Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo studio per esplorare gli impatti di salubrità di COVID-19 sulla gente che usa le droghe

La comprensione degli impatti di salubrità della pandemia COVID-19 sulla gente che utilizza le droghe in Scozia è il fuoco di nuova università di studio di Stirling.

Il progetto - costituito un fondo per nell'ambito della ricerca rapida del governo scozzese nel programma COVID-19 - valuterà gli impatti più a lungo termine di salubrità della risposta sociale alla pandemia sulla gente che usa le droghe (PWUD).

La ricerca considererà se una riduzione della disponibilità delle droghe illecite abbia cambiato l'abitudine di acquisto - con conseguente rischio aumentato per alcuno - e lo sguardo a come altre possono diminuire o uso cessato della droga evitare il contatto sociale.

Piombo dal professor Catriona Matheson, della facoltà delle scienze sociali, il gruppo di ricerca esaminerà l'impatto del virus su tre elementi distinti di uso e di servizi della droga in Scozia: distribuzione e reticoli sociali di uso delle droghe illecite; la disponibilità dei servizi di riduzione di danno; e la disposizione dei servizi di trattamento di dipendenza e dell'impatto sulla gente nel ripristino.

Lo studio egualmente considererà se i cambiamenti alla disposizione di servizio della droga, presentato dovuto COVID-19, esponga PWUD a danno con un rischio intensificato di dose eccessiva o di ricaduta.

Il feedback ricevuto dalla forza convenzionale di morti della droga suggerisce che una serie di emissioni stiano cominciando ad emergere per la gente che usa le droghe - a causa del virus e delle misure che sono usando per combatterlo. Ciò è la sola ricerca del suo tipo ed i sui risultati saranno forniti ai responsabili della politica, ai fornitori di servizio ed alle organizzazioni che rappresentano la gente che usa le droghe per contribuire per modellare le loro risposte a queste sfide.

Potere capire come la droga della gente che approvvigiona e che usando i comportamenti è influenzata distanziando del sociale sarà estremamente importante ad informare i messaggi pragmatici di riduzione di rischio per questo gruppo.„

Il professor Catriona Matheson, presidenza della forza convenzionale scozzese di morti della droga

Il gruppo del professor Matheson lavorerà con le organizzazioni volontarie del settore a Edimburgo, Glasgow e Lanarkshire per condurre le interviste della ricerca qualitativa, tramite telefono o online, con PWUD.

Il gruppo di ricerca - caratterizzando una serie di ricercatori con esperienza delle droghe - include: Dott. Tessa Parkes, Josh Dumbrell e Joe Schofield, tutto dall'università di Stirling e Dott. Angus Bancroft, dell'università di Edimburgo.

Un secondo studio, piombo dal Dott. Parkes, esaminerà come un programma gestito dell'alcool potrebbe contribuire a diminuire il rischio di infezione COVID-19 per la gente che avverte l'alcooldipendenza e l'essere senza tetto.

L'università di Stirling piombo i 10 progetti importanti che studiano l'impatto di pandemia COVID-19 dopo la ricezione quasi del £500,000 in finanziamento scozzese di governo.