è necessaria valutare meglio come i trattamenti proposti interagiscono con il RNA polimerasi dei virus.

“Il nostro scopo è di aiutare medici fornendo le opzioni per i trattamenti possibili di COVID-19 ed infine contribuire nel miglioramento dei risultati di salubrità dei pazienti che soffrono dalla malattia infettiva,„ Singh ha detto. “Come ricercatori, stiamo facendo semplicemente la nostra parte nella lotta contro la pandemia.„

La ricerca di Singh è un esempio di medicina di traduzione, una componente chiave dell'università di iniziativa di salubrità di precisione del NextGen del Missouri del sistema. L'iniziativa di NextGen mira a migliorare la collaborazione interdisciplinare su grande scala all'inseguimento degli avanzamenti vita cambianti e della ricerca di salubrità di precisione.

Source:
Journal reference:

Neogi, U, et al. (2020) Feasibility of Known RNA Polymerase Inhibitors as Anti-SARS-CoV-2 Drugs. Pathogens. doi.org/10.3390/pathogens9050320.