Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esplora l'impatto del lockdown sulla gente più anziana con o senza demenza

Lungamente è stato conosciuto che il sonno interrotto può aumentare il rischio di demenza e la prova aneddotica suggerisce che ansia COVID-19 stia essendo nocivo a sonno.

Un nuovo studio Regno Unito di ampiezza piombo dai academics all'università di Bristol metterà a fuoco su come il lockdown corrente sta pregiudicando il sonno in gente più anziana con e senza demenza. È sperato che i risultati aumentino la nostra comprensione di come il sonno può influenzare la salubrità del cervello ed il rischio a lungo termine di demenza.

Dallo lo studio guidato da questionario, chiamato SleepQuest, obiettivi per capire qualità di sonno, la salute mentale ed i ritmi circadiani in gente più anziana. Fino a 5.000 partecipanti saranno reclutati attraverso la ricerca di demenza dell'unire, i media sociali e le reti della gente più anziana.

I ricercatori ritengono che la crisi corrente COVID-19 piombo a tantissima gente che avverte il sonno ed i ritmi circadiani interrotti e che una percentuale di questa gente continuerà a sviluppare i problemi cronici di sonno.

Alcuni impiegheranno con successo le strategie per migliorare il loro sonno e benessere. Tuttavia, nel sonno più a lungo termine e difficile può accelerare l'inizio di demenza o la progressione - questo rischio è probabile essere il più alto nella gente di età lavorativa recente e più vecchio - il 50s eccessivo.

Il Dott. Liz Coulthard, professore associato in neurologia di demenza all'università di Bristol e neurologo a Bristol del nord NHS si fida di, che piombo lo studio, ha detto: “Speriamo alle strategie di potenziamento di sonno “di folla-sorgente„ in moda da poterli offrire essi come risorsa online per la gente più anziana.

“Siamo interessati che corrente solleciti e l'inattività piombo ad insonnia e potrebbe causare il disturbo del sonno durevole. Crediamo che il sonno migliore lungo termine potrebbe diminuire gli effetti negativi del lockdown e conservare la salubrità del cervello. Naturalmente, le buone guide di sonno egualmente migliorano la salubrità metabolica, psicologica e cardiovascolare anche.„

Gli obiettivi di studio a:

  • Impari come il sonno ed i ritmi circadiani sono interrotti durante la crisi COVID-19;
  • Faccia rapido il consiglio accessibile in linea sul migliore sonno ed i ritmi circadiani durante i periodi dello sforzo basati sulle risorse attuali e sui risultati da SleepQuest;
  • Rifletta l'impatto a lungo termine di sonno ed i reticoli circadiani durante e dopo il lockdown (con seguito più a lungo termine).

I partecipanti allo studio saranno chiesti di compilare un questionario online che prenderà a 30 minuti. Lo scopo della ricerca principale del gruppo è di aiutare la gente più anziana, compreso coloro che ha o è a rischio di demenza come pure la personale che dispensa le cure, ma chiunque può partecipare.

Se i giovani compilano il questionario, i dati saranno usati per paragonare alla gente più anziana e per capire più circa gli effetti specifici di invecchiamento su sonno durante il lockdown. La gente che riempie il questionario sarà contattata con consiglio aggiornato poichè più è imparato circa come contribuire a dormire in gente più anziana.

Come componente della ricerca prevista, i ricercatori vogliono conoscere che cosa tenta, all'occorrenza, la gente hanno fatto per migliorare il sonno e se essi ha funzionato. Ciò sarà usata per aggiornare la risorsa online affinchè i partecipanti sviluppi le strategie auto-per gestire il sonno ed i ritmi circadiani.

Ripetendo queste misure sei mesi e è sperato a lungo termine, i ricercatori potrà tenere la carreggiata il sonno dei partecipanti, i ritmi circadiani, accanto ai livelli di sforzo e di ansia e come si riferiscono alla progressione futura di salubrità e di demenza del cervello in particolare.