Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo composto riduce significativamente le patologie multiple collegate al morbo di Alzheimer

Una volta provato in cellule cerebrali ed in un modello del mouse del morbo di Alzheimer, un nuovo composto ha diminuito significativamente il numero delle placche dell'amiloide nel cervello, infiammazione diminuita del cervello ed ha diminuito altri indicatori molecolari della malattia.

I ricercatori che hanno sviluppato il rapporto composto i loro risultati in neuroscienza del prodotto chimico del giornale ACS.

Le placche dell'amiloide sono un marchio di garanzia del morbo di Alzheimer nel cervello, come è la capitalizzazione di una proteina conosciuta come P-tau, ha detto Liviu Mirica, un professore di chimica all'università dell'Illinois aUrbana-Champagne che piombo la ricerca. Il ricercatore postdottorale Hong-Giugno Cho è il primo autore dello studio.

Gli studi recenti indicano che i cumuli di P-tau si raccolgono intorno alle placche dell'amiloide, aumentanti il neuroinflammation che è associato con Alzheimer, Mirica ha detto.

È possibile che le placche dell'amiloide avviino in qualche modo l'aggregazione delle proteine P-tau nell'ambiente extracellulare. E questo trattamento poi stimola per spargersi e formazione di P-tau dentro i neuroni, in cui comincia agglutinarsi insieme.„

Liviu Mirica, cavo di ricerca. Il professor di chimica, università dell'Illinois, Urbana-Champagne

Ciò che si agglutina piombo alla formazione “di grovigli neurofibrillary„ nei neuroni che interrompono la funzione delle cellule ed infine piombo alla morte delle cellule, ha detto.

Gli scienziati non capiscono chiaramente i meccanismi che piombo al morbo di Alzheimer. Molti studi hanno messo a fuoco sulla dissoluzione o sull'interruzione della formazione delle placche dell'amiloide, che sono composte di frammento della proteina chiamato il peptide dell'beta-amiloide.

“Tutti stavano provando ad attaccare le placche dell'amiloide per dissolverle, ma abbiamo imparato che Alzheimer è un po'più complicato di abbiamo pensato,„ Mirica abbiamo detto.

La ricerca precedente ha trovato che i frammenti solubili dell'beta-amiloide sono più pericolosi a salubrità del cervello anche prima che cumulassero nelle placche.

“Gli studi hanno trovato la prova ben fondata che questi peptidi solubili sono le specie più neurotossiche e stanno causando la morte delle cellule di perdita e del neurone di memoria,„ Mirica hanno detto. La formazione di placche potrebbe essere un tentativo dal cervello di neutralizzare la minaccia, ha detto.

Metal gli ioni quale rame ed il ferro egualmente svolge un ruolo in patologia di Alzheimer. Questi metalli formano le associazioni con il peptide dell'beta-amiloide, stabilizzante le specie più pericolose e più solubili dell'beta-amiloide. Gli ioni del metallo egualmente contribuiscono all'infiammazione ossidativa offensiva del cervello e di sforzo veduta in Alzheimer.

“Per esaminare questi aspetti patologici differenti del morbo di Alzheimer, abbiamo sviluppato un composto conosciuto come L1 che interagisce con differenti regioni del peptide dell'beta-amiloide come pure con gli ioni del metallo,„ Mirica ha detto.

“Una volta provato in mouse geneticamente predisposti per sviluppare le patologie Alzheimer's del tipo di, il nostro composto potrebbe attraversare la barriera ematomeningea, diminuire il neuroinflammation e fare diminuire i livelli delle placche dell'amiloide e di cumuli P-tau si è associato con queste placche.„

I risultati suggeriscono che le droghe che interagiscono con differenti regioni di amiloide-beta frammenti della proteina e di altri peptidi ed ioni Alzheimer's-associati del metallo potrebbero migliorare i risultati per la gente con il morbo di Alzheimer.

Source:
Journal reference:

Cho, H-J., et al. (2020) The A Multifunctional Chemical Agent as an Attenuator of Amyloid Burden and Neuroinflammation in Alzheimer’s Disease. ACS Chemical Neuroscience. doi.org/10.1021/acschemneuro.0c00114.