Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga di Olanzapine può contribuire a gestire la nausea ed il vomito nei pazienti con cancro avanzato

Olanzapine, un farmaco generico usato per trattare le circostanze nervose, emozionali e mentali, anche può aiutare con successo i pazienti con cancro avanzato a gestire la nausea ed il vomito indipendenti dalla chemioterapia. Questi sono i risultati deun giovedì 7 maggio pubblicato studio in oncologia di JAMA.

Charles Loprinzi, M.D., un oncologo medico della clinica di Mayo, ha svolto un ruolo della direzione in questo lavoro insieme con Rudolph Navari, M.D., dell'università di Alabama a Birmingham.

“Ben-è apprezzato dalla maggior parte della gente che i pazienti che ricevono la chemioterapia del cancro soffrano dalla nausea e dal vomito,„ spiega il Dott. Loprinzi. “Tuttavia, più di meno ben-è apprezzato che i pazienti con cancro avanzato egualmente abbiano problemi significativi con la nausea e vomitando quello sia indipendente dalla chemioterapia.„

DRS. Loprinzi e Navari hanno trovato la ricerca limitata per quanto riguarda la nausea ed il vomito nei pazienti con cancro avanzato indipendente dalla chemioterapia, in modo da hanno deciso di condurre un test clinico.

I colleghi, con altri collaboratori, hanno condotto ad una prova ripartita le probabilità su e controllata a placebo in 30 pazienti con cancro avanzato che recentemente non aveva ricevuto la radioterapia o della chemioterapia ma hanno avuti difficoltà sostanziale con la nausea ed il vomito.

I ricercatori hanno definito a caso i pazienti per ricevere una basso dose del olanzapine o di un quotidiano del placebo. Nè i partecipanti di prova nè i loro clinici hanno saputo se i partecipanti stavano ricevendo il olanzapine o un placebo.

Prima dell'iniziare i loro farmaci il primo giorno dello studio, i partecipanti stimati la loro nausea durante le 24 ore precedenti su una scala di 0-10, con 0 che sono nessuno e 10 che sono cattivi quanto potrebbero essere. I partecipanti hanno continuato a valutare la loro nausea ogni giorno all'ora circa lo stesso per la durata dello studio.

Quando lo studio unblinded, il gruppo di ricerca ha imparato che tutti e 30 i partecipanti hanno registrato i punteggi di nausea di 8-10 il primo giorno dello studio. Dopo l'un giorno ed una settimana, i punteggi di nausea nei 15 pazienti che hanno ricevuto un placebo erano ancora tutti 8-10 su 10.

Al contrario, i 15 pazienti che hanno ricevuto il olanzapine hanno avuti massa di 2-3 su 10 dopo l'un giorno e su 0-3 su 10 dopo una settimana. Corrispondentemente, questi pazienti hanno riferito meno vomito, appetito migliore e migliore benessere. Nessun evento avverso paziente-riferito è stato osservato fra i partecipanti di prova che ricevono il olanzapine.

“Olanzapine dato a 5 milligrammi al giorno per i sette giorni contrassegnato ha migliorato la qualità di vita paziente senza gli effetti secondari,„ dice il Dott. Navari. “E come farmaco generico, è egualmente relativamente accessibile, con un'offerta di un mese che costa spesso dovunque $10 - $15.„

Le linee guida correnti per la gestione della nausea e di vomito nei pazienti con cancro avanzato specificamente non hanno indicato che una droga guarda sostanzialmente migliore di varie altre droghe. Tuttavia, crediamo che i risultati attuali possano essere osservati come best practice per il trattamento della nausea ed il vomito nei pazienti con la nausea Cancro-associata avanzata ed il vomito.„

Charles Loprinzi, M.D., oncologo medico, clinica di Mayo

Source:
Journal reference:

Navari, R. M., et al. (2020) Olanzapine for the Treatment of Advanced Cancer–Related Chronic Nausea and/or Vomiting. JAMA Oncology. doi.org/10.1001/jamaoncol.2020.1052.