Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Innaffi la fluorizzazione non collegata al rischio aumentato di osteosarcoma, manifestazioni di studio

Il giornale della ricerca dentaria ha pubblicato oggi i risultati di uno studio che ha dimostrato che la fluorizzazione dell'acqua della comunità non è associata a un aumentato rischio di osteosarcoma.

Più di sessanta per cento della popolazione degli Stati Uniti hanno accesso alla fluorizzazione dell'acqua della comunità, considerata come una delle politiche sanitarie di salute pubblica più importanti del XX secolo dovuto la sua riduzione di carie dentaria al livello della popolazione. L'ingestione del fluoruro è stata suggerita come fattore di rischio possibile per del 1990 lo studio sugli animali basato osteosarcoma. Sei dei sette studi successivi di caso-control in esseri umani ha riferito che il fluoruro in acqua potabile non è stato associato con osteosarcoma.

Questo studio valutato se vivere in una comunità fluorurata era un fattore di rischio per osteosarcoma eseguendo un'analisi di dati secondari facendo uso dei dati raccolti da due separati, ma studi collegati. I pazienti per sia la fase 1 che la fase 2 sono stati scelti dagli ospedali degli Stati Uniti facendo uso ad una di una progettazione abbinata basata a ospedale di studio di caso-control. Per entrambe le fasi, i casi erano pazienti diagnosticati con osteosarcoma ed i comandi erano pazienti diagnosticati con altri tumori dell'osso o circostanze non neoplastici.

Nella fase 1, i casi (N=209) ed i comandi (N=440) erano pazienti della registrazione nei dipartimenti ortopedici partecipanti dal 1989-1993. Nella fase 2, i casi (N=108) ed i comandi (N=296) erano pazienti di incidente che sono stati identificati e curato stati dai medici ortopedici dal 1994-2000. Questa analisi ha incluso tutti i pazienti che hanno risposto ai criteri di eleggibilità su cui abbiamo avuti dati completi sui covariates, sulle esposizioni e sul risultato. La regressione logistica condizionale è stata usata per stimare che rapporti di probabilità (OR) e intervalli di confidenza di 95% (CI) per l'associazione della comunità innaffiassero la fluorizzazione con osteosarcoma.

Il regolato O, dato che osteosarcoma e sempre vivendo in un'area fluorurata per i bevitori non in bottiglia dell'acqua erano il 0,51 (0,31 - 0,84), p=0.008. Lo stesso regolato di confronto O per i bevitori dell'acqua in bottiglia era 1,86 (0,54 - 6,41), p=0.326.

Questi risultati indicano che la residenza in una comunità fluorurata non è collegata con un aumento nel rischio per osteosarcoma dopo avere registrato per ottenere la corsa, l'origine etnica, il reddito, la distanza stato vivente urbano/rurale dell'ospedale, e dall'acqua in bottiglia bevente. Ciò non dovrebbe essere sorprendente poichè l'ingestione dell'acqua fluorurata è un'esposizione comune e l'osteosarcoma rimane una malattia rara.„

Chester Douglass, banco di Harvard di odontoiatria, del dipartimento di criterio di integrità orale e dell'epidemiologia