Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: I geni possono svolgere un ruolo molto più complesso nella maturazione dell'ovocita che precedentemente presupposta

Durante gli ultimi sei anni un il gruppo di genetisti estoni piombo dal professore associato Agne Velthut-Meikas e uno studente Ilmatar Rooda di PhD dal dipartimento di TalTech di chimica e di biotecnologia hanno studiato i geni precedentemente associati soprattutto con la sintesi femminile dell'ormone e lo sviluppo ovarico del follicolo.

I risultati suggeriscono che questi geni possano svolgere un ruolo molto più complesso nella maturazione dell'ovocita che precedentemente presupposta.

Per maturazione dell'ovocita e la generazione possibili di nuova vita, la comunicazione bidirezionale, cioè segnalazione deve avere luogo fra le celle nell'ovaia. Prima di ovulazione, un ovocita risiede in un follicolo, che è piccolo di un sacco ripieno di fluida che si rompe ad ovulazione, scaricante l'ovocita nell'ovidotto.

Per maturazione dell'ovocita e la sua versione dal follicolo, l'ovocita come pure le celle del follicolo che lo circondano, cioè celle di granulosa, devono scambiare i segnali a vicenda su un determinato periodo. Queste celle di granulosa egualmente producono gli ormoni che sono essenziali per riuscita aderenza dell'embrione alla parete dell'utero ed alla sopravvivenza della gravidanza iniziale.

Tra l'altro, la produzione ed il funzionamento di due proteine in celle ovariche di granulosa è richiesta. Queste proteine importanti sono il recettore ormonale di stimolazione FSHR del follicolo e aromatase.„

Agne Velthut-Meikas, professore associato, consiglio della ricerca estone

FSHR riceve il segnale di un ormone di follicolo-stimolo dall'ipofisi, piombo alla crescita del follicolo ed alla proliferazione ovariche delle cellule di granulosa. Aromatase è l'enzima chiave responsabile della biosintesi dell'estradiolo dell'ormone steroide (ormone sessuale femminile) in celle di granulosa.

Le mutazioni o le riorganizzazioni nei loro geni o le deviazioni nella produzione di queste proteine causano la sterilità in donne, perché l'ovaia non sta funzionando, gli ovociti non stanno maturando né rilasciato dall'ovaia.

“Il nostro studio ha indicato che questi geni producono, oltre alle proteine fino ad ora conosciute, anche le piccole molecole del RNA (microRNAs), che, legando ai loro geni dell'obiettivo, determina se questi mirano al gioco dei geni il loro ruolo progettato in una cella. Gli obiettivi che del microRNA abbiamo studiato sono responsabili dei trattamenti cruciali per fertilità femminile - mantenimento della riserva dell'ovocita, della produzione dell'ormone e dell'ovulazione,„ Velthut-Meikas dice.

Quindi, oltre alle proteine suddette, le brevi molecole non ancora documentate del microRNA sono sintetizzate dai geni di aromatase e di FSHR. Gli obiettivi del microRNA derivato dal gene di FSHR svolgono i ruoli essenziali nell'attivazione dello sviluppo del follicolo e della maturazione ovarici dell'ovocita.

Gli obiettivi del microRNA derivato dal gene di aromatase sono compresi nei cambiamenti d'attivazione nel tessuto ovarico richiesto per il trattamento di ovulazione. Entrambi i microRNAs presumibilmente regolamentano egualmente la sintesi degli ormoni steroidi nell'ovaia, che pregiudicano, oltre l'ovaia, anche il funzionamento di altri tessuti - l'endometrio, il tessuto adiposo, le ghiandole mammarie, ecc.

“I risultati dello studio forniscono nuove informazioni sulla funzione ovarica che è importante per una diagnosi più accurata delle cause della sterilità femminile e per lo sviluppo di nuove opzioni del trattamento.

La conoscenza nuova può essere utilizzata nelle cliniche della sterilità per migliorare le procedure ovariche di stimolo prima di fertilizzazione in vitro, che migliorerebbe significativamente l'efficacia del trattamento della sterilità. La tendenza globale conservare la fertilità dei malati di cancro è egualmente un'emissione altamente attuale.

Ciò comprende un trattamento, dove la parte del tessuto ovarico del paziente è congelata prima che la chemioterapia che distrugge i follicoli, di modo che dopo che il trattamento la donna può ancora concepire i suoi bambini biologici. Il trattamento di ripristino della maturazione dell'ovocita dal tessuto congelato deve essere studiato più a fondo,„ Agne Velthut-Meikas dice.

I genetisti di TalTech in collaborazione con l'università di Tartu ed il centro di competenza sulle tecnologie di salubrità hanno pubblicato i risultati della ricerca nei rapporti scientifici del giornale nell'articolo “previsione dell'obiettivo e convalida dei microRNAs espressi da FSHR e dai geni di aromatase in celle ovariche umane di granulosa„

Source:
Journal reference:

Rooda, I., et al. (2020) Target prediction and validation of microRNAs expressed from FSHR and aromatase genes in human ovarian granulosa cells. Scientific Reports. doi.org/10.1038/s41598-020-59186-x.