Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I caponi possono essere prontamente infettati con SARS-CoV-2, conferma lo studio

In uno studio pubblicato oggi (13 maggio 2020) in New England Journal di medicina, gli scienziati negli Stati Uniti ed il Giappone riferiscono che in laboratorio, i caponi possono essere prontamente infettati con SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 e possono potere passare il virus ad altri caponi.

Professore delle scienze di Pathobiological all'università di banco di Wisconsin di medicina veterinaria Yoshihiro Kawaoka piombo lo studio, in cui ricercatori amministrati a tre caponi SARS-CoV-2 isolati da un paziente umano. Il seguente giorno, i ricercatori hanno tamponato i passaggi nasali dei caponi e potevano individuare il virus in due degli animali. Nei tre giorni, hanno individuato il virus in tutti caponi.

Il giorno dopo che i ricercatori hanno amministrato il virus ai primi tre caponi, hanno collocato un altro capone in ciascuna delle loro gabbie. I ricercatori non hanno amministrato il virus SARS-CoV-2 a questi caponi.

Ogni giorno, i ricercatori hanno catturato tamponi nasali e rettali da tutti e sei i caponi per valutarli per la presenza del virus. Nei due giorni, uno dei caponi precedentemente non infetti stava spargendo il virus, individuato nel tampone nasale e nei sei giorni, tutti caponi stavano spargendo il virus. Nessuno dei tamponi rettali hanno contenuto il virus.

Ogni capone ha sparso SARS-CoV-2 dai loro passaggi nasali per i fino a sei giorni. Il virus non era letale e nessuno dei caponi dati segni della malattia. Tutti caponi infine hanno rimosso il virus.

“Che era un'individuazione importante per noi -- i caponi non hanno avuti sintomi,„ dice Kawaoka, che egualmente tiene una nomina della facoltà all'università di Tokyo. Kawaoka egualmente sta aiutando il cavo uno sforzo per creare un vaccino umano COVID-19 chiamato CoroFlu.

I risultati suggeriscono che i caponi possano essere capaci di essere infettati con il virus una volta esposti alla gente o ad altri caponi positivi per SARS-CoV-2. Segue che uno studio pubblicato nella scienza dagli scienziati all'accademia delle agronomie cinese che egualmente hanno mostrato caponi (e furetti) potrebbe essere infettato con e potenzialmente trasmettere il virus. Il virus è conosciuto per essere trasmesso in esseri umani attraverso il contatto con le goccioline e la saliva respiratorie.

È qualcosa affinchè la gente tenga presente. Se quarantined nella loro casa ed è si preoccupasse per passare COVID-19 ai bambini ed ai coniugi, dovrebbero anche preoccuparsi per darlo ai loro animali.„

Peter Halfmann, cavo di studio ed il professor di ricerca, università di Wisconsin-Madison

Entrambi i ricercatori consigliano che la gente con i sintomi di COVID-19 evita il contatto con i caponi. Egualmente consigliano i proprietari del capone di tenere i loro animali domestici all'interno, per limitare il contatto che i loro caponi hanno con altri gente ed animali.

Kawaoka è interessato circa il benessere degli animali. L'organizzazione mondiale per salute degli animali ed il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie dicono che non c'è “giustificazione nella preparazione delle misure contro gli animali del tambuccio che possono compromettere il loro benessere.„

Gli esseri umani rimangono il più grande rischio ad altri esseri umani nella trasmissione del virus. Non ci sono caponi di prova prontamente trasmettono il virus agli esseri umani, né c'è casi documentati in cui gli esseri umani sono diventato malati con COVID-19 a causa del contatto con i caponi.

C'è, tuttavia, le istanze confermate dei caponi che diventano infettate a causa del contatto vicino con gli esseri umani infettati con il virus e di parecchi grandi caponi allo zoo di Bronx egualmente hanno verificato il positivo a virus.

Per esempio, secondo un annuncio del 22 aprile dal ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti, due caponi in due proprietà private nello stato di New York hanno verificato il positivo a COVID-19. Uno era stato in una casa con una persona con un caso confermato della malattia virale. I caponi hanno mostrato i segni delicati della malattia respiratoria e si sono pensati che facciano un ripristino completo.

I caponi supplementari egualmente hanno verificato il positivo a COVID-19 dopo che vicino contattano con i loro tambucci umani, dice Sandra Newbury, Direttore del programma della medicina della protezione diUW-Madison. Newbury piombo uno studio della ricerca in parecchi stati negli Stati Uniti per esaminare i caponi della animale-protezione che potrebbero precedentemente essere esposti ai casi umani COVID-19.

“Le organizzazioni di benessere degli animali stanno funzionando molto duro in questa crisi per mantenere l'obbligazione dell'umano-animale e tenere gli animali domestici con la loro gente,„ dice Newbury. “È un tempo stressante per ognuno ed ora, più che mai, la gente ha bisogno della comodità e supporta che gli animali domestici forniscono.„

Newbury ha funzionato con il CDC e l'associazione medica veterinaria americana per sviluppare le raccomandazioni per le protezioni che alloggiano gli animali domestici potenzialmente esposti, che possono fare mentre i proprietari sono ospedalizzati o altrimenti incapace di fornire la cura a causa della loro malattia.

Le guide di studio diUW-Madison confermano sperimentalmente che i caponi possono essere infettati, sebbene il rischio di infezione naturale dall'esposizione a SARS-CoV-2 sembri essere abbastanza basso, Newbury dice. Dei 22 animali che il programma ha provato, nessuno hanno avuti prove positive di reazione a catena della polimerasi per il virus, lei aggiunge.

“I caponi sono ancora molto più probabili ottenere COVID-19 da voi, piuttosto che voi ottengalo da un capone,„ dice Keith Poulsen, Direttore del laboratorio diagnostico veterinario di Wisconsin, che raccomanda che l'animale domestico che i proprietari in primo luogo parlano con loro veterinari circa se avere loro animali abbia provato. La prova dovrebbe essere mirata a alle popolazioni dei caponi e ad altre specie indicate per essere suscettibile del virus e della trasmissione del virus.

Riguardo agli animali domestici, “stiamo mirando agli animali del tambuccio in residenze comunali con le popolazioni a rischio, quali le case di cura e gli impianti viventi assistiti,„ Poulsen dice. “C'è un bilanciamento delicato di bisogno necessario più informazioni con la prova e delle implicazioni cliniche e del risorsa limitata delle prove positive.„

Così, che cosa dovrebbero i proprietari dell'animale domestico fare?

Ruthanne Chun, decano di socio per gli affari clinici a cura veterinaria di UW, offre il seguente consiglio:

  • Se il vostro animale domestico vive all'interno con voi e non è in contatto con alcuna persona positiva COVID-19, è sicuro pet, stringere a sé ed interagire con il vostro animale domestico.
  • Se siete positivo COVID-19, dovreste limitare le interazioni con i vostri animali domestici per proteggerli dall'esposizione al virus.
  • L'orientamento supplementare sugli animali domestici di gestione nelle case in cui la gente è malata con COVID-19 è disponibile dall'associazione e dal CDC medici veterinari americani, includenti in questo FAQ da AVMA.

“Come sempre, i proprietari animali dovrebbero includere gli animali domestici ed altri animali nella loro pianificazione di preparazione di emergenza, compreso la conservazione a disposizione dell'offerta di due settimane di alimento e dei farmaci,„ dice. “I preparati dovrebbero anche essere fatti per la cura degli animali dovete essere quarantined o hanno ospedalizzato dovuto la malattia.„