Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo studio per valutare trattamento di combinazione della droga per uveite

Due in 10,000 persone sono a rischio di perdita seria di vista da un modulo di infiammazione dell'occhio conosciuto come uveite. Un nuovo studio clinico della ricerca, piombo dall'università di Bristol e di ospedali universitari Bristol e dalla fiducia delle fondamenta di Weston NHS (UHBW), valuterà un trattamento di combinazione della droga per grazie di malattia dell'occhio al finanziamento di £2.5 milione dall'istituto nazionale per la ricerca di salubrità (NIHR). Lo studio sarà coordinato dal centro di prove di Bristol dell'università (CTEU).

Tre studi recenti suggeriscono che ogni quindici giorni il adalimumab sia un modo efficace di trattare l'uveite in alcuni pazienti. Tuttavia, le droghe come adalimumab possono avere effetti secondari seri e più prova è richiesta per identificare che i pazienti con uveite traggono giovamento il la maggior parte da adalimumab, sia riguardo alla loro visione che qualità di vita, compreso gli effetti secondari del trattamento.

La prova ASTUTE mira, primo, ad identificare i pazienti che sono più probabili da trarre giovamento da adalimumab. Tutti i pazienti ammissibili che il consenso sarà dato a adalimumab per un periodo della prova da 16 settimane se necessario, congiuntamente alla dose bassa degli steroidi.

I pazienti includeranno quelli con la visione alterata dovuto uveite, richiedente gli steroidi della alto-dose di sottoporre la malattia a controllo e quelli con la migliore visione ma chi richiedono gli steroidi della alto-dose di tenere l'uveite sotto controllo. Durante le 16 settimane, medici mireranno a ridurre la dose steroide ad un a basso livello che non dovrebbe causare gli effetti secondari più a lungo termine.

Poi, i pazienti che sono curati con successo con adalimumab e steroidi della basso dose (malattia inattiva alla conclusione di 16 settimane) entreranno nello studio principale.

Saranno definiti per caso per ricevere il adalimumab o un trattamento del placebo, congiuntamente ai loro altri farmaci (steroidi compresi della basso dose). In questo studio ripartito con scelta casuale, nè i pazienti nè i loro oculisti conosceranno il che trattamento un paziente sta ricevendo.

Gli esami, le prove ed i questionari regolari di occhio saranno usati per valutare come i pazienti stanno facendo. In questa parte dello studio, i pazienti saranno curati e continuati affinchè 12 - 30 mesi scoprano se il adalimumab è migliore ad impedire la ricorrenza di uveite che il trattamento del placebo e se il adalimumab è redditizio confrontato al trattamento del placebo.

I pazienti alla sulla prova ripartita con scelta casuale controllata a placebo saranno reclutati da più di 20 ospedali BRITANNICI di NHS. Quattrocento pazienti saranno assegnati al periodo della prova da 16 settimane, di cui 174 progrediranno nello studio ripartito con scelta casuale main.

Il trattamento usuale per uveite autoimmune comprende gli steroidi ed altra una o due droga per diminuire l'infiammazione. Purtroppo, rimane pazienti a cui non risponda o non tolleri il trattamento usuale, o ancora hanno bisogno degli steroidi della alto-dose di gestire l'uveite.

Gli steroidi a lungo termine della alto-dose aumentano il rischio di attacco di cuore, segnano ed infezione e pregiudicano il fisico medica e la salute mentale.„

Andrew Dick, ricercatore del capo e del professor, dipartimento di oftalmologia, università di Bristol

“Gli studi recenti suggeriscono una droga chiamata adalimumab, che neutralizza un prodotto chimico nell'organismo chiamato TNF-alfa, è un modo efficace di trattare l'uveite in alcuni pazienti. Il nostro studio spera di fornire la più chiara prova per identificare che i pazienti con uveite traggono giovamento il la maggior parte da adalimumab, sia riguardo alla loro visione che qualità di vita, compreso gli effetti secondari del trattamento.„

Srilakshmi Sharma, consulente in oftalmologia dall'ospedale dell'occhio di Oxford e università di Oxford e vice direttore del ricercatore e co-cavo clinico nazionale per lo studio, aggiunto: “La parte di questo studio sta mirando a capire chi trae giovamento la maggior parte da un farmaco, qualcosa che non sia stato studiato sistematicamente in altre prove di uveite.

Lavorando con gli specialisti di uveite in tutto il paese desideriamo assicurarci che altrettanti pazienti come possibile abbiano l'opportunità di partecipare a questa prova.„

L'uveite autoimmune (“uveite„) è un termine per parecchie malattie dell'occhio rare in cui il proprio sistema immunitario dell'organismo danneggia vista-minaccioso la retina sensibile alla luce alla parte posteriore dell'occhio.

Le cause di uveite avvistano la perdita da infiammazione dentro l'occhio, il danneggiamento dei vasi sanguigni nella retina o la dispersione di liquido nella centrale, la maggior parte della area delicata della retina.

I pazienti con uveite hanno contribuito a questo studio dall'inizio, aiutando a: progetti il protocollo; identifichi le misure paziente-riferite di risultato; co-author il riassunto di disposizione; disegni l'applicazione di finanziamento; fornisca il feedback sulla progettazione di prova e la partecipazione ad un'indagine nazionale valutare il contributo allo studio.